Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

"Occhio alla truffa!" per non rimanere vittime di truffatori e malviventi

Redazione
 Redazione
 Criminalità
19/05/2008: La Questura di Cremona, in collaborazione con le amministrazioni Comunale e Provinciale, ha realizzato l’opuscolo “Occhio alla truffa!”. Un vademecum con le dieci regole d’oro da seguire quando si è in casa o quando si è per strada.
Pubblicità

 
Nel 2004, in occasione della festa della polizia, la Questura di Cremona in collaborazione con le amministrazioni Comunale e Provinciale, aveva realizzato un “opuscolo che riportava una serie di consigli ed accorgimenti da adottare per non rimanere vittime di truffatori e malviventi che fu distribuito nell'intera provincia in circa 100.000 esemplari”.
 
 
Quest’anno, per continuare e integrare l’iniziativa, è stato pubblicato un nuovo opuscolo – “Occhio alla truffa!”- presentato alla cittadinanza nel corso di una “conferenza stampa presso il palazzo comunale a cui hanno preso parte il Questore della provincia di Cremona, Massimo Francesco Castore, il sindaco, Giancarlo Corada, il Comandante provinciale dell'Arma dei Carabinieri, Colonnello Michele Arcangelo Cozzolino, nonché i funzionari e gli Ufficiali appartenenti agli Uffici che hanno materialmente realizzato il progetto”.
 
 

---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----






Questo opuscolo che sarà “distribuito porta a porta a tutte le famiglie” residenti a Cremona e, in ambito territoriale, allegato al periodico dell'amministrazione Provinciale "Provincia Nuova", può essere consultato e scaricato on line.
 
Alla pubblicazione, che segue analoghe iniziative di altre questure, si affianca un vademecum in cui sono indicate dieci regole importanti da seguire quando si è a casa o quando si è per strada.
 
Dieci regole d'oro quando sei in casa
- Non aprire la porta di casa agli sconosciuti;
- Prima di aprire la porta, guarda attraverso la finestra o lo spioncino della porta chi ha suonato. Se hai di fronte uno sconosciuto, controlla che la catenella della porta sia agganciata e poi chiedi chi è;
- Spesso i truffatori si presentano come tecnici del gas, della luce, delle caldaie o del telefono, funzionari di enti o banche, rappresentanti di associazioni benefiche. Se nel tuo palazzo o nella cassetta della posta non hai visto avvisi attendibili, non aprire;
- Non dare mai denaro agli sconosciuti che suonano il campanello. Associazioni benefiche, enti e aziende pubbliche (Comune, AEM, aziende telefoniche e così via) non raccolgono denaro porta a porta;
- Se qualcuno suona il campanello per consegnarti lettere, pacchi o altro, chiedi che vengano lasciati nella cassetta della posta o sullo zerbino;
- Se ti chiedono di firmare qualcosa, apri la porta senza togliere la catenella e fatti consegnare il modulo da firmare attraverso la fessura. Se non sei convinto, non firmare;
- Non mandare i bambini ad aprire la porta;
- Se con astuzia uno sconosciuto è riuscito ad entrare in casa:
- cerca di richiamare l’attenzione di un vicino e fai in modo che resti con te
- rimani nella stanza d’ingresso e non perdere mai di vista lo sconosciuto
- invita l’estraneo ad uscire, apri la porta e ripeti l’invito ad alta voce;
- Tieni accanto al telefono un’agenda con i numeri dei servizi di pubblica utilità (Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Locale, AEM...), per averli a portata di mano in caso di necessità;
- Tieni le porte sempre chiuse, anche quando sei in casa.
 
Dieci regole d’oro quando sei in strada
- Non fermarti per strada con gli sconosciuti, neppure se sembrano persone distinte e gentili;
- Non dare ad estranei informazioni sulla tua casa (eventuali dispositivi di sicurezza, casseforti), sulla composizione della tua famiglia (in quanti siete, se vivi da solo) e sulle tue abitudini (orari in cui esci, lunghi periodi di assenza);
- Percorri strade frequentate e ben illuminate ed evita luoghi bui e deserti,
- Non sostare in luoghi appartati, nemmeno se sei in compagnia;
- Non farti accompagnare a casa o alla macchina da persone che conosci poco, anche se si dimostrano gentili e disponibili;
- Non tenere il portafoglio o il denaro contante in tasche esterne della giacca o della borsa e fai molta attenzione quando ti trovi in luoghi affollati;
- Quando cammini per strada tieni la borsa vicino al corpo, dal lato opposto allo scorrimento del traffico, ma lasciala subito nel caso venisse agganciata da uno scippatore;
- Non tenere la borsa nel cestino della bicicletta o in vista all’interno dell’automobile, soprattutto se hai i finestrini abbassati;
- Prima di aprire il portone del palazzo dove abiti o la porta di casa, controlla sempre che alle tue spalle non ci sia nessuno sconosciuto;
- Porta sempre con te un telefono cellulare per le emergenze.
 
Fonte: Ministero dell’Interno.
 
 
È disponibile anche l’Opuscolo “Occhio alla truffa!” del 2004 (PDF - 3 MB)
 
 
 
 
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!