Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

I quesiti sul decreto 81: verifica dell’idoneità negli appalti

I quesiti sul decreto 81: verifica dell’idoneità negli appalti
08/06/2016: Sulla verifica dell’idoneità tecnico professionale di una impresa alla quale un committente vuole affidare l’esecuzione di un’opera edile. A cura di G. Porreca.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

 
 
Quesito
Può affidare un committente, in applicazione del D. Lgs. n. 81/2008, l’esecuzione di un’opera edile ad una impresa che svolge un’attività commerciale ma che comunque non dovrà eseguire direttamente i lavori in cantiere avendo in programma di trasferire integralmente gli stessi a ditte subappaltatrici?
 

Pubblicità
MegaItaliaMedia
 
Risposta
Il quesito riguarda sostanzialmente la verifica della idoneità tecnico professionale di un’impresa affidataria con la quale il committente di un’opera edile ex art. 89 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i. vuole stipulare un contratto di appalto per la realizzazione di un opera che richiede pertanto la organizzazione di un cantiere temporaneo o mobile. Per rispondere al quesito è opportuno in premessa richiamare gli obblighi che il legislatore ha posto a carico del committente da adempiere nei confronti di un’ impresa affidataria tale da intendersi, secondo la definizione di cui all’art. 89 comma 1 lettera i) del D. Lgs. n. 81/2008, una “impresa titolare del contratto di appalto con il committente che, nell'esecuzione dell'opera appaltata, può avvalersi di imprese subappaltatrici o di lavoratori autonomi”.
 
L’impresa affidataria, secondo quanto indicato nel D. Lgs. n. 81/2008, può anche non essere esecutrice ma la stessa è tenuta comunque a rispettare gli obblighi che il legislatore ha posto a suo carico contenuti negli articoli 96 comma 1 e 97 oltre all’obbligo di cui al punto 01 dell’Allegato XVII dello stesso D. Lgs. n. 81/2008, cosi come modificato dal D. Lgs. 3/8/2009 n. 106, secondo il quale “Le imprese affidatarie dovranno indicare al committente o al responsabile dei lavori almeno il nominativo del soggetto o i nominativi dei soggetti della propria impresa, con le specifiche mansioni, incaricati per l’assolvimento dei compiti di cui all’articolo 97”.
 
(...)
 
La risposta completa è disponibile per gli abbonati in area riservata:
 
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!