Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Come gestire i rischi derivanti da agenti cancerogeni sul lavoro

Come gestire i rischi derivanti da agenti cancerogeni sul lavoro
01/10/2019: Una nuova scheda informativa a sostegno della campagna Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in presenza di sostanze pericolose fornisce consigli pratici per evitare i rischi derivanti da agenti cancerogeni nell’ambiente di lavoro.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Secondo le stime il cancro costituisce la principale causa di morte associata all’attività lavorativa nell’UE. Gran parte dei cancri è attribuibile all’esposizione ad agenti cancerogeni nell’ambiente di lavoro. In quanto firmataria della  tabella di marcia sugli agenti cancerogeni, l’EU-OSHA è impegnata a sensibilizzare a questi rischi.

 

Una nuova scheda informativa a sostegno della  campagna Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in presenza di sostanze pericolose  fornisce consigli pratici per evitare i rischi derivanti da agenti cancerogeni nell’ambiente di lavoro e collegamenti a risorse utili.

 

 

 

Pubblicità
Datore di Lavoro RSPP (Rischio Medio) - Moduli 1 e 2 - 16 ore
Corso online di formazione per Datori di Lavoro RSPP (DLSPP) nelle aziende a Rischio Medio
 

 

Scheda informativa: agenti cancerogeni al lavoro

Questa scheda informativa, sviluppata congiuntamente da tutti i partner della Roadmap sugli agenti cancerogeni, fornisce una concisa consulenza pratica per evitare i rischi derivanti dagli agenti cancerogeni sul luogo di lavoro. Progettato come documento di riferimento rapido per l'uso quotidiano, inizia definendo agenti cancerogeni professionali e delineando i rischi che rappresentano.

 

Copre quindi i requisiti legali specifici come la valutazione del rischio, la gerarchia delle misure di prevenzione applicate agli agenti cancerogeni e i limiti di esposizione professionale. Fornisce inoltre informazioni sulle misure di manutenzione e incidenti e su come riconoscere i lavoratori particolarmente a rischio.

Esistono collegamenti a strumenti utili, indicazioni e informazioni sulla tabella di marcia sugli agenti cancerogeni: tutto ciò di cui hai bisogno per gestire i rischi derivanti dagli agenti cancerogeni sul lavoro.

 

Punti chiave

  • Un agente cancerogeno è una sostanza che è in grado di causare, aggravare o promuovere il cancro nell'uomo o negli animali. Alcuni agenti cancerogeni possono essere inalati, altri possono entrare attraverso la pelle o le mucose. Definizioni più dettagliate sono incluse nel Direttiva europea e legislazione nazionale.
  • Non tutte le esposizioni ad agenti cancerogeni portano inevitabilmente al cancro: alcuni agiscono a seguito di alto livello, esposizione prolungata, mentre altri agiscono a livelli inferiori e a seguito di periodi di esposizione più brevi.
  • Ci sono un certo numero di agenti cancerogeni a cui lavoratori possono essere esposti. Tra le sostanze cancerogene più comunemente note sul lavoro troviamo l'amianto, il radon, alcuni pesticidi, arsenico e fumo di tabacco
  • Molti degli agenti cancerogeni a cui i lavoratori sono più frequentemente esposti sono generati dai processi di lavoro. Esempi includono gas di scarico diesel, fumi di saldatura, polvere di silice cristallina e polvere di legno duro. Sostanze cancerogene possono anche essere presente nelle materie prime (incluse impurità), prodotti intermedi, prodotti o sottoprodotti.
  • Gli effetti dell'esposizione alle sostanze cancerogene possono verificarsi molto tempo dopo l'esposizione
  • Ai sensi della legislazione dell'UE, misure particolarmente rigorose - oltre a quelle richieste per altre pericolose sostanze - devono essere prese dai datori di lavoro per prevenire i danni: eliminare l'esposizione o dove non lo è possibile la rigorosa sostituzione, mantenendo l'agente cancerogeno in un sistema chiuso, registrando esposizioni e più rigorosi requisiti di informazione e documentazione.
  • Eventuali disposizioni dettagliate per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro (SSL) delle sostanze cancerogene, sono stabilite nelle normative nazionali. Si raccomanda quindi vivamente di richiedere il chiarimento dei requisiti nazionali

 

Eu-Osha - Infosheet: Carcinogens at Work (eng)

 

Visita il  sito web della campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri  

 

Ulteriori  informazioni e articoli sui tumori di origine professionale

 

Fonte: Eu-Osha

 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!