Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Crea PDF

Gli impianti elettrici e i rischi di elettrocuzione e di incendio

Gli impianti elettrici e i rischi di elettrocuzione e di incendio
Redazione

Autore: Redazione

Categoria: Prevenzione incendi

28/07/2022

Un documento si sofferma sulla sicurezza elettrica con particolare riferimento a componenti degli impianti, rischi e sistemi di protezione. Focus sull’utilizzo improprio di apparecchiature elettriche e su elettrocuzione e incendi.

 


Roma, 28 Lug – Un impianto elettrico è definibile come un “insieme delle costruzioni e delle installazioni destinate ad uno o più delle seguenti funzioni: produzione, conversione, trasformazione, regolazione, smistamento, trasporto, distribuzione e utilizzazione dell’energia elettrica”. E proprio la molteplicità delle apparecchiature utilizzabili in questi impianti e le varie condizioni d’impiego “possono essere origine di diversi fattori di rischio elettrico, tra cui i principali sono:

  • passaggio di corrente elettrica pericolosa per il corpo umano (elettrocuzione);
  • elevate temperature o archi elettrici che possono provocare incendi o ustioni”.

Inoltre “per garantire l’uso sicuro delle apparecchiature elettriche e degli impianti, è necessaria la presenza di sistemi e dispositivi di protezione contro:

  • contatti diretti;
  • contatti indiretti;
  • effetti termici;
  • sovracorrenti e sovratensioni”.

 

A ricordarlo, fornendo alcune informazioni sul rischio elettrico, è il Quaderno informativo n.4 elaborato dall’Ufficio Speciale Prevenzione e Protezione dell’ Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e pubblicato nel Portale del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza sul Lavoro.

 

 

Il documento, intitolato “Sicurezza elettrica (componenti, rischi, sistemi di protezione e normativa)”, riporta diverse utili indicazioni sui componenti degli impianti elettrici, sui rischi, sui sistemi di sicurezza, sulla segnaletica e sui principali controlli a vista di un impianto.

Il documento si sofferma anche sulla normativa, ma riguardo a questo aspetto, e in considerazione del fatto il documento non è di recente elaborazione, rimandiamo alla lettura dei nostri articoli in materia di rischio elettrico.

 

L’articolo di presentazione del documento si sofferma sui seguenti argomenti:

Pubblicità
Il rischio elettrico - 30 minuti
Informazione ai lavoratori sui rischi specifici ai sensi dell'art. 36 del D.Lgs. 81/2008 - Il rischio elettrico

 

Sicurezza elettrica: i componenti di un impianto elettrico

Il documento - redatto, nelle diverse stesure, da Filippo Monti, Luciano Papacchini, Domenico Petrucci, Giuseppe Pichezzi, Marco Romagnoli, Emiliano Rapiti e Enzo Spagnuolo - ricorda che un impianto elettrico è generalmente costituito da quadro elettrico, tubi e cavi, prese a spina, apparecchi di manovra e comando, lampade, sistemi e apparecchi di protezione.

 

Riportiamo qualche indicazione riguardo al quadro elettrico.

Si ricorda che in ogni impianto elettrico, a valle del contatore, “si trova un quadro di distribuzione, costituito da materiale plastico autoestinguente a doppio isolamento, nel caso di piccole dimensioni, e da materiale metallico negli altri casi”. E tale quadro “alloggia gli interruttori che hanno due funzioni: protezione e sezionamento”.

 

Mentre riguardo ai tubi e cavi si ricorda che i tubi “servono per proteggere meccanicamente i cavi elettrici e possono essere posati a vista, sotto intonaco, o sotto pavimento. Possono essere di tipo flessibile in polivinile, di tipo rigido in PVC, o in acciaio zincato. I cavi servono per raggiungere con la corrente elettrica i vari punti dell’impianto”.

Si ricorda che i cavi “possono essere classificati in funzione del comportamento nei confronti del fuoco o della tensione d’isolamento”. Ad esempio in base al comportamento nei confronti del fuoco i cavi si possono classificare in:

  • “non propaganti fiamma;
  • non propaganti l’incendio;
  • non propaganti l’incendio e a ridotta emissione di fumo e gas tossici;
  • resistenti al fuoco;
  • per ambienti ad elevate temperature”.

 

Si segnala poi che i “sistemi e apparecchi di protezione” servono per “limitare gli effetti dannosi, per l’integrità del sistema e per la sicurezza delle persone, d’eventuali anomalie dell’impianto elettrico”.

 

Sicurezza elettrica: i rischi di elettrocuzione e di incendio

Il quaderno informativo ricorda che i principali rischi connessi all’utilizzo di corrente elettrica sono due:

  • elettrocuzione: “consiste nell’attraversamento del corpo umano da parte della corrente elettrica. Affinché si possa verificare tale passaggio la corrente deve avere un punto di entrata e un punto di uscita. Ad esempio, se accidentalmente si viene a contatto con un elemento in tensione, il passaggio di corrente avviene solo se il corpo umano è in contatto diretto con la terra”;
  • incendio: “l’incendio di origine elettrica o l’innesco in atmosfera esplosiva è dovuto ad un’anomalia dell’ impianto elettrico, come ad esempio un corto circuito, un arco elettrico o un sovraccarico. Inoltre, l’impianto elettrico può essere un vettore d’incendio se costituito da materiale combustibile”.

 

In particolare l’elettrocuzione può avvenire per:

  • contatto diretto: “il contatto con una parte normalmente in tensione dell’impianto elettrico, ad esempio un filo scoperto o male isolato, o contatto con entrambe le mani dei due poli della corrente. Nei luoghi accessibili a tutti, la protezione deve essere assicurata dall’adozione di involucri e barriere rimovibili solo tramite l’utilizzo di apposito attrezzo”.
  • contatto indiretto: “avviene quando si entra in contatto con parti metalliche normalmente non in tensione. Tali parti metalliche possono risultare inaspettatamente in tensione a causa di guasto della macchina o di qualche suo componente. Un esempio sono le carcasse metalliche degli elettrodomestici”;
  • arco elettrico: “si manifesta in caso di guasto o di manovre su apparecchiature elettriche, e si manifesta come una sorgente intensa e concentrata di calore con emissione di gas e vapori tossici, particelle incandescenti e radiazioni”.

 

Sicurezza elettrica: utilizzo improprio e controlli a vista

Il documento ricorda poi l’utilizzo improprio di apparecchiature elettriche che avviene spesso nella pratica quotidiana.

Si riportano alcuni esempi:

  • “l’uso di adattatori che permettono di inserire una spina di 16 A in una spina da 10 A, oppure adattatori tripli che permettono un assorbimento di potenza maggiore di quello sopportabile dalla presa, con conseguente riscaldamento della stessa per effetto Joule”;
  • “le giunzioni di cavi fatte semplicemente attorcigliandoli tra loro e rivestendoli con nastro isolante, invece di usare gli idonei morsetti”;
  • “l’utilizzo molto diffuso di prolunghe con cavo di sezione molto piccola o sprovviste di cavo di terra o terminanti con adattatore multiplo, come la cosiddetta ‘ciabatta’”.

 

Concludiamo riportando, dal documento, una lista dei principali controlli da effettuare a vista su un impianto elettrico:

  • “accertamento dell’esecuzione completa e funzionante di tutti gli impianti al progetto;
  • controllo dello stato degli isolanti e degli involucri;
  • controllo dell’efficienza delle barriere di protezione nei luoghi il cui accesso è riservato a personale addestrato;
  • accertamento della qualità dei materiali e degli apparecchi;
  • verifica dei contrassegni d’identificazione dei marchi e delle certificazioni;
  • verifica dei gradi di protezione degli involucri;
  • controllo dell’integrità dell’impianto di messa a terra;
  • controllo dei provvedimenti di sicurezza nei bagni;
  • verifica impianto AD-FT nei locali caldaia;
  • verifica dei tracciati per le condutture incassati;
  • idoneità delle connessioni dei conduttori e degli apparecchi;
  • controllo delle sezioni minime e dei colori distintivi dei conduttori;
  • verifica degli apparecchi per il comando e l’arresto d’emergenza”.

 

Segnaliamo infine che il documento, che vi invitiamo a visionare integralmente, riporta anche utili indicazioni sugli effetti sul corpo umano provocati dalla corrente elettrica e sulla segnaletica di sicurezza che “non sostituisce, in nessun caso, le misure di protezione e prevenzione”, ma che può essere necessaria per:

  • limitare i pericoli per le persone esposte;
  • vietare comportamenti pericolosi;
  • prescrivere comportamenti necessari;
  • fornire indicazioni di soccorso, di salvataggio e di prevenzione.

 

 

RTM

 

 

Scarica il documento da cui è tratto l'articolo:

Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, “Sicurezza elettrica (componenti, rischi, sistemi di protezione e normativa)”, quaderno informativo n. 4 elaborato dall’Ufficio Speciale Prevenzione e Protezione, redatto, nelle diverse stesure, da Filippo Monti, Luciano Papacchini, Domenico Petrucci, Giuseppe Pichezzi, Marco Romagnoli, Emiliano Rapiti e Enzo Spagnuolo - Collana “Cultura della sicurezza”, edizione 2013.

 

 

Leggi gli altri articoli di PuntoSicuro sul rischio elettrico

 


 

Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Pubblica un commento

Rispondi Autore: Eugenio Roncelli - likes: 0
28/07/2022 (06:45:21)
Inutile presentazione di un documento vecchio e incompleto, se non addirittura errato.
L'impianto elettrico termina alle prese: ciò che vi è collegato, NON è parte dell'impianto, ma è parte dell'utilizzazione (diverse le responsabilità).
Si parla di centrali termiche con impianti AD-FT: assurdo.
Essenzialmente, il riferimento è agli impianti di tipo civile: allora perché non indicare che ci deve essere la dichiarazione di conformità e che è il conduttore, non l'installatore iniziale, il responsabile maggiore degli incidenti, per l'errato uso dell'impianto stesso.

Pubblica un commento

Banca Dati di PuntoSicuro


Altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM di PuntoSicuro

Quesiti o discussioni? Proponili nel FORUM!