960x90 AL2014 Banner1
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

01 febbraio 2000 - Cat: Privacy
  

Bugie per difendere la privacy


Interessi e gusti dei consumatori sono divenuti 'merce preziosa'. L'invadenza di alcune aziende ha spinto i clienti a rispondere a domande indiscrete con dati fasulli. Gli USA puntano sulla crittografia.

Gli utenti della rete sono spesso subissati da quesiti, apparentemente innocui, riguardanti dati anagrafici, interessi e gusti.
Tutte queste informazioni costituiscono un bene prezioso per le aziende che, in base alle analisi di questi dati, calibrano i propri prodotti per migliorare i servizi offerti.

Talvolta le richieste di dati inoltrate all'utente sono eccessive e poco discrete ed accade frequentemente che le informazioni fornite divengano merce di scambio tra le aziende, incrinando cosi' il fondamentale rapporto di fiducia tra cliente e fornitore.

L'invadenza delle aziende ha spinto alcuni utenti a rispondere fallacemente ai quesiti che venivano loro proposti, rendendo inaffidabili i database.

L'utente si sente spiato in ogni suo passo sulla rete.
Per garantire la sicurezza delle transazioni commerciali e riservatezza nelle comunicazioni, si fa sempre piu' frequente l'utilizzo di sistemi di crittografia, ed e' significativo il fatto che l'amministrazione Clinton abbia autorizzato l'utilizzo e l'esportazione di sofisticati software di crittografia.
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: