Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Sicurezza sul lavoro: si conclude 'Carta 2000'

Redazione
 Redazione
 Approfondimento
06/12/1999: A conclusione del convegno 'Carta 2000', si delineano gli impegni del Governo in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Accrescere la cultura della sicurezza e realizzare strumenti concreti per la prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro, allineando l'Italia allo standar europeo : questo è l'obiettivo al quale puntare secondo quanto emerso a conclusione del convegno 'Carta 2000' tenutosi a Genova nei giorni scorsi.

Tra i provvedimenti più urgenti che verranno approvati a breve, sono stati annunciati i decreti Inail previsti ai sensi della legge 144/99, in particolare quelli riguardanti gli incentivi alle imprese, la riforma delle tariffe Inail che premierà con un sistema bonus-malus le aziende che investiranno in sicurezza, la riforma degli appalti per superare il massimo ribasso, la promozione dell'informazione e della formazione dei lavoratori a cominciare dall'apprendistato.

Inoltre è stato dato particolare risalto ai decreti che completeranno il D.Lg 626/94 tra i quali ricordiamo quello riguardante la scelta e l'utilizzo dei Dpi, il decreto riguardante il pronto soccorso, l'istituzione dei registri dei lavoratori esposti a sostanze cancerogene, dei registri dei decessi dovuti all'esposizione a sostanza cancerogene.

Il presidente dell'Inail Billia ha evidenziato che la riduzione degli infortuni si realizza attraverso la prevenzione e l'innovazione tecnologica, e ha indicato l'esempio della Germania, nella quale è diminuito sensibilmente il numero degli infortuni sul lavoro all'istituzione di 4.000 ispettori del lavoro che non solo attuano controlli, ma realizzano anche consulenza e trasferimento delle tecnologie nelle aziende.
Tra le proposte emerse, si rivela innovativa quella avanzata dal ministro del lavoro Salvi di creare la figura dell?ispettore unico per la sicurezza del lavoro, in modo da 'concentrare il più possibile in un unico momento, in un unico intervento, la prevenzione il controllo.' L'esempio della Germania nella quale operano 4.000 ispettori del lavoro.'
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!