Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
stampa articolo  esporta articolo in PDF

Uso degli estintori portatili e carrellati d'incendio

Redazione
 Redazione
 Prevenzione incendi
09/10/2007: Disponibile gratuitamente on line un manuale per chi svolge attività di formazione nel settore della sicurezza antincendio.
Pubblicità
google_ad_client

 
Un utile manuale sulla normativa e sull’uso degli estintori è stato reso disponibile on line dalla Direzione centrale per la prevenzione e la sicurezza tecnica-Area VI del Dipartimento dei Vigili del Fuoco.
La pubblicazione aggiorna i contenuti di un precedente manuale, alla luce del D.M. 7/01/2005 (norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di estintori portatili d’incendio), che ha abrogato il Decreto 20/12/1982 (Norme tecniche e procedurali, relative agli estintori portatili d’incendio, soggetti all’approvazione di tipo da parte del Ministero dell’Interno).
 
La pubblicazione si propone come uno strumento didattico sintetico ad uso del personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e per chi svolge attività di formazione nel settore della sicurezza antincendio.
 
La pubblicazione spazia dai riferimenti legislativi alle indicazioni pratiche d’uso degli estintori, illustrate con sequenze di immagini.
“L’estintore – afferma l’autore, il C.R. Gennaro Bozza - è un mezzo di semplice utilizzo ma per ottenere le migliori prestazioni occorre che l’operatore conosca le caratteristiche, la tecnica, e i limiti d’impiego derivanti dall’agente estinguente in esso contenuto.”

Pubblicità


Curiosi anche i cenni storici sugli estintori, corredati di fotografie di alcuni vecchi estintori dei primi del ‘900, ormai divenuti pezzi da museo.

Ad esempio quello riportato nella figura sopra, conteneva acqua e bicarbonato di soda e funzionava nel modo seguente: si batteva il percussore per terra causando la rottura di una fiala contenente acido solforico alloggiata sotto il percussore all’interno dell’apparecchio. La reazione chimica che ne conseguiva dava luogo alla produzione di anidride carbonica che serviva da propellente per espellere il prodotto antincendio. Si teneva l’estintore per il maniglione saldato sul corpo dello stesso e si dirigeva il getto alla base delle fiamme.
 
Gli argomenti affrontati nella pubblicazione sono i seguenti:
L’incendio
La combustione
L’innesco
Classificazione dei fuochi
Le sostanze estinguenti
L’estintore: uso e manutenzione
Differenze sostanziali tra “portatili” e “carrellati”
Dispositivi di scarica e di sicurezza
Contrassegno distintivo
I vari tipi di estintori
 


Creative Commons License
Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!