LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuroAbbonati alla Banca Dati di PuntoSicuro
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Movimentazione merci: la gestione degli agenti chimici pericolosi


Prevenzione e protezione nella gestione degli agenti chimici durante la movimentazione di merci pericolose. Incidenti, soluzioni di intervento, piani di emergenza, gestione dei prodotti pericolosi e valutazione dei rischi di esposizione.

Pubblicità

Roma, 15 Ott – Negli ambienti di lavoro la movimentazione di merci pericolose può comportare incidenti di varia natura, incidenti correlati ad esempio al danneggiamento dei recipienti o imballaggi contenenti le merci (per perdita, guasto, corrosione, urto, caduta, ...). Senza dimenticare i vari incidenti e avvenimenti anche esterni che possono coinvolgere le merci, ad esempio gli incendi o gli eventi meteorologici estremi (piogge, inondazioni).

Pubblicità
 
Per avere informazioni sulla prevenzione e protezione nella gestione degli agenti chimici pericolosi movimentati possiamo fare riferimento alla pubblicazione “ Movimentazione merci pericolose. Carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali. Manuale sulla sicurezza destinato agli addetti al carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali pericolosi”, realizzata dalla Direzione Centrale Prevenzione dell’Inail in collaborazione con Parsifal Srl.
 
Il documento ricorda innanzitutto che la “movimentazione delle sostanze o miscele pericolose, connessa con il loro stoccaggio e trasporto, deve sempre tener conto delle caratteristiche che richiedono prudenza e cautele aggiuntive. La prima regola per la sicurezza è osservare scrupolosamente le norme di buona tecnica”. Ogni operazione deve infatti avvenire “secondo modalità prestabilite, adottando idonei mezzi di trasporto, condotti da personale formato, impiegando attrezzature specificamente atte e corretti sistemi di imbracatura del carico e le necessarie cautele durante il trasporto”. E lo stoccaggio deve essere fatto “in zone separate dalle normali merci, evitando altresì la commistione di prodotti fra loro incompatibili”; evitando di accogliere nei magazzini “merci delle quali non si conoscono le caratteristiche di pericolosità o che non sono etichettate conformemente alle norme o, più in generale, colli privi di chiara identificazione del contenuto”.
 
In caso di merci a particolare rischio “dovranno essere adottate tutte le necessarie soluzioni impiantistiche e organizzative per prevenire incidenti e per intervenire in caso di accadimento”. Senza dimenticare che gli elementi essenziali di primo intervento sono riportati nella scheda dati di sicurezza dei prodotti pericolosi alle sezioni 2, 5, 6 e 10.
Le varie soluzioni di intervento dovranno comunque essere previste “in ragione dei rischi ipotizzati e delle caratteristiche quali-quantitative delle merci pericolose presenti”. E le misure possibili sono molteplici. Ad esempio: “i mezzi di protezione personale (indumenti, maschere protettive, ecc.); la formazione degli addetti; le procedure operative; i divieti di fumare e usare fiamme libere; la segnaletica; i mezzi di estinzione; le dotazioni per gestire le emergenze (es. prodotti neutralizzanti e assorbenti); gli impianti elettrici a regola d’arte o, se necessari, del tipo ‘a sicurezza’; i generatori autogeni di forza elettromotrice, dove la continuità dell’alimentazione è necessaria; i condotti di scarico delle reti fognarie dotati di sistemi di blocco (serrande, cuscini e tappi per isolare i tombini); i sistemi di contenimento e raccolta; i piani di emergenza; squadre con personale adeguatamente addestrato per il pronto intervento”.
Gli interventi di emergenza “devono essere studiati preventivamente e adeguati al rischio presunto” e, a questo proposito, si indica che la predisposizione di uno specifico piano di emergenza interno “si pone come lo strumento ideale, purché esso sia realizzato in modo semplice e chiaro (è previsto obbligatoriamente dal Decreto Ministeriale 10/03/98). Da non trascurare, nell’organizzazione del piano, i flussi informativi per il personale, le modalità di allarme e sfollamento a zone sicure, la formazione e l’addestramento del personale e delle squadre di emergenza, le procedure operative per tutto il personale, anche non coinvolto e gli autisti dei mezzi, le modalità di chiamata delle Autorità esterne (Vigili del Fuoco, Comune, Asl, Ambulanza, ecc.)”.
 
Il documento si sofferma poi sull’esposizione ad agenti pericolosi aerodispersi e sottolinea che “un’attenta valutazione del rischio da agenti chimici (da normale attività o da anomalia) non può prescindere da un accurato studio del ciclo di lavorazione e delle modalità operative unito, ogniqualvolta possibile, a un adeguato monitoraggio delle reali condizioni ambientali di esposizione”. Se nella gestione delle merci pericolose, “di norma imballate o segregate”, l’esposizione è generalmente ridotta, non bisogna tuttavia trascurare:
- “il trasporto e lo stoccaggio alla rinfusa;
- il travaso, la ripartizione o il trasferimento di prodotti a volte associato alla movimentazione; - la possibilità, sempre presente, di fuoriuscita dal recipiente per difetto, guasto, perdita o incidente”.
 
Dopo aver ricordato che la conoscenza delle caratteristiche di pericolosità delle sostanze o miscele è il primo passo per attuare la prevenzione e la riduzione dei rischi a esse connessi, la pubblicazione dell’Inail - in merito al lavoro con agenti pericolosi - indica che un adeguato sistema per la gestione dei prodotti pericolosi e per la valutazione dei rischi di esposizione, nonché della loro prevenzione, “può essere così descritto:
- identificare gli agenti a rischio presenti o potenzialmente presenti in ogni fase dell’attività;
- limitare l’utilizzo degli agenti chimici sul luogo di lavoro;
- valutare la possibile sostituzione con altri prodotti a minor grado di rischio;
- limitare al minimo il numero dei lavoratori che sono o possono essere esposti e segregare le lavorazioni a rischio;
- verificare le incompatibilità tra prodotti o la possibilità di sviluppo di reazioni pericolose o di prodotti di decomposizione;
- individuare le modalità di conservazione e impiego, necessarie a limitare al più basso livello possibile l’esposizione, rispettare i livelli di esposizione regolamentari e tener conto dei valori raccomandati adottando: misure tecniche di prevenzione (idoneità di depositi, impianti di lavorazione, recipienti, contenitori, sistemi di travaso o confezionamento, glove-box...); misure di protezione collettiva (captazione alla fonte con cappe di aspirazione, aerazione e ventilazione forzata...); segnali di avvertimento e di sicurezza; procedimenti e metodi di lavoro appropriati; misure di protezione individuale (soltanto quando non sia possibile evitare in altro modo l’esposizione pericolosa); misure di emergenza da attuare in caso di esposizione anomala; misure igieniche;
- controllare l’esposizione dei lavoratori mediante la misurazione dell’agente, ogniqualvolta non è ragionevolmente possibile escluderne la presenza;
- sottoporre a sorveglianza sanitaria i lavoratori, sentito il medico competente;
- informare e formare i lavoratori e i loro rappresentanti sugli agenti chimici presenti in ambiente di lavoro, sulle modalità operative, sulle condizioni di impiego, sulle precauzioni e sui DPI necessari”.
Si ricorda inoltre che secondo il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i, i recipienti utilizzati sui luoghi di lavoro o per il magazzinaggio e le relative tubazioni visibili, destinati a contenere o trasportare agenti chimici pericolosi, “devono essere muniti dell’ etichettatura appropriata (negli ambienti di lavoro, l’etichettatura può essere sostituita dai cartelli di avvertimento e completata da ulteriori informazioni)”.
 
Il principio fondamentale per la prevenzione dei rischi per la sicurezza e la salute consiste comunque “nel privilegiare gli interventi di natura tecnica e organizzativa direttamente alla fonte, sull’ambiente, sulle macchine o sulle attrezzature di lavoro impiegate”. E secondo il relativo grado di rischio “la prima e più efficace forma di prevenzione dell’esposizione a prodotti chimici pericolosi consiste nella sostituzione con altri potenzialmente meno pericolosi”. Mentre il passo successivo, in un’adeguata valutazione dei rischi, “consisterà nella messa in atto di tutti i provvedimenti di prevenzione e protezione necessari alla minimizzazione o attenuazione del rischio derivanti dallo studio dell’attività produttiva esaminata”.
 
A questo proposito concludiamo richiamando l’attenzione su alcuni punti critici su cui è opportuno focalizzare l’attenzione in presenza di prodotti pericolosi:
- “operazioni di trasferimento con contenitori mobili (fusti, bombole, secchi, sacchi, ...);
- operazioni di carico di contenitori mobili o travaso;
- operazioni di trasferimento da apparecchiature, contenitori ad altri apparecchi non collegati in modo permanente;
- presenza di linee di trasferimento con giunzioni o collegamenti, fonte di possibili perdite o rilasci, e di organi soggetti a movimento quali valvole, pompe, compressori, flange, guarnizioni, tenute;
- modalità di conservazione di recipienti contaminati dopo l’uso, perdenti o danneggiati: fusti, pescanti, tubazioni, sacchi;
- attività di regolazione e controllo, verifiche di livello, prelievo di campioni;
- operazioni di manutenzione, sostituzione o lavaggio, anche dei mezzi di trasporto utilizzati;
- accesso (anche se straordinario od occasionale) a luoghi confinati e/o isolati, non solo per la presenza di agenti pericolosi, ma anche per tutte le condizioni che possono limitare o alterare la normale presenza (e il ricambio) di aria respirabile”.
 
 
 
Movimentazione merci pericolose. Carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali. Manuale sulla sicurezza destinato agli addetti al carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali pericolosi”, pubblicazione realizzata dalla Direzione Centrale Prevenzione dell’Inail in collaborazione con Parsifal Srl, versione 2012 (formato PDF, 3.27 MB).
 
 
Vai all’area riservata agli abbonati dedicata a “ Movimentazione Merci Pericolose - Carico, scarico, facchinaggio di merci e materiali”.
 
 
RTM
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: