960x90 AL2014 Banner1
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

07 aprile 2005 - Cat: Sicurezza alimentare
  

Coloranti pericolosi per la salute


L’oramai noto e pericoloso colorante Sudan è più diffuso di quanto si pensi: la Commissione europea raccomanda di prestare attenzione all'olio di palma.

Pubblicità
In una recente raccomandazione la Commissione europea ha sollecitato le aziende agroalimentari a prestare maggiore attenzione all’utilizzo dell'olio di palma, della curcuma (la polvere gialla chiamata anche "zafferano delle indie") e dei prodotti a base di “chili” per la possibile contaminazione con il cancerogeno colorante Sudan (vedi PuntoSicuro del 26/10/2004).

Alcuni stati hanno già seguito le indicazioni della Commissione ed inserito questi prodotti nella lista dei prodotti che devono essere obbligatoriamente certificati sull'assenza dei coloranti Sudan (I,II, scarlet e red/Sudan IV) per essere importati nei paesi dell'Unione europea.

Per la messa in pratica di questi controlli, la commissione rimanda al documento “Principali obblighi degli operatori del settore alimentare e dei mangimi” in cui sono riassunti i sette i punti chiave che le industrie e gli operatori del settore devono rispettare scrupolosamente per garantire la sicurezza e la salvaguardia della salute dei consumatori.

Il richiamo nasce dalla recente scoperta del colorante Sudan I in numerosi prodotti alimentari in Gran Bretagna.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: