Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Una rete europea di formazione iniziale e continua

12/11/2008: Enetosh è una rete di educazione e formazione alla salute e sicurezza sul lavoro che opera dal 2005. Ha prodotto specifici standard di competenza, ha raccolto un gran numero di buone pratiche di formazione e organizza un incontro internazionale.
Pubblicità
google_ad_client<\/div

In occasione della “Settimana Europea dei Giovani” che si è svolta dal 2 al 9 novembre 2008   continuiamo a focalizzare la nostra attenzione sul problema della sicurezza sui luoghi di lavoro tra i giovani lavoratori. Giovani lavoratori che tra i 18 e i 24 anni hanno almeno il 50% di probabilità in più di subire un infortunio sul lavoro rispetto ad un collega più esperto.

 

---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----




 

Presentando, in precedenti articoli, alcuni documenti presenti sul sito dell’Agenzia Europea per la sicurezza e salute sul lavoro (OSHA), abbiamo raccontato il tentativo di integrare nel mondo scolastico l’insegnamento dei principi relativi alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Per facilitare questa integrazione e per raccogliere e diffondere dati su questa tematica è nata una Rete Europea di Educazione e Formazione alla Salute e Sicurezza sul Lavoro.
 

Enetosh (European Network Education and Training in Occupational Safety and Health) è infatti una rete europea per la formazione iniziale e continua nell’ambito della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro. Una rete che è stata supportata dalla Commissione Europea fin dal 2005 e di cui fan parte ad oggi 36 partner originari di 16 paesi europei (il principale partner italiano è l’Ispesl).

L’obiettivo di Enetosh – secondo quanto indicato nella loro newsletter – è quello di:

- garantire la qualità nei sistemi europei di formazione iniziale e continua nell’ambito della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro;

- dare impulso all’integrazione delle questioni di sicurezza e salute sul luogo di lavoro nel sistema d’istruzione pubblica.

L’idea di partenza di questa rete è che la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro debbano “essere parte integrante dell’apprendimento durante tutta la vita”: “dal nido, la scuola, la formazione professionale iniziale e l’università fino alla formazione professionale continua”.
 

Per raggiungere questi obiettivi sono stati raccolti moltissimi esempi di buona pratica per la formazione iniziale e continua ed è stato elaborato uno standard di qualità per i formatori e gli istruttori nell’ambito della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro.

La particolarità di questo standard “consiste nel fatto che racchiude sia le capacità formative del formatore, sia le conoscenze nell’ambito della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro”.
 

Sono quattro gli ambiti di competenza trattati:

- formazione iniziale e continua;

- sicurezza e salute sul luogo di lavoro;

- gestione della salute in azienda;

- gestione della sicurezza sul lavoro.

Questo standard descrive dunque i requisiti dei quali deve disporre un formatore/istruttore nell’ambito della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro: può essere utile per il reclutamento e la formazione continua del personale addetto e può servire da base per lo sviluppo di percorsi formativi.

“Per elaborare lo standard Enetosh sono state descritte situazioni concrete sul luogo di lavoro e il comportamento in tali situazioni”.

Queste descrizioni “sono state inserite nel Quadro Europeo delle Qualifiche (QEQ)” rendendo così possibile un confronto a livello europeo.

Lo standard di competenza Enetosh è riconosciuto da 14 istituzioni di 10 paesi europei ed è disponibile in 11 lingue.
 

Durante lo sviluppo di questa rete europea è stato elaborato un sistema di gestione qualità del quale fanno parte, tra l’altro, i seguenti strumenti:

- una lista di criteri per la scelta degli esempi di buona pratica;

- un questionario;

- un sistema di codifica;

- uno statuto e un codice di buona condotta per l’uso della piattaforma ENETOSH.
 

Gli esempi di buona pratica scelti, che sono pubblicati in una banca dati all’interno della piattaforma ENETOSH, “servono da spunto per avere nuove idee su come innovare i metodi della formazione iniziale e continua nell’ambito della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro in Europa e devono servire alla migliore integrazione dei temi sicurezza e salute nei sistemi d’istruzione pubblica nazionali”.

Infine Enetosh organizza periodicamente “Formazione & Innovazione”, un momento d’incontro “per lo scambio di sapere e di esperienze per tutto quello che concerne la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro”.
 
Formazione & Innovazione” è rivolto a “tutti coloro che si occupano della sicurezza e della salute sul luogo di lavoro nell’ambito della formazione iniziale e continua”, ma anche al personale dei nidi, agli insegnanti, ai docenti e agli uomini politici che vogliono integrare i temi della sicurezza e della salute sui luoghi di lavoro nel sistema generale dell’istruzione pubblica.
 
 
Link per consultare gli standard Enetosh in italiano (la pagina web è in inglese).
 

 
Pubblicità
google_ad_client<\/div

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!