LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

07 aprile 2005 - Cat: Sicurezza alimentare
  

Coloranti pericolosi per la salute


L’oramai noto e pericoloso colorante Sudan è più diffuso di quanto si pensi: la Commissione europea raccomanda di prestare attenzione all'olio di palma.

Pubblicità
In una recente raccomandazione la Commissione europea ha sollecitato le aziende agroalimentari a prestare maggiore attenzione all’utilizzo dell'olio di palma, della curcuma (la polvere gialla chiamata anche "zafferano delle indie") e dei prodotti a base di “chili” per la possibile contaminazione con il cancerogeno colorante Sudan (vedi PuntoSicuro del 26/10/2004).

Alcuni stati hanno già seguito le indicazioni della Commissione ed inserito questi prodotti nella lista dei prodotti che devono essere obbligatoriamente certificati sull'assenza dei coloranti Sudan (I,II, scarlet e red/Sudan IV) per essere importati nei paesi dell'Unione europea.

Per la messa in pratica di questi controlli, la commissione rimanda al documento “Principali obblighi degli operatori del settore alimentare e dei mangimi” in cui sono riassunti i sette i punti chiave che le industrie e gli operatori del settore devono rispettare scrupolosamente per garantire la sicurezza e la salvaguardia della salute dei consumatori.

Il richiamo nasce dalla recente scoperta del colorante Sudan I in numerosi prodotti alimentari in Gran Bretagna.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: