Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Pillole di sicurezza: spazi confinati

Pillole di sicurezza: spazi confinati
Federica Gozzini
 Federica Gozzini
 Spazi confinati
19/09/2019: È vietato consentire l’accesso dei lavoratori negli ambienti sospetti di inquinamento, senza che sia stata previamente accertata l’assenza di pericolo per la vita e l’integrità fisica dei lavoratori medesimi
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

 
Pubblicità
MegaItaliaMedia

In riferimento ai lavori in ambienti sospetti di inquinamento ricordiamo la normativa di riferimento:

 

Articolo 66 - Lavori in ambienti sospetti di inquinamento

1. È vietato consentire l’accesso dei lavoratori in pozzi neri, fogne, camini, fosse, gallerie e in generale in ambienti e recipienti, condutture, caldaie e simili, ove sia possibile il rilascio di gas deleteri, senza che sia stata previamente accertata l’assenza di pericolo per la vita e l’integrità fisica dei lavoratori medesimi, ovvero senza previo risanamento dell’atmosfera mediante ventilazione o altri mezzi idonei. Quando possa esservi dubbio sulla pericolosità dell’atmosfera, i lavoratori devono essere legati con cintura di sicurezza, vigilati per tutta la durata del lavoro e, ove occorra, forniti di apparecchi di protezione. L’apertura di accesso a detti luoghi deve avere dimensioni tali da poter consentire l’agevole recupero di un lavoratore privo di sensi.

 

Sanzioni Penali

Sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente

• Art. 66: arresto da tre a sei mesi o ammenda da 3.071,27 a 7.862,44 euro [Art. 68,co. 1, lett. a)]

 

 

DECRETI COLLEGATI

Decreto del Presidente della Repubblica - 14 settembre 2011, n. 177 Regolamento recante norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento o confinanti, a norma dell’articolo 6, comma 8, lettera g), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81.

 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Rispondi Autore: mauro tripiciano
19/09/2019 (09:08:32)
Il problema é che la programmazione dell'accesso secondo legge richiede tempi, autorizzazioni, coinvolgimenti e quindi la norma va bene, ma é utile per le manutenzioni programmate e casi equivalenti. Siccome gli altri casi ESISTONO (specie per i soccorsi!), mettiamo l'OBBLIGO DI POSIZIONARE UN RESPIRATORE ADATTO NEI PRESSI DI CIASCUN LUOGO A RISCHIO. Lo si fa con gli estintori.....

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!