Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

D.Lgs 116/2020: le disposizioni per gli imballaggi e le sanzioni

D.Lgs 116/2020: le disposizioni per gli imballaggi e le sanzioni
 Interpreta®
 Economia circolare
04/02/2021: Come è stata ritoccata relativa alla gestione degli imballaggi e dei relativi rifiuti nel testo unico ambientale?

Con il D.Lgs 116/2020, in vigore dal 26/9/2020, la Parte IV del cosiddetto Testo Unico Ambientale (Decreto Legislativo n.152/2006) relativa alla gestione degli imballaggi e dei relativi rifiuti viene solo in parte ritoccata:

- viene modificata la definizione di “imballaggio riutilizzabile” ed inserita la definizione di “imballaggio composito”;

- vengono rivisti i metodi di calcolo degli obiettivi di recupero e riciclaggio degli imballaggi, effettuato su base nazionale;

- con il nuovo art. 221-bis è prevista la disciplina applicabile per l’istanza di riconoscimento di un sistema autonomo individuale o collettivo;

- è stato anche riscritto l’articolo che prevede i criteri direttivi dei sistemi di gestione, che devono ispirarsi a principi di economia circolare favorendo misure intese, in via prioritaria, a prevenire la produzione di rifiuti tenuto conto dell'obsolescenza programmata, a incentivare il riciclaggio, la simbiosi industriale e altre forme di recupero;

- infine, per assicurare un aumento della percentuale di imballaggi riutilizzabili immessi sul mercato, viene introdotta la possibilità di creare sistemi di restituzione cauzionale e di riutilizzo per tutti gli imballaggi, nel rispetto di determinate condizioni, mediante appositi accordi di programma stipulati fra tutti gli operatori economici interessati.

Questa disposizione sostituisce quella introdotta in via sperimentale e su base volontaria per imballaggi contenenti birra e acqua minerale dal “Collegato ambientale” (Legge n.221/2015);

- in merito alla produzione di imballaggi ed alla gestione dei relativi rifiuti, per attuare gli obblighi di informazione degli utilizzatori finali viene resa obbligatoria l’etichettatura ambientale degli imballaggi.

In particolare, viene disposto che gli imballaggi devono essere etichettati secondo le modalità stabilite dalle norme tecniche UNI applicabili e in conformità alle determinazioni adottate dalla Commissione dell'Unione Europea, per facilitare la raccolta, il riutilizzo, il recupero ed il riciclaggio degli imballaggi, nonché per dare una corretta informazione ai consumatori sulle destinazioni finali degli imballaggi. I produttori devono inoltre indicare la natura dei materiali di imballaggio utilizzati, sulla base della decisione 97/129/CE della Commissione Europea.

 

A questo proposito, segnaliamo che il Consorzio Nazionale Imballaggi – Conai pubblicherà apposite linee guida.

  

Pubblicità
RSPP-ASPP aggiornamento 6 ore - La gestione dell'emergenza - Tutti i settori
Corso online di aggiornamento per RSPP-ASPP di attività appartenenti a tutti i macrosettori ATECO. Il corso costituisce quota del credito formativo richiesto per RSPP-ASPP e Docenti-formatori in salute e sicurezza sul lavoro.
 

Tracciabilità dei rifiuti: sanzioni

Con il D.Lgs 116/2020 che ha modificato il cosiddetto “Testo Unico Ambientale” (Decreto Legislativo n.152/2006), vengono ridotti gli importi relativi alle violazioni degli obblighi inerenti la dichiarazione annuale rifiuti - MUD e registri di carico e scarico, mentre sono incrementati gli importi massimi relativi ai formulari.

 

Sanzioni Mud

I soggetti obbligati alla presentazione del MUD e che non effettuano la comunicazione ovvero la effettuano in modo incompleto o inesatto sono puniti con sanzioni che si sono ridotte da 2.600÷15.500 € a 2.000÷10.000 €.

Se viene presentato nei primi 60 giorni dalla scadenza si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 26 € a 160 € (invariata).

 

Sanzioni registro carico e scarico rifiuti:

Le sanzioni a carico di soggetti che omettono la tenuta ovvero tengono in modo incompleto il registro di carico/scarico sono ridotte da 2.600÷15.500 € a 2.000÷10.000 €. In caso di rifiuti pericolosi la sanzione è ridotta da 15.500÷93.000 € a 10.000÷30.000 €.

 

Sanzioni formulario

Chiunque effettua il trasporto di rifiuti senza formulario o senza i documenti sostitutivi ivi previsti, ovvero riporta nel formulario stesso dati incompleti o inesatti è punito con una sanzione amministrativa pecuniaria da 1.600÷9.300 € a 1.600÷10.000 €.

 

 

 

 

Interpreta®


 

Scarica la normativa di riferimento:

Decreto Legislativo 3 settembre 2020, n. 116 - Attuazione della direttiva (UE) 2018/851 che modifica la direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti e attuazione della direttiva (UE) 2018/852 che modifica la direttiva 1994/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio.

 


Leggi gli altri articoli della categoria “Economia circolare”:

 




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!