LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

I quesiti sul decreto 81: l’aggiornamento dei datori di lavoro RSPP


I datori di lavoro RSPP che hanno svolto corsi di formazione secondo quanto previsto dal D. M. 16/01/97 da oltre 5 anni, quanto tempo hanno per frequentare il primo aggiornamento? Devono farlo subito? A cura di G. Porreca.

Pubblicità
 
Bari, 1 Feb - Sull'applicazione degli accordi Stato-Regioni sulla formazione degli operatori di sicurezza. A cura di Gerardo Porreca ( www.porreca.it).
 
Quesito
Nell' Accordo sulla formazione dei datori di lavoro che svolgono direttamente i compiti del servizio di prevenzione e protezione  è scritto che gli "esonerati" ante 31/12/96 (ex art. 95 D. Lgs. 626/94) devono frequentare l'aggiornamento entro 24 mesi. Ma chi ha fatto il "vecchio" corso ex D. M. 16/01/97 da oltre 5 anni quanto tempo ha per frequentare il primo aggiornamento? Deve farlo subito o anch'egli ha 24 o 12 mesi di tempo?

Pubblicità
 
Risposta cura di Gerardo Porreca ( www.porreca.it)
 
L’aggiornamento dei datori di lavoro che hanno optato per lo svolgimento diretto dei compiti del servizio di prevenzione e protezione, più comunemente indicati come datori di lavoro RSPP, è regolamentato dal punto 7. dell’ Accordo tra il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, raggiunto sulla formazione di cui all’articolo 34, commi 2 e 3, del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 nella seduta della Conferenza Stato Regioni del 21/12/2011, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’11/1/2012 ed entrato in vigore il 26/1/2012.
 
Secondo il punto 7. di tale Accordo l' aggiornamento ha periodicità quinquennale ed il quinquennio decorre dalla data di pubblicazione dell’Accordo stesso. Esso ha una durata modulata in relazione ai tre livelli di rischio individuati nell’Accordo e più precisamente di 6 ore per le attività a rischio basso, di 10 ore per le attività a rischio medio e di 14 ore per quelle a rischio alto.
L’aggiornamento, inoltre, secondo l'Accordo, va preferibilmente distribuito nell'arco temporale di riferimento e si applica sia a coloro che abbiano frequentato i corsi di cui all'articolo 3 del D. M. 16/1/1997 che a quei datori di lavoro che hanno usufruito dell’esonero dalla frequenza del corso di formazione di cui all'art. 95 del D. Lgs. 19/9/1994 n. 626. Per questi ultimi però, e cioè per i datori di lavoro che hanno usufruito dell’esonero, il primo termine dell'aggiornamento è stato individuato in 24 mesi dalla data di pubblicazione dell’Accordo e si intende assolto anche con la partecipazione ad iniziative specifiche aventi ad oggetto i medesimi contenuti previsti per la formazione del datore di lavoro RSPP di cui al punto 5 dell’Accordo stesso.
 
Per quanto sopra detto, quindi, ed in risposta al quesito formulato, il datore di lavoro che, alla data di pubblicazione dell’Accordo citato, ha frequentato il corso di formazione con i contenuti conformi all’articolo 3 del D. M. 16/1/1997 e che, secondo quanto indicato nel punto 9. dell’Accordo, non è tenuto a frequentare il corso di formazione secondo le nuove regole e cioè con i contenuti  e la durata  in base alla classe di rischio dell’attività svolta, deve svolgere solo il corso di aggiornamento secondo i criteri di cui al Punto 7. dell’Accordo e nell’ambito del quinquennio a decorrere dalla data di pubblicazione dello stesso (e non dalla data di entrata in vigore) e cioè entro l’11/1/2017.
 
Per quanto riguarda invece i datori di lavoro esonerati, la Conferenza Stato Regioni, tenendo presente evidentemente che questi ultimi fin dal 1997 non sono stati obbligati a frequentare alcun corso di formazione in materia di sicurezza sul lavoro, ha ritenuto opportuno anticipare a 24 mesi i termini di scadenza entro cui sono tenuti ad aggiornarsi perché diversamente sarebbe stato concesso a loro di potersi aggiornare, come accade per gli altri, entro il 2017 e cioè addirittura giusto ben venti anni dopo di quando hanno potuto usufruire dell’esonero (1997). Non sarebbe stato un po’ troppo?
 
 
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: Camillo Forcella26/02/2012 (10:08:42)
Scusa caro Gerardo un datore di lavoro che si è formato per es. nel 2000>>> aggiornamento nel 2017: 17 anni!!! sembrano pochi??? io conosco datori di lavoro RSPP che sanno, a malapena che la 626 non esiste più...
Buona domenica e ...io speriamo che ma la cavo...
Rispondi Autore: Gerry Di Masi21/12/2012 (08:32:17)
Lei è molto fortunato, io conosco DdL che credono che il d. lgs. 626 sia una linea automobilistica che copre una tratta suburbana...e questo dopo aver frequentato uno dei tanti corsi dispensati da docenti in "tuttologia applicata al nulla".
Rispondi Autore: filippo casalini09/02/2013 (10:57:40)
il problema è che i DDL o fanno il datore di lavoro o lavorano come rspp oggi le funzioni sono fortemente da disgiungere soprattutto per attività importanti e/oper n di lavoratori coinvolti
Rispondi Autore: Cristina Cavazzini04/12/2013 (14:28:02)
Buongiorno a tutti. Ho un datore di lavoro di un'azienda che seguo che ha frequentato un corso di "protezione ambientale e sicurezza sul lavoro nell'impresa artigiana" il 17/12/1996 (durata 30 ore). Non è un "esonerato" e non ha fatto un corso con le modalità previste dal D. M. 16/01/97. Entro quando deve fare l'aggiornamento (due anni o cinque?). Grazie per la collaborazione
Rispondi Autore: KO Tecnico03/03/2015 (15:09:01)
Ma i DdL esonerati dalla 626 su cosa si devono aggiornare se mai sono stati minimamente formati?
Almeno quelli del '97 (come i ragazzi del '99) un corso e un attestato dovrebbero averlo nel cassetto.
In assenza di Attestato di frequenza come ci si comporta? L'art 95 dell'abrogata 626, ammetteva l'esonero ma prevedeva il rispetto di altre lettere del comma 2 dell'art 10 ad esempio la dichiarazione che attestava le capacità ecc e altro ancora come il rispetto di commmi dell'art 4 (sempre 626)
Sarebbe meglio evitare di nominare leggi abrogate: dopo 20 anni ci si sarebbe aspettato tabula rasa.
Pessima indicazione dell'Accordo Stato-Regioni, ma siamo nella norma, le lobbies datoriali colpiscono ancora.
Rispondi Autore: KO Tecnico03/03/2015 (15:18:08)
Errata corrige sui primi due periodi precedenti, eliminati.
Il resto del mio parere lo confermo.

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: