Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

I quesiti sul decreto 81: la sicurezza delle macchine extraeuropee

I quesiti sul decreto 81: la sicurezza delle macchine extraeuropee
15/10/2014: Sulla possibilità di mettere in esercizio in Italia una macchina costruita in un paese extraeuropeo e rispondente alle norme di sicurezza del paese di provenienza. A cura di G. Porreca.
Pubblicità
 
 
Bari, 15 Ott – Un quesito sulla possibilità di mettere in esercizio in Italia una macchina costruita in un paese extraeuropeo e rispondente alle norme di sicurezza del paese di provenienza. Risposta a cura di Gerardo Porreca ( www.porreca.it).
 
Quesito
Se una macchina importata da un paese extraeuropeo è fornita di una documentazione tecnica attestante la sua rispondenza alle norme di sicurezza del paese nel quale è stata costruita può essere messa in esercizio in Italia senza l’obbligo di ulteriori adempimenti?
 

Pubblicità
MegaItaliaMedia
 
Risposta
E’ un caso quello segnalato nel quesito al quale sono applicabili le disposizioni di cui al D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i., contenente il Testo Unico in materia di salute e di sicurezza sul lavoro ed in particolare quelle di cui al Titolo III dello stesso D. Lgs. relativo all’uso delle attrezzature di lavoro nonché le disposizioni di cui al D. Lgs. 27/1/2010 n. 17, contenente l’attuazione della direttiva 2006/42/CE relativa alla sicurezza delle macchine, decreto che ha abrogato e sostituito la cosiddetta “direttiva macchine” di cui al D.P.R. 24/7/1996 n. 459, disposizioni che qui di seguito si ritiene di richiamare per rispondere al quesito formulato.
 
 
(...)
 
La risposta completa è disponibile per gli abbonati in area riservata:
 




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Massimo Trolli - likes: 0
15/10/2014 (10:04:00)
In risposta al quesito l'Ing. Porreca istruisce che chi importa una macchina prodotta in paesi extraeuropei mettendola in esercizio nell’ambito della Comunità europea nonché a disposizione dei propri lavoratori dipendenti, dovrà rispettare, fra le altre disposizioni di certificazione previste al comma 3 dell’articolo 3 del D. Lgs. n. 17/2010, le disposizioni di cui al punto d, ovvero espletare le appropriate procedure di valutazione della conformità al D. Lgs. n. 17/2010;
Per precisare cosa comportino tali procedure di valutazione della conformità sarebbe utile aggiungere che le stesse sono espletate ai sensi dell'art. 9 dello stesso D.lgs. 27/01/2010 n. 17, come d'altronde riportato al medesimo punto d) del comma 3 dell'articolo 3 del D.lgs. 17/2010. Grazie. Cordiali saluti. M.T.

Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!