960x90 AL2014 Banner1
LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano di approfondimento sulla sicurezza sul lavoro
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuro Nuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
social-login social-login social-login

  

SPECIALE INCENDIO: La classificazione delle sostanze combustibili


Prosegue la pubblicazione dello ''Speciale incedio'' a cura dell'ing.BT(L) Pierpaolo Pergolis - Presidente nazionale dell'A.T.Is.A. (Associazione Tecnica Ispettori Antincendio).

Le normative internazionali non prevedono classificazioni omogenee per i tre tipi di combustibili.
In particolare, per i combustibili solidi e gassosi, le classificazioni si riferiscono più alla specificità del combustibile che non alle sue caratteristiche chimico-fisiche.

Combustibili solidi
La classificazione prevede tre categorie:
– incombustibili (non possono bruciare);
– difficilmente combustibili (bruciano solo in costante presenza di un innesco);
– combustibili (una volta accesi bruciano per autocatalisi).

Quest'ultima categoria, a sua volta è suddivisa in due gruppi:
– sostanze facilmente accendibili (iniziano a bruciare anche con deboli energie di innesco);
– sostanze difficilmente accendibili (richiedono inneschi di elevata energia di innesco).
Come si vede in questa classificazione, le caratteristiche delle sostanze sono definite anche dal tipo, dall'energia e dalla presenza stessa dell'innesco.

I combustibili gassosi
Per i combustibili gassosi la classificazione è ancora più generica; la normativa americana prevede tre principali suddivisioni in base alle caratteristiche chimico-fisiche e di impiego, a loro volta suddivise come indicato qui di seguito.
CARATTERISTICHE CHIMICHE
a) Gas infiammabili: ogni gas che può bruciare in miscela con aria ad una certa concentrazione.
b) Gas ininfiammabili: ogni gas che non può bruciare in miscela con aria a nessuna concentrazione.
c) Gas reattivi: ogni gas che in combinazione con altre sostanze può dare origine a reazioni diverse dalla combustione.
d) Gas tossici: ogni gas che può rappresentare un serio pericolo per la salute umana, se rilasciato in aria.

CARATTERISTICHE DI IMPIEGO
a) Gas combustibili: ogni gas usato come combustibile miscelato con aria.b) Gas industriali: ogni gas usato per processi industriali (saldature, refrigerazioni).
c) Gas per uso medico: ogni gas usato per scopi medici (anestesie e terapie respiratorie).

I combustibili liquidi
Molto più complessa e dettagliata è invece la classificazione dei combustibili liquidi per i quali vengono presi in esame diversi parametri:
IL PUNTO DI INFIAMMABILITÀ (FP - Flash Point), cioè la temperatura alla quale un liquido emette sufficienti vapori affinché, miscelati con aria e in presenza di energia di innesco, diano origine ad un fenomeno di combustione.

IL PUNTO DI EBOLLIZIONE (BP - Boiling Point), è la temperatura alla quale un liquido bolle alla pressione di 760 mmHg.
LA TENSIONE DI VAPORE (VP - Vapor Pressure), è la pressione esercitata dai vapori di un prodotto in equilibrio col suo liquido, misurata in kg/cm2 ad un valore di temperatura prefissato.Alcune normative comprendono nei parametri classificatori anche la temperatura di stoccaggio (t) o di lavorazione del prodotto che in alcuni casi acquista importanza fondamentale nei processi di estinzione (es.gli asfalti, normalmente stoccati a temperature molto elevate).

Articolo redatto a cura dell'ing.BT(L) Pierpaolo Pergolis - Presidente nazionale dell'A.T.Is.A. (Associazione Tecnica Ispettori Antincendio).
 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: