Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Esistono casseforti e casseforti!

Esistono casseforti e casseforti!
Adalberto Biasiotti
 Adalberto Biasiotti
 Security
02/10/2019: Non vi è alcun punto di contatto fra una vera e propria cassaforte e i contenitori di sicurezza per uso domestico, perlopiù da incassare a muro, che vengono spacciati dai rivenditori come “casseforti”.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Basta recarsi all’interno di un centro commerciale, che tratta casalinghi ed attrezzature domestiche in metallo, per vedere presenti su numerosi scaffali dei contenitori, che vengono etichettati con la qualifica di “casseforti”. Per sottolineare vieppiù al potenziale acquirente la qualità e l’affidabilità di questi prodotti, spesso si fa anche riferimento a prodotti certificati in conformità alla norma UNI EN 14450.

 

È bene che l’acquirente di questi prodotti si renda conto che egli non sta per acquistare una cassaforte, bensì un contenitore sicuro per uso domestico, che ha caratteristiche di resistenza all’attacco ben inferiori, rispetto ad una cassaforte vera e propria. È forse questo il motivo per cui quasi ogni giorno le cronache ci informano di attacchi, perpetrati dai malviventi, spesso in assenza dei proprietari, che aprono in brevissimi tempi questi contenitori, asportano il contenuto e si allontanano rapidamente.

 

I contenitori in questione possono essere privi di qualsiasi certificazione, e quindi lasciano il tempo che trovano; più pericolosa diventa la situazione, quando questi contenitori sono promossi, sulla base di una specifica certificazione, rilasciate da enti accreditati, con riferimento alla norma UNI EN 14450:2018.

 

 

Pubblicità
Privacy GDPR - Tutela dei dati personali e Cyber security - 3 ore
Corso online di formazione per Persone autorizzate al trattamento dei dati personali - Regolamento Europeo (UE) 2016/679
 

 

Ricordo ai lettori il titolo esatto di questa norma, che recita:

UNI EN 14450:2018- Mezzi di custodia - Requisiti, classificazione e metodi di prova per la resistenza all'effrazione - Contenitori di sicurezza per uso domestico

 

Nel testo di questa norma mai si fa riferimento a casseforti, proprio per evitare possibili malintesi, da parte dell’acquirente, che crede di comperare una cassaforte, mentre invece sta acquistando un contenitore di sicurezza per uso domestico, che è tutt’altra cosa, soprattutto dal punto di vista della resistenza all’effrazione.

 

Se invece l’acquirente desidera acquistare una vera e propria cassaforte, egli deve cercare un prodotto che sia certificato in conformità ad un’altra norma, che porta questo titolo:

UNI EN 1143-1:2012 - Mezzi di custodia - Requisiti, classificazione e metodi di prova per la resistenza all'effrazione - Parte 1: Casseforti, casseforti per ATM, porte per camere corazzate e camere corazzate

 

Posso assicurare il lettore che l’analisi dei metodi di prova per la resistenza all’effrazione, applicabili alle casseforti, porta ad una differenza clamorosa, rispetto ai già menzionati contenitori per uso domestico.

 

Chi scrive rappresenta, su indicazione del ministero dello sviluppo economico, il comitato nazionale consumatori ed utenti-CNCU- e ha ricevuto specificamente l’incarico di partecipare alle attività normative su temi afferenti alla sicurezza domestica, vigilando sul fatto che tali normative soddisfino appieno le esigenze del consumatore medio.

 

Alla luce del fatto che sempre più spesso sugli scaffali dei centri commerciali e sulle pubblicità sui mezzi di comunicazione di massa si continua a fare riferimento a casseforti, che invece altro non sono che contenitori sicuri per uso domestico, sto valutando la possibilità di adire l’AGCOM, per segnalare questa presenza di pubblicità ingannevole.

 

Nel frattempo, si raccomanda a tutti gli utenti domestici, che desiderino migliorare il livello di sicurezza della propria abitazione, di prestare estrema attenzione a ciò che acquistano, avendo ben presente il fatto che un contenitore di sicurezza per uso domestico ha caratteristiche di resistenza all’effrazione completamente diverse, rispetto a quelle di una cassaforte vera e propria.

 

Adalberto Biasiotti




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Rispondi Autore: Paolo Giuntini
02/10/2019 (09:40:00)
Grazie per la puntuale precisazione

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!