Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
stampa articolo  esporta articolo in PDF

Verifica dell’Idoneità Tecnico Professionale: una soluzione operativa

Verifica dell’Idoneità Tecnico Professionale: una soluzione operativa
 Ufficio Stampa
 PUBBLIREDAZIONALE
12/09/2018: Alcuni semplici strumenti per la gestione della verifica dell'ITP delle imprese appaltatrici: soluzioni concrete che, con l’aiuto di software dedicati, monitorino e gestiscano le informazioni raccolte.

 

In base all’art. 26 del D. Lgs. N° 81/2008, il committente è tenuto a verificare l’idoneità tecnico professionale degli appaltatori e dei loro lavoratori.

Spesso quest’obbligo è disatteso o mal gestito causando, in caso di incidente, la condanna del committente stesso.

L’Ing. Catanoso, nell’articolo " Una proposta per la verifica dell’idoneità tecnico professionale", oltre ad evidenziare l’impatto di tale norma, ha sottolineato quanto sia importante trovare delle soluzioni concrete che, con l’aiuto di software dedicati, monitorino e gestiscano le informazioni raccolte.

Ricordiamo che, oltre all'obbligo formale previsto dalla legge, relativo all'acquisizione del certificato di iscrizione alla camera di commercio e dell'autocertificazione del possesso dei necessari requisiti, sussiste un obbligo sostanziale di verifica del reale possesso di tali requisiti.

Questo obbligo si concretizza nella necessità di acquisire una serie di documenti aggiuntivi di cui, spesso, occorre anche gestire la scadenza (es. DURC o assicurazione professionale).

 

Elenco dei requisiti fornito all’appaltatore per un contratto di pulizie civili

 

La mera gestione documentale, inoltre, non è sufficiente.

Il committente è anche tenuto ad informare l’appaltatore sui rischi e a verificare che quanto da esso denunciato corrisponda a quanto avviene durante l'esecuzione dell'appalto. Primo tra tutti: il lavoratore che entra in azienda deve far parte dell'elenco delle persone indicate dal fornitore e sottoposte a verifiche dal committente.

La gestione di una tale mole di informazioni necessita di 2 condizioni fondamentali:

  • una fattiva collaborazione dei fornitori;
  • uno strumento informatico che semplifichi la gestione e la comunicazione, le cui caratteristiche sono state elencate con precisione nell'articolo a cui facciamo riferimento.

Lo sviluppo di uno strumento dedicato rappresenta, per la complessità delle funzionalità messe a disposizione, un costo importante per le aziende di piccola e media dimensione.

E' per questo motivo che AimSafe ha implementato un completo ed intuitivo portale di qualifica dei fornitori che, essendo proposto in cloud standardizzato, ma altamente personalizzabile, ha costi assolutamente accessibili.

Gli strumenti che AimSafe mette a disposizione in questo portale consentono una completa e immediata gestione documentale degli appalti e una dettagliata valutazione dei rischi da interferenza finalizzata alla redazione del DUVRI.

Tra le funzionalità disponibili troverete:

  • banca dati con alcuni dei più comuni appalti riscontrabili in ambito industriale, utilizzabili per le proprie valutazioni e liberamente personalizzabili;
  • condivisione di informazioni con gli appaltatori;
  • raccolta online e approvazione della documentazione richiesta. I documenti che il committente richiede possono essere personalizzati eliminando alcuni di quelli proposti, aggiungendone di nuovi o modificando quelli esistenti per aderire al livello di controllo che la singola organizzazione vuole raggiungere;
  • analisi automatizzata dei requisiti con segnalazione automatica, tramite email, di eventuali carenze o scadenze. Non dovrete più preoccuparvi di sollecitare gli appaltatori che non vi hanno ancora fornito i documenti: ci penserà AimSafe;
  • generazione automatica della documentazione relativa ai rischi da interferenza, comprensiva di un'innovativa scheda specifica per l'appalto selezionato. AimSafe genera un DUVRI vero e proprio, ovvero un documento UNICO dove sono prese in considerazione le interferenze di TUTTE le aziende appaltatrici e non un documento fatto solo tra il committente e il singolo appaltatore che tralascia completamente i rischi da interferenze tra appaltatori;
  • sistema di monitoraggio degli accessi e del rispetto dei requisiti per i lavoratori presenti in azienda. Grazie alla condivisione dell’accesso, la reception o la guardiania potranno accedere all’elenco dei lavoratori dell’appaltatore per autorizzare l’ingresso in azienda.

Tutte le funzionalità disponibili sono dettagliate in questa pagina, in cui troverete anche una breve videoguida operativa.

 

Prova gratuitamente (senza alcun obbligo di rinnovo) il modulo "DUVRI e portale qualifica fornitori" iscrivendoti  a AimSafe.

 

Restiamo a disposizione per qualsiasi richiesta di chiarimento o per accogliere suggerimenti finalizzati a migliorare il prodotto.


Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!