LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuroNuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Le immagini dell’insicurezza


Sulla strada come se fosse in cantiere.

Pubblicità

        
Trento, 26 Feb -In caso di cantieri di ridotte dimensioni le attività di carico e scarico dei mezzi d’opera è sempre un punto critico e le immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no di oggi ci mostrano come a questa criticità si aggiunge anche una discreta dose di menefreghismo da parte dell’operatore addetto alle operazioni di scarico.


Pubblicità
 
 
La scena che si presenta al fotografo è molto chiara:
- una strada aperta al traffico,
- totale assenza di segnaletica che indichi la presenza di mezzi d’opera sulla sede stradale,
- un furgone che, parcheggiato all’incrocio,  ostruisce parzialmente il flusso di traffico (scarso, ma presente),
- una pala meccanica in manovra con una “benna” infilata sulle forche,
- nessun operatore a terra che disciplini la manovra,
- un ciclista che trovandosi a passare sulla “pubblica via” rischia di essere investito.
 
 
 
 

 

 
 
 
Probabilmente sarebbero bastati uno o due operatori a terra con la funzione di movieri ed un po’ di segnaletica per poter eseguire la stessa manovra in sicurezza, senza il rischio di collisioni con i mezzi in transito o di investimento di pedoni e ciclisti.
 
Geom. Stefano Farina, Responsabile Nazionale Comitato AiFOS COSTRUZIONI
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: