Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Gli agenti chimici mutageni

Redazione
 Redazione
 Medico competente
10/03/2005: Disponibile gratuitamente on line un opuscolo per il medico competente e per coloro che hanno un ruolo nella prevenzione.

Pubblicità


Il complesso tema della tutela dei lavoratori contro gli agenti chimici mutageni è stato affrontato in una sintetica Monografia dell’Inail.
La pubblicazione vuole fornire le fondamentali conoscenze sul tema a tutti coloro che, a vario titolo, hanno un ruolo nella prevenzione negli ambienti di lavoro e, in particolare, ai medici competenti.

Mentre gli agenti fisici e biologici risultano essere sufficientemente noti e numericamente definiti, non lo sono altrettanto gli agenti chimici.
L’azione di sostanze e composti chimici non solo non è sufficientemente nota, ma i progressi della chimica e l’utilizzazione dei più svariati prodotti negli ambienti di vita e nelle attività produttive pongono ogni giorno nuovi e maggiori problemi per la conoscenza dell’impatto che tali sostanze hanno sull’organismo umano.

I decreti legislativi n. 66/2000 e 25/2002 hanno contribuito in maniera significativa alla prevenzione anche nelle realtà lavorative che, pur non producendo sostanze chimiche o non utilizzandole nel processo produttivo, comportano la sola presenza di agenti chimici nel posto di lavoro.

L’opuscolo, dopo una nota introduttiva sulla genetica umana, sui processi di mutagenesi e sulle patologie da agenti mutageni (acquisite o ereditarie), illustra le principali categorie delle sostanze pericolose e come riconoscere tra queste le sostanze mutagene (Categoria di sostanza mutagena, Definizione, Lettera e specifica frase di rischio).
L’opuscolo affronta gli aspetti generali della prevenzione, in particolare valutazione del rischio, interventi sulla sorgente “inquinante”, interventi sull’organizzazione del lavoro, interventi sulla diffusione degli “inquinanti”, interventi direttamente sull’esposto.

Concludono la pubblicazione un paragrafo sulla normativa di riferimento e una appendice con cenni di anatomia e fisiologia dell’apparato riproduttivo maschile e femminile.

L’opuscolo è consultabile qui.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!