Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Nuovo Testo Unico Sicurezza sul lavoro commentato da Guariniello

Nuovo Testo Unico Sicurezza sul lavoro commentato da Guariniello
 Ufficio Stampa
 PUBBLIREDAZIONALE
25/03/2020: È disponibile la nuova edizione del Testo Unico Sicurezza sul lavoro commentato da Raffaele Guariniello con nuove e illuminanti sentenze destinate a fornire alle imprese e agli operatori indicazioni inedite su temi determinanti.

Il T.U. Sicurezza sul lavoro commentato con la giurisprudenza, a cura di Raffaele Guariniello, è uno strumento indispensabile per capire come applicare correttamente la normativa in materia di igiene e sicurezza sul lavoro e non incorrere in sanzioni.

 

Per ogni articolo del T.U. Sicurezza e del Codice penale rilevante per la materia, Raffaele Guariniello commenta e approfondisce le sentenze più recenti e interessanti, estrapolando tutti gli elementi di interesse per gli operatori del settore.

 

 

 

In questa nuova edizione del volume, si segnalano nuove e illuminanti sentenze destinate a fornire alle imprese e agli operatori indicazioni inedite su temi determinanti quali:

 

  • limiti alle responsabilità penali dei datori di lavoro nelle società complesse e nelle imprese pubbliche;
  • rispettive responsabilità di datori di lavoro e RSPP;
  • medici competenti non integrati nel contesto aziendale;
  • rischi emergenti come violenza, molestie, stress;
  • tutela dei lavoratori all’esterno, dai lavoratori distaccati ai lavoratori agili, ai ciclofattorini, nel quadro del rinnovato concetto di luogo di lavoro;
  • modalità di elaborazione dei modelli di organizzazione e di gestione idonei ad esimere da responsabilità le imprese e i datori di lavoro deleganti;
  • responsabilità del committente in caso di frazionamento del proprio ciclo produttivo mediante appalti;
  • la controversa vigilanza esigibile dal coordinatore per l’esecuzione dei lavori nei cantieri temporanei o mobili.

 

Approfondisci qui

 

 


Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: avv. Rolando Dubini - likes: 0
28/03/2020 (02:18:20)


COVID-19, IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGO DEL DVR CORONAVIRUS (Guariniello)
TUTTI SI STANNO chiedendo se il datore di lavoro debba valutare il rischio coronavirus e individuare le misure di prevenzione contro tale rischio nel documento di valutazione dei rischi. A dare la risposta è, a ben vedere, l’art. 28, comma 2, lett. a), TUSL, ove si usa l’espressione “tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività lavorativa”. Un’espressione altamente volutamente significativa, in quanto fa intendere che debbono essere valutati tutti rischi che possono profilarsi, non necessariamente a causa dell’attività lavorativa, bensì durante l’attività lavorativa: come appunto il coronavirus. Proprio quel “durante” induce a condividere la linea interpretativa accolta dalla Commissione per gli Interpelli nell’attualissimo Interpello n. 11 del 25 ottobre 2016: “il datore di lavoro deve valutare tutti i rischi, compresi i potenziali e peculiari rischi ambientali legati alle caratteristiche del Paese in cui la prestazione lavorativa dovrà essere svolta, quali a titolo esemplificativo, i rischi legati alle condizioni sanitarie del contesto geografico di riferimento”.
Il Fatto Quotidiano 26/3/2020

Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!