Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Un aiuto per le PMI nell’applicazione del REACH

Redazione
 Redazione
 Ambiente
23/07/2007: On line l’HelpDesk del Ministero dello sviluppo economico. Prevista la possibilità di inviare quesiti.
Pubblicità
Uno spazio web a disposizione delle imprese, in particolare delle PMI, per avere chiarimenti in merito all’applicazione del Regolamento Reach (CE), provvedimento in materia di sostanze chimiche, entrato in vigore il 1° giugno 2007, che ha introdotto a livello europeo un sistema integrato per la loro registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione.

A cura del Ministero dello Sviluppo Economico è stato attivato un Helpdesk, disponibile sul web. Lo strumento è previsto dal regolamento stesso che, oltre ad istituire l’Agenzia Europea per le sostanze chimiche (ECHA), prevede che gli Stati membri istituiscano servizi nazionali di assistenza tecnica, per favorire l’applicazione del Reach.

L’Helpdesk istituito dall’italia è consultabile qui.
Per poter accedere alle risposte ai quesiti più frequenti, già disponibili, è possibile cliccare sull’apposita voce Domande e Risposte.

Se l’informazione necessaria non è reperibile in questa sezione è possibile per gli utenti rivolgersi all’ Helpdesk, attraverso la voce Contatta l’Helpdesk e presentare un quesito al quale sarà data risposta in via telematica. Per presentare il quesito è necessaria la compilazione di un apposito formulario.

A seconda della complessità della domanda, i quesiti seguiranno un iter di risposta, la cui durata può variare in base alla complessità del quesito.
Per quesiti non complessi lo staff tecnico dell’Helpdesk provvederà a dare risposta.
I quesiti che necessitano di un ulteriore approfondimento verranno sottoposti all’attenzione della rete degli Helpdesk nazionali dei Paesi membri dell'UE e dell’Agenzia per le sostanze chimiche (ECHA); l’utente riceverà indicazione sui tempi di risposta.
Se a scadenza del periodo indicato il quesito rimane irrisolto, il Rappresentante italiano della Rete dei Corrispondenti degli Helpdesk Reach (REHCORN) sottoporrà il quesito perché venga esaminato nella prima riunione utile del REHCORN al fine di una sua valutazione. In limitati casi di particolare complessità il quesito potrebbe richiedere il coinvolgimento dei servizi della Commissione europea.


Pubblicità

Creative Commons License
Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Ultimo aggiornamento in Banca dati normativa (riservato agli abbonati):
Cassazione Sezione Lavoro n. 5112 del 6 marzo 2007, Pres. Mattone, Rel. Monaci - Il lavoratore divenuto fisicamente non idoneo puo’ essere assegnato a mansioni inferiori solo con il suo consenso – Per evitare il licenziamento

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!