960x90 AL2014 Banner1
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

24 luglio 2000 - Cat: Privacy
  

Immondizia e privacy


Il cittadino che abbandona il sacco dei rifiuti puo' essere rintracciato mediante l'analisi della spazzatura?

Il giudice di Lecco Piero Spera ha annullato la multa di 100mila lire comminata dal sindaco di un paese della provincia ad un suo cittadino per aver abbandonato un sacco di rifiuti in un giorno non di raccolta.
Il cittadino ha sostenuto che la spazzatura non era sua e che, inoltre, il sindaco, disponendo di esaminare la spazzatura per ricercare il ''colpevole'', aveva violato il diritto alla privacy.

Tale situazione non e' isolata, molte amministrazioni comunali, infatti, ricorrono al metodo di rovistare la spazzatura abbandonata per individuare i cittadini poco diligenti nel rispettare le regole di raccolta dei rifiuti.
Non e' da escludersi che prossimamente venga chiamato in causa il Garante della privacy, affinche' esprima un parere riguardo alla legittimita' di questa consuetudine rispetto alla legge 675/96.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: