Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Storie di infortunio: L'ultima consegna

Storie di infortunio: L'ultima consegna
09/07/2019: Un infortunio mortale avvenuto mentre l’infortunato era alla guida del suo furgone per la consegna di un carico: come è avvenuto l’incidente, le cause e come si sarebbe potuto evitare.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblichiamo la storia “L'ultima consegna” (Giorgia Galasso, TPALL Università degli Studi di Torino, Francesco Novello, Servizio PreSAL ASL Città di Torino) tratta dal repertorio delle “Storie d'infortunio” rielaborate dagli operatori dei Servizi PreSAL delle ASL piemontesi a partire dalle inchieste di infortunio, e raccolte nel sito del Centro regionale di Documentazione per la Promozione della Salute della Regione Piemonte (Dors).

Pubblicità
MegaItaliaMedia

L'ultima consegna

Esito: infortunio con esito mortale

 

Dove è avvenuto: lungo una strada statale

 

Cosa si stava facendo: Natale, l’infortunato era alla guida del suo furgone per la consegna di un carico

 

Descrizione infortunio

Natale era partito a mezzogiorno dalla sua abitazione per andare allo stabilimento a prendere il carico, dopodiché aveva pranzato e si era riposato. Alle 17 era ripartito per la consegna che avrebbe dovuto avvenire dopo aver percorso circa 900 km, verso le 5 e 30 del giorno successivo. Ad un certo punto, erano circa le 23, si è addormentato durante la guida e il furgone è andato dritto contro il guard rail.

 

Come prevenire

L’infortunio verosimilmente non sarebbe avvenuto se fossero state rispettate le regole relative ai periodi di guida e di riposo normate dal Regolamento CE 561/2006, se fosse stato valutato il rischio stress correlato di chi come Natale trascorre lunghi periodi alla guida di mezzi e anche nei momenti di riposo durante i lunghi tragitti è costretto per ragioni economiche a sostare a bordo del furgone.

Leggi la storia

 

Fonte: Dors



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!