Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

I droni sono nemici del COVID 19

I droni sono nemici del COVID  19
07/05/2020: Giunge da una società canadese una interessantissima notizia in merito all’utilizzo di droni per attività di sanificazione e disinfezione.

Che i droni siano occupando un ruolo sempre più importante della nostra società è fatto ben noto, ma che possano anche dare una mano nel mettere sotto controllo il rischio di contagio da COVID 19 è certamente una novità.

 

Due aziende specializzate canadesi si sono riunite per mettere a punto un programma di utilizzo dei droni per rendere più sicure e rapide le operazioni di sanificazione e disinfezione all’interno di locali più o meno ampi. Grandi aziende, grandi capannoni, parcheggi, e anche edifici ad uso ufficio possono essere bonificati con delle tecnologie, che garantiscono ottimi risultati e riducono in maniera significativa i tempi e costi dell’operazione di bonifica.

 

 

Pubblicità
Privacy GDPR - Tutela dei dati personali - 3 ore
Corso online di formazione per Persone autorizzate al trattamento dei dati personali - Regolamento Europeo (UE) 2016/679 - Integrazione digitale dei processi aziendali
 

I droni che vengono utilizzati debbono essere programmati in modo appropriato, in maniera che possano decollare ed atterrare in zone adeguate, utilizzando le ormai note tecnologie LiDAR. Queste tecnologie utilizzano dei sensori, che segnalano il fatto che soggetti non autorizzati siano entrati nelle zone, dove è in corso la bonifica, in modo che l’operatore del drone possa regolarsi in modo appropriato, interrompendo l’operazione, oppure inviando sul posto una pattuglia, che allontani l’intruso.

 

In vista del fatto che questi droni potrebbero muoversi in locali relativamente ristretti, occorre installare dei sistemi di posizionamento del drone molto più accurati dei sistemi GPS convenzionali: questi sistemi di posizionamento, che lavorano anche all’interno dei locali e sono di elevatissima precisione, si chiamano indoor positioning system (IPS). Questi sistemi sono costituiti da una rete di sensori di posizione, distribuiti all’interno dell’edificio, che garantiscono un’accuratezza di posizione dell’ordine di qualche centimetro.

 

L’abbinamento della operazione di bonifica con la registrazione, su una pianta dell’edificio, delle zone bonificate permette a tutti gli operatori, all’interno dell’edificio, di sapere con certezza se stanno entrando in una zona che è stata già bonificata oppure no.

 

Questo progetto è stato sviluppato in Canada nell’ambito di un programma, sostenuto dalle autorità canadesi, dal nome attraente di "Return to Work".

 

Chissà se qualche azienda italiana è pronta ad offrire un servizio analogo?

 

Adalberto Biasiotti

 




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!