960x90 AL2014 Banner1
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

13 luglio 2012 - Cat: Edilizia
  

Le immagini dell’insicurezza


Movimentazione materiali con mezzi e procedure non idonei...

Pubblicità

Trento,  12 Lug - Alcuni anni fa entrando, come Coordinatore per la sicurezza, in un cantiere ho assistito a questa scena: due operai stavano movimentando dei pozzetti in c.l.s. utilizzando come attrezzatura di sollevamento un mini mezzo meccanico.
 


Pubblicità
Attrezzature da lavoro - Attività EdileMateriale per formatori - Attrezzature da lavoro - Attività Edile
Modello di corso su Slide in formato PDF per formatori sulla sicurezza

 
Oltre alla non corretta operazione, eseguita con un mezzo non idoneo, si deve evidenziare anche la metodologia utilizzata:
- un foro praticato nella benna,
- un gancio realizzato sagomando un tondino di acciaio,
- una fascia che inglobava due pozzetti e le cui estremità erano collegate tra loro con un altro tondino sagomato,
- l’operatore che durante tutta la manovra si posizionava e stazionava sotto la “benna di sollevamento”, in questo caso anche se avesse avuto il casco – in caso di cedimento od abbassamento involontario della benna - la situazione sarebbe cambiata veramente di poco.
 
In cantiere erano presenti vari mezzi per la movimentazione dei materiali (camion con gru, sollevatore telescopico, escavatore idoneo al sollevamento materiali con relative verifiche annuali effettuate), erano state date tutte le istruzioni ed informazioni in merito alle procedure da attuare, ma una strana consuetudine si era ripresentata prepotentemente.
 
Ed allora non è restato che:
- sospendere la fase lavorativa,
- redigere un verbale,
- contattare il Datore di Lavoro ed il Responsabile dei Lavori,
- ma soprattutto spiegare ai lavoratori gli errori fatti e le conseguenze che tali operazioni possono comportare alla loro salute, ed infine:
-  rendere consapevole il manovratore del mezzo (ma anche il preposto che era presente in cantiere e nulla diceva in merito) delle responsabilità – anche penali – alle quali possono andare in contro in caso di infortunio causato dall’effettuazione in modo scorretto di una procedura di lavoro.
 
Farina Geom. Stefano, Responsabile Nazionale Comitato Costruzioni di AiFOS
 
 

 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 


Commenta questo articolo!


Autore: ... e ovviamente13/07/2012 (09:20:03)
... e ovviamente, come CSE, verificare che il PSC prevedesse la fase, la inquadrasse correttamente e eventualmente aggiornarlo, o no?

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: