Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza

Redazione
 Redazione
 Edilizia
01/07/2011: Speciale Ponteggi – Prima Parte: “una monografia” in più parti dedicata ai vari aspetti dell’insicurezza relativa al montaggio ed utilizzo dei ponteggi.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità
 
Trento, 1 Lug - Partendo dal numero odierno, nelle immagini dell’insicurezza affrontiamo le molteplici tematiche relative ai ponteggi: il montaggio, gli elementi costruttivi, l’utilizzo.
Cercheremo di approfondire alcuni degli aspetti peculiari, anche se molti potrebbero essere gli spunti di riflessione da esaminare ed analizzare.
 
Oggi iniziamo con la fase di montaggio/smontaggio dei ponteggi.


Pubblicità
MegaItaliaMedia

Brevemente ricordiamo che durante la fase di montaggio/smontaggio:
- i lavoratori devono essere dotati dei prescritti d.p.i., tra i quali segnaliamo i d.p.i. anticaduta e quelli di protezione del capo,
- le zone destinate allo stoccaggio ed al montaggio del ponteggio devono essere delimitate, deve essere gestita la viabilità e deve essere presente la specifica segnaletica di sicurezza,
- i sistemi di sollevamento degli elementi costituenti il ponteggio, devono garantire la sicurezza degli operatori. Ad esempio la carrucola deve essere dotata di dispositivo di sicurezza - freno automatico -  che impedisca la discesa del carico in caso di rilascio accidentale da parte dell’operatore.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
Ricordo che tutte le attività relative al montaggio/smontaggio ponteggi devono essere pianificate mediante la redazione del Pi.M.U.S. ed eseguita da personale specificatamente formato e sotto la diretta sorveglianza di un preposto. Per approfondimenti si può leggere l’articolo di PUNTOSICURO del 24 marzo 2009 che riporta le linee guida e un modello di Pi.M.U.S. in lingua italiana e tedesca curate dal CPE Bolzano.
 
Se in Italia non siamo messi bene, il problema si pone pure in altre Nazioni, di seguito vediamo un esempio che ci arriva dall’Austria - Foto di Daniele Bolza. Il montaggio di un ponteggio alla presenza di pedoni ed utenti dei negozi, totale assenza di compartimentazione dell’area dei lavori, totale assenza di dispositivi di protezione dei lavoratori, elevato rischio di caduta di materiali ed attrezzature dall’alto. (l’intera sequenza e’ visibile nelle pagine di sicurello.no.it ).
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 

 
 
 
Infine chiudiamo con alcune foto di due operai che durante le fasi di smontaggio di un ponteggio eseguono dei numeri da “equilibristi”, purtroppo non si tratta di un circo, ma di un cantiere.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Appuntamento alla prossima settimana per continuare questa carrellata di foto. Il tema affrontato riguarderà gli elementi del ponteggio: basette di partenza, ancoraggi ed altri elementi.
 
 
 
Farina Geom. Stefano, Consigliere Nazionale AiFOS
 
 
 
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: emanuele lopez01/07/2011 (06:53:15)
eccezionali funamboli!
magistrali equilibristi!
strabilianti giocolieri!
ma che ci fanno in un cantiere? non dovrebbero stare in un circo? e i responsabili dove sono? non dovrebbero stare a ripulire i boschi?
e la formazione dov'è andata? è rimasta aria frittà?
formazione per tutti! committenti, responsabili maestranze e cittadi! tutti dobbiamo Sapere! perchè il Sapere risveglia le coscienze! la coscienza crea cultura della sicurezza! se non Sai , il rischio ti sembra lontano. il rischio ti pare appartenere agli altri! e il concetto di "il pericolo è il mio mestiere" che è la cultura della morte, vince sul concetto "amo la vita più che mai".
lelelopez
Rispondi Autore: nicola albertella05/07/2011 (18:12:01)
Se un lavoratore accetta di montare un ponteggio in questo modo che dire? che cada tanto sicuramente ha la zucca vuota quindi non immagino quali altre assurdità potrebbe compiere nella vita!

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!