Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Danno biologico: risorse in Finanziaria

16/10/2007: Nel collegato alla Finanziaria 2008 inserita la copertura del danno biologico per le vittime di infortuni e malattie professionali.
Pubblicità
google_ad_client


Il danno biologico entra nella Finanziaria 2008. Nella seduta del 12 ottobre 2007 il Consiglio dei Ministri ha inserito nel collegato alla Finanziaria 2008 anche la copertura del danno biologico.
 
La misura era stata ripetutamente richiesta dall'Anmil (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi del lavoro) nei mesi scorsi. Il suo presidente, Pietro Mercandelli, in una lettera aperta al capo del Governo aveva sottolineato come in passato la copertura del danno biologico si fosse “risolta in un vantaggio per lo Stato e per le aziende: per lo Stato poiché l'INAIL porta nelle casse del ministero dell'Economia oltre due miliardi di euro l'anno, mentre le aziende hanno evitato di dover rispondere in sede giudiziaria alle migliaia di richieste di risarcimento precedentemente non coperto dall'assicurazione pubblica avanzate dai lavoratori infortunati o vittima di malattie professionali.”

Pubblicità


Commendando la notizia l’Inail ha ricordato che il riconoscimento del danno biologico è previsto dal D.Lgs. 38 del 2000. Tale provvedimento ha sostituito il concetto di danno arrecato alla sola capacità lavorativa con quello di danno causato all'integrità psicofisica dei lavoratori. “Così, per esempio, ha diritto al risarcimento anche il lavoratore o la lavoratrice che in seguito ad un infortunio riporta uno sfregio sulla guancia, anche se questo non comporta nessuna conseguenza negativa sull'attività lavorativa.”


Pubblicità
google_ad_client

Creative Commons License
Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!