LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuroAbbonati alla Banca Dati di PuntoSicuro
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

02 settembre 2013 - Cat: Movimentazione carichi
  

Strategie per la movimentazione manuale dei carichi e dei pazienti


La movimentazione manuale di pazienti e carichi, laddove necessaria, deve essere eseguita correttamente. La normativa, le strategie operative, la valutazione e i consigli per reparti di degenza, sale operatorie, servizi sanitari e servizi di supporto.

Pubblicità

Bologna, 2 Set – Una non adeguata movimentazione manuale dei carichi (MMC) può favorire l’insorgenza di  lesioni dorso lombari, lesioni che dipendono anche dalla frequenza e durata della movimentazione, dal peso del carico movimentato e dal percorso effettuato. E nelle attività di  movimentazione manuale nei luoghi di lavoro l’insorgere di lesioni è spesso collegato alla mancanza di una valutazione, all’improvvisazione, alla fretta, alla carenza di strumenti idonei e di formazione.
 
Per affrontare il tema dei rischi correlati alla movimentazione dei carichi, con attenzione anche alla movimentazione dei pazienti, ci soffermiamo su un intervento che si è tenuto a un corso di formazione per Medici Competenti promosso dal SIRS (Servizio Informativo per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza) e dall’Ass. Pol. Salute della  Regione Emilia-Romagna.

Pubblicità
La movimentazione manuale dei carichiVideocorsi in DVD - La movimentazione manuale dei carichi
Formazione sui rischi specifici nella movimentazione di carichi (Art. 37 D.Lgs. 81/08)

L’intervento “La corretta movimentazione dei pazienti e dei carichi”, a cura di Franco Pugliese (Direttore del Dipartimento della Sicurezza -  Ausl Piacenza), segnala che nel D.Lgs. 81/2008 la definizione della “ movimentazione manuale dei carichi” comprende le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni del sollevare, deporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico; e il Titolo VI (Movimentazione manuale dei carichi) del decreto – con riferimento agli articoli 167/168/169 e all’Allegato XXXIII - si applica “alle attività lavorative di movimentazione manuale dei carichi che comportano per i lavoratori rischi di patologie da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorso-lombari”.
Il datore di lavoro per evitare la necessità della MMC ha l’obbligo di adottare le misure organizzative e i mezzi appropriati.
Laddove non sia possibile evitare la MMC, e sulla base delle indicazioni fornite dall’Allegato XXXIII, occorre:
- “organizzare i posti di lavoro;
- valutare le condizioni di sicurezza e salute connesse al lavoro e alle caratteristiche del carico;
- valutare i fattori individuali di rischio, le caratteristiche dell’ambiente di lavoro e le esigenze connesse all’attività;
- adottare le misure adeguate;
- sottoporre alla sorveglianza sanitaria gli addetti alle attività”. 
Inoltre il Datore di Lavoro fornisce ai lavoratori informazione, formazione e addestramento riguardo alla MMC.
 
L’intervento riporta poi quanto contenuto nell’Allegato XXXIII riguardo ai fattori che rappresentano, insieme al peso del carico, le criticità della movimentazione: caratteristiche del carico, sforzo fisico richiesto, caratteristiche dell’ambiente di lavoro, esigenze connesse all’attività, fattori individuali di rischio.
 
Rimandando il lettore alla lettura integrale dell’intervento - ad esempio con riferimento ai dettagli degli aspetti critici rilevati - affrontiamo invece le problematiche della movimentazione manuale dei carichi nei reparti di degenza, sale operatorie, servizi sanitari e servizi di supporto
 
Ad esempio la movimentazione del paziente non autosufficiente è necessaria:
- “per l’igiene quotidiana;
- per aiutarlo ad alzarsi, per posizionarlo correttamente, per cambiargli posizione;
- per il trattamento riabilitativo;
- per il trasporto;
- movimentazione del paziente prima dell’intervento;
- movimentazione durante l’intervento (posizioni richieste dal tipo di intervento chirurgico in atto);
- movimentazione del paziente dopo l’intervento chirurgico”. 
 
Inoltre in questi ambienti di lavoro sono presenti anche le criticità della movimentazione dei carichi, traino, spinta, postura:
- “immagazzinamento e distribuzione di farmaci ed altro materiale;
- movimentazione di attrezzature diagnostiche, letti, …;
- movimentazione dei contenitori dei ferri chirurgici (da pochi Kg a contenitori fino a 15-20 Kg);
- posture obbligate e protratte nel tempo”.   
 
Le strategie operative di prevenzione prevedono:
- “valutazione del rischio da MMC;
- sorveglianza sanitaria;
- formazione/informazione;
- valutazione e bonifica ambientale;
- riorganizzazione del lavoro e migliore impiego delle risorse;
- schede tecniche di attrezzature ed ausili;
- verifica dei risultati”. 
 
Ricordando che la formazione rappresenta uno dei cardini fondamentali della prevenzione (“se il lavoratore è informato sui rischi e formato su come affrontarli, la prevenzione diventa efficace”), l’intervento si sofferma sulle fasi della valutazione del rischio da MMC:
- I FASE: “Colloquio informativo con la Caposala (carico assistenziale, numero e tipo di operatori in organico, tipologia di pazienti e manovre di movimentazione abitualmente effettuate, eventuale formazione del personale);
- II FASE: Valutazione ambientale;
- III FASE: Calcolo dell’indice di esposizione”. 
 
La valutazione e bonifica ambientale riguarda:
- “spazio intorno ai letti di degenza;
- larghezza e apertura delle porte;
- corridoi, percorsi e rampe;
- spazi di manovra con ausili e attrezzature;
- dotazione di maniglioni e corrimano nelle camere, nei servizi igienici e in corridoio;
- servizi igienici e in particolare per pazienti non autosufficienti, tipologia e collocazione sanitari”.
Mentre la riorganizzazione del lavoro è relativa a:
- “organizzazione e corretto impiego del personale nelle operazioni di MMC, in funzione delle attività giornaliere con utilizzo di istruzioni operative ed altri strumenti;
- utilizzo corretto delle attrezzature ausiliari presenti;
- richiesta di attrezzature necessarie in relazione alla tipologia dei pazienti e dell’organizzazione del lavoro”. 
È poi importante la “preparazione di schede tecniche per ausili, attrezzature, arredi e sanitari ergonomici”, la “valutazione degli ausili più adatti alle necessità di movimentazione” e la specifica “consulenza per schede tecniche mirate”. Senza dimenticare che la “dotazione e l’utilizzo degli ausili fa scendere notevolmente l’indice di rischio”.
 
Concludiamo questo breve viaggio intorno ai rischi della movimentazione manuale dei carichi, riportando alcuni suggerimenti e misure di prevenzione segnalate dal relatore (e accompagnate nell’intervento da immagini esplicative):
- “durante la mobilizzazione del paziente o del carico, la base di appoggio deve essere allargata con ginocchia semiflesse e tronco eretto;
- porsi il più possibile vicino al paziente o al carico da movimentare e se il peso da sollevare è posto vicino al suolo, flettere le ginocchia e non la schiena; 
- evitare movimenti di torsione del tronco, specie se il tronco è già flesso; in taluni casi è meglio suddividere lo spostamento in più fasi;
- utilizzare per lo spostamento del paziente, il trasferimento del proprio peso da un arto all’altro nella direzione del movimento (affondo), se necessario appoggiando un ginocchio sul letto del paziente; 
- per sostenere un carico troppo pesante, avvicinarlo al corpo evitando di incurvare la schiena; - nel movimentare carichi, meglio suddividere il peso sui due lati; 
- se è possibile, suddividere carichi di peso elevato in carico di peso minore;
- se non è possibile suddividere un peso elevato, effettuare il sollevamento e lo spostamento in due operatori; 
- se si eseguono movimentazioni a postura fissa (in ginocchio o accucciati), cambiare spesso posizione o comunque alzarsi per rilassare e stirare i muscoli delle gambe e del tronco;
- sollevandosi da terra eseguire i movimenti lentamente e mai a strappi, specie sotto sforzo;
- nelle azioni di spinta o traino, è meglio spingere un peso che tirarlo; 
- se si sposta un grosso carico, appoggiarsi con la schiena al carico e spingere utilizzando la forza delle gambe lievemente piegate;
- non sollevare un carico alzando le braccia al di sopra delle spalle; per spostare un peso in alto, salire su uno sgabello stabile o una scaletta; 
- se si sta a lungo in piedi, appoggiare alternativamente un piede su un rialzo ed evitare di incurvare la schiena;
- non mantenere posizioni protratte in posizione eretta e flessione del tronco; per attività che lo richiedano (medicazioni, prelievi, ecc.) è preferibile sedersi, evitando di incurvare la schiena;
- per la movimentazione dei carichi ricorrere ad attrezzature come carrelli e transpallet;
- per la movimentazione dei pazienti, utilizzare gli ausili eventualmente presenti in reparto (sollevapazienti, ausili minori, ecc.)”.
 
 
 
La corretta movimentazione dei pazienti e dei carichi”, a cura di Franco Pugliese (Direttore del Dipartimento della Sicurezza -  Ausl Piacenza), intervento al “Corso di formazione per Medici Competenti: Rischio da stress lavoro correlato” (formato PDF, 8.42 MB).
 
 
 
Tiziano Menduto
 
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: