Logo PuntoSicuro

ARTICOLO DI PUNTOSICURO

Anno 20 - numero 4328 di Giovedì 11 ottobre 2018

Inail: le novità sui sistemi di protezione degli scavi a cielo aperto

Indicazioni tratte dai nuovi quaderni tecnici dell’Inail per i cantieri temporanei o mobili. Le tipologie dei sistemi di protezione degli scavi a cielo aperto, le norme tecniche vigenti e i documenti di riferimento.

 
Roma, 11 Ott – I sistemi di protezione degli scavi a cielo aperto, sistemi realizzati in cantiere o prodotti in fabbrica, vengono utilizzati nei cantieri temporanei o mobili e sono molto importanti per tutelare la sicurezza degli operatori e ridurre i rischi nelle attività di scavo.

In particolare “le principali attenzioni da porre nell’utilizzo dei sistemi prefabbricati sono relative al rispetto delle indicazioni contenute nel libretto di uso e manutenzione del fabbricante”. Mentre i sistemi realizzati in cantiere “sono apparentemente di minore complessità”, ma è opportuno che, anche questi, “siano soggetti a regolare manutenzione e controllo visivo, prima della messa in opera, in maniera tale da conservare nel tempo le caratteristiche prestazionali iniziali”.



Pubblicità
<#? QUI-PUBBLICITA-MIM-[CSA174] ?#>
 

A sottolinearlo è uno dei nuovi “ Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili” realizzati dal Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici dell’ Inail come aggiornamento di analoghi Quaderni Tecnici prodotti nel 2014. Quaderni che forniscono informazioni “basate su leggi, circolari, norme tecniche specifiche e linee guida utili a individuare e perfezionare metodologie operative per il miglioramento delle misure di prevenzione”.

 

Sistemi di protezione degli scavi a cielo aperto

 

Le tipologie dei sistemi di protezione degli scavi a cielo aperto

Il Quaderno Tecnico “Sistemi di protezione degli scavi a cielo aperto” - a cura di Luca Rossi, Francesca Maria Fabiani e Davide Geoffrey Svampa – ricorda che i sistemi di protezione degli scavi a cielo aperto sono dispositivi di protezione collettiva che hanno la funzione di proteggere il lavoratore che lavora all’interno dello scavo dal rischio di seppellimento.

Possono essere “utilizzati in aree non antropizzate (scavi di splateamento o sbancamento) ed antropizzate ( scavi a sezione obbligata per trincee, sottomurazioni o fondazioni)”.

 

Riprendiamo dal documento alcune indicazioni sulle varie tipologie di questi sistemi di protezione.

 

Come abbiamo già indicato a inizio articolo, una differenziazione possibile è relativa alla realizzazione:

  1. Sistemi realizzati in cantiere:
    1. Sistemi realizzati totalmente in legno.
    2. Sistemi realizzati con puntoni in metallo.
  2. Sistemi realizzati con componenti prefabbricati:
    1. Sistemi realizzati mediante blindaggi.
    2. Sistemi realizzati mediante palancole.

 

Ci soffermiamo innanzitutto sui sistemi realizzati in cantiere:

 

Veniamo ai sistemi realizzati con componenti prefabbricati:

 

Riprendiamo una delle tante immagini esplicative del documento dell’Inail con riferimento ad un esempio di “sistema realizzato mediante palancole con scala per effettuare la discesa”:

 

Sistema realizzato mediante palancole

 

I documenti di riferimento per i sistemi di protezione

Concludiamo la presentazione del Quaderno Tecnico riportando i documenti di riferimento per i sistemi di protezione degli scavi a cielo aperto (una parte aggiornata e ampliata rispetto a quanto indicato nel 2014):

 

Il documento Inail, che vi invitiamo a leggere integralmente, riporta anche indicazioni su marcatura, scelta, montaggio, uso, smontaggio e manutenzione dei sistemi di protezione.

 

L’indice del documento:

 

1. Denominazione

2. Documenti di riferimento

3. Cosa sono

4. Destinazione d’uso

5. Tipologia

 

5.1 Sistemi realizzati in cantiere

5.1.1 Sistemi realizzati totalmente in legno

5.1.2 Sistemi realizzati con puntelli in metallo

5.2 Sistemi realizzati con componenti prefabbricati

5.2.1 Sistemi realizzati mediante blindaggi

5.2.2 Sistemi realizzati mediante palancole

 

6. Marcatura

6.1 Marcatura dei sistemi realizzati in cantiere

6.2 Marcatura dei sistemi realizzati con componenti prefabbricati

6.2.1 Marcatura dei sistemi realizzati mediante blindaggi

6.2.2 Marcatura dei sistemi realizzati mediante palancole

 

7. Indicazioni essenziali per la scelta, il montaggio, l’uso e lo smontaggio

7.1 Scelta

7.2 Montaggio

7.3 Uso

7.4 Smontaggio

 

8. Indicazioni essenziali di manutenzione

9. FAQ (Frequently asked questions)

Riferimenti nel D.Lgs 81/08

 

 

 

RTM

 

 

Scarica il documento da cui è tratto l'articolo:

Inail, Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici, “ Sistemi di protezione degli scavi a cielo aperto”, Quaderno Tecnico per i cantieri temporanei o mobili a cura di Luca Rossi, Francesca Maria Fabiani e Davide Geoffrey Svampa con la collaborazione di Calogero Vitale, edizione 2018 (formato PDF, 1.53 MB).

 

 

Vai all’area riservata agli abbonati dedicata a “ Sistemi di protezione degli scavi”.

 

 

Leggi gli altri articoli di PuntoSicuro sul rischio scavi  



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.