Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
stampa articolo  esporta articolo in PDF

Interpello sui servizi igienico - assistenziali nei luoghi di lavoro

Redazione
 Redazione
 Luoghi di lavoro
28/05/2013: La Commissione per gli interpelli offre indicazioni in merito alla corretta interpretazione dell'art. 63, comma 1 del D.Lgs. 81/2008. Come assolvere all’obbligo di mettere a disposizione dei lavoratori idonei servizi igienico – assistenziali.
Pubblicità

Roma, 28 Mag – Secondo il Decreto legislativo 81/2008 si intendono per luoghi di lavoro, ai fini della applicazione del Titolo II (Luoghi di Lavoro) del Testo Unico, i luoghi destinati a ospitare posti di lavoro, ubicati all’interno dell’azienda o dell’ unità produttiva, nonché ogni altro luogo di pertinenza dell’azienda o dell’ unità produttiva accessibile al lavoratore nell’ambito del proprio lavoro”.
Ricordando che le disposizioni del Titolo II non si applicano ad alcuni ambienti specifici -   mezzi di trasporto, cantieri temporanei o mobili, industrie estrattive, pescherecci, campi, boschi e altri terreni facenti parte di un’ azienda agricola o forestale – il D.Lgs. 81/2008 prevede per i luoghi di lavoro precise disposizione a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori.
 
Articolo 63 - Requisiti di salute e di sicurezza
1. I luoghi di lavoro devono essere conformi ai requisiti indicati nell’ ALLEGATO IV.
(...)
 

Pubblicità
Luoghi di lavoro in DVD
Formazione sui rischi specifici presenti nei luoghi di lavoro, vie di circolazione, scale, ponteggi (Art. 37 D.Lgs. 81/08) in DVD

 
A questo proposito il Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro ha avanzato istanza di interpello per conoscere il parere della Commissione per gli Interpelli (articolo 12 del D.Lgs. 81/2008) in merito alla corretta interpretazione dell'art. 63, comma 1 del Testo Unico ed, in particolare, dei punti 1.13.1.1 e1.13.3.1 dell'Allegato IV.
 
Ricordiamo i suddetti punti dell’Allegato IV:
 
(...)
1.13.1. Acqua
1.13.1.1. Nei luoghi di lavoro o nelle loro immediate vicinanze deve essere messa a disposizione dei lavoratori acqua in quantità sufficiente, tanto per uso potabile quanto per lavarsi.
1.13.1.2. Per la provvista, la conservazione e la distribuzione dell'acqua devono osservarsi le norme igieniche atte ad evitarne l'inquinamento e ad impedire la diffusione di malattie.
 
(...)
 
1.13.3. Gabinetti e lavabi
1.13.3.1. I lavoratori devono disporre, in prossimità dei loro posti di lavoro, dei locali di riposo, degli spogliatoi e delle docce, di gabinetti e di lavabi con acqua corrente calda, se necessario, e dotati di mezzi detergenti e per asciugarsi.
1.13.3.2. Per uomini e donne devono essere previsti gabinetti separati; quando ciò sia impossibile a causa di vincoli urbanistici o architettonici e nelle aziende che occupano lavoratori di sesso diverso in numero non superiore a dieci, è ammessa un'utilizzazione separata degli stessi.
(...)
 
 
In relazione a quanto richiesto la Commissione Interpelli si è espressa con il parere fornito il 2 maggio 2013 nell’Interpello n. 4/2013 avente per oggetto “Art. 12, D.Lgs. n. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni — risposta al quesito relativo ai "servizi igienico assistenziali" (art. 63, comma 1, e allegato IV del D.Lgs. n. 81/2008)”.
 
La Commissione fornisce le seguenti indicazioni: "nei casi in cui un luogo di lavoro è posto all'interno di un ambiente ben definito e circoscritto, considerando che la norma impone al Datore di Lavoro di mettere a disposizione del lavoratore i servizi igienico - assistenziali nel luogo di lavoro o nelle sue immediate vicinanze,si ritiene che il Datore di lavoro assolva al suo obbligo purché questi servizi, anche se non in uso esclusivo, siano fruibili dai lavoratori liberamente, facilmente e senza aggravio di costo per loro e nel rispetto delle norme igieniche”.
 
 
 
 
RTM
 
 
 
Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: luigi bognolo03/06/2013 (22:06:38)
come posso avere l' indirizzo della commissione per gli interpelli
grazie
Rispondi Autore: giacomo18/02/2015 (18:17:50)
Salve come da ARTICOLO II del testo unico si evince che i terreni di un aziende agricola non devono rispettare le disposizioni del TITOLO I SUI LUOGHI DI LAVORO, ma se un azienda ortofrutticola impegna la sua dipendenza principalmente nei suoi campi che sono distanti dalla sede aziendale come deve comportarsi in merito ad obblighi da parte del datore di lavoro??
Autore: Antonio Varriale08/07/2016 (13:20:13)
vorrei sapere chi e' il responsabile della sicurezza dei Gabinetti e lavabi in una azienda.
Grazie.
Varriale Antonio
Rispondi Autore: Massimo Ognibene20/09/2018 (19:18:47)
Il DDL.
L'RSPP ha il dovere di verificare, nella valutazione dei rischi, la situazione e riferire al DDL eventuali problematiche e soluzioni.
Fatto ciò, il Responsabile della gestione della Sicurezza, Igiene e Impianti in azienda è il Datore di Lavoro.
Rispondi Autore: Loredana26/09/2016 (09:40:37)
Come posso obbligare ad avere l'acqua nel posto di lavoro al mio datore di lavoro??
Autore: M09/11/2017 (15:40:45)
Lavoro per un'azienda privata. Il comune in cui la stessa opera ha emanato un'ordinanza per cui il giorno X tutte le scuole e gli uffici pubblici saranno chiusi in quanto per lavori di manutenzione straordinaria sarà interrotta l'erogazione di acqua dalle 8 alle 18. L'azienda per la quale lavoro(essendo privata) decide di restare aperta e noi dipendenti siamo costretti ad andare a lavoro nonostante non sia possibile usare i servizi igienici. Il ragionamento che fa l'azienda è: se non vuoi venire ti prendi un permesso.
Come ci si può difendere da questo atteggiamento?
Autore: D S28/06/2018 (16:12:00)
Lavoro presso un azienda privata con piu' di 100 dipendenti. Nei locali igenici (bagni) ne lperiodo estivo e' prevista l'erogazione della sola acqua fredda, mi risulta pero' che dovrebbe essere obbligatoria anche l'acqua calda per ragioni di sicurezza sulla salute. Posso sapere la normativa di riferimento cosa prevede in tal senso? grazie
Rispondi Autore: Massimo Ognibene20/09/2018 (19:15:55)
E' prevista la presenza dell'acqua calda "se necessario" in quanto la frase del punto 1.13.3.1 cita anche la presenza di eventuali docce.
Se è solo un bagno, serve l'acqua per lavarsi e deve essere presente carta igienica, sapone e asciugamano (elettrico o di carta). L'acqua calda, se solo bagno, non è obbligatoria.
Così come non è obbligatorio il riscaldamento nei bagni.
Rispondi Autore: Luigi manca18/10/2018 (16:41:54)
Salve, vorrei sapere se esiste un numero minimo di bagni proporzionale al numero di dipendenti
Grazie

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!