Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
  

Buoni esempi per la sicurezza

05/11/2004: Disponibile on line in lingua italiana una scheda riassuntiva del Rapporto dell’Agenzia europea che illustra buone pratiche nel settore edile.
Pubblicità



La condivisione e la diffusione di soluzioni efficaci attuate dalle aziende per il miglioramento della sicurezza dei lavoratori, rappresenta una ricchezza ed una occasione di crescita per le imprese.
Nel numero 1111 di PuntoSicuro abbiamo dato notizia della pubblicazione, da parte dell’Agenzia europea per la salute e la sicurezza sul lavoro, di una relazione che ha raccolto esempi di buone prassi per la sicurezza nel settore edile.

Una sintesi del documento è stata ora pubblicata anche in lingua italiana ed è consultabile on line sul sito dell’Agenzia.
Tra gli esempi di buona prassi in fase di progettazione è illustrata una soluzione attuata nel Regno Unito, per la movimentazione di strutture in acciaio.

Le strutture in acciaio sono usate molto spesso nella costruzione di nuovi edifici. In questo caso devono essere sollevate con la gru travi di acciaio, che devono poi essere posizionate. Per effettuare questa operazione, normalmente la trave viene avvolta in apposite cinghie e poi sollevata, con il rischio che scivoli fuori dalle cinghie e cada. Per evitare che ciò accada, "si possono prevedere dei dispositivi di attacco per il sollevamento, ad esempio dei buchi perforati nell’acciaio cui si possono agganciare anelli di trazione per eliminare il rischio".

Per quanto riguarda invece la fase di manutenzione è sintetizzata l'esperienza realizzata da una azienda italiana per lavori di manutenzione in locali occupati.
"Questi lavori sono stati svolti in alcune parti di un vecchio monastero, ora adibito a biblioteca, museo e galleria, dove sono state realizzate vaste opere di costruzione per installare attrezzature di sicurezza e impianti di illuminazione. Non è stato possibile allontanare le persone non addette ai lavori dalle zone in cui si operava. Il piano di sicurezza e di coordinamento del progetto è stato predisposto dalla società che si è incaricata anche di coordinare gli aspetti relativi alla salute e alla sicurezza durante la fase di costruzione. Questa società ha assicurato misure protettive a tutela di tutte le persone esposte al rischio ed ha anche definito misure di sicurezza che potranno essere utilizzate in futuro per ulteriori lavori di manutenzione."

La scheda.

Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!

Ti potrebbero interessare anche


Commenti:


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome: (obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: