Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Storie di infortunio: la forza dell'acqua

Storie di infortunio: la forza dell'acqua
 
 Valutazione dei rischi
28/05/2019: Un incidente mortale accaduto ad un lavoratore in un canale usato per l’irrigazione dei campi: come è avvenuto l’incidente, le cause e come si sarebbe potuto evitare.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Pubblichiamo la storia “La forza dell'acqua” (Michele Montresor e Mirko Campana, servizio PSAL dell’ATS Val Padana ) tratta dal repertorio delle “  Storie d'infortunio” rielaborate dagli operatori dei Servizi PreSAL delle ASL piemontesi a partire dalle inchieste di infortunio, e raccolte nel sito del Centro regionale di Documentazione per la Promozione della Salute della Regione Piemonte ( Dors).

 



Pubblicità
MegaItaliaMedia
 

La forza dell'acqua

Esito: il lavoratore infortunato è deceduto per annegamento

 

Dove è avvenuto: in un canale usato per l’irrigazione dei campi

  

Cosa si stava facendo

Terenzio, il lavoratore deceduto doveva chiudere con una paratia la canaletta in cemento che aveva utilizzato per irrigare il proprio terreno. Per fare ciò, occorreva portarsi al di sopra del coperchio del collettore in cemento, estrarre dalle guide la paratia in legno, spostarsi sul secondo coperchio e inserire la paratia in legno all’interno di altre guide.

 

Descrizione dell’infortunio

Quella mattina non era presente nessun testimone, ma dagli elementi raccolti si presume che durante l’operazione di chiusura della paratia lignea, qualcosa sia andato storto e, con l’intenzione di porvi rimedio, l’agricoltore sia scivolato con i piedi nell’acqua del pozzetto attiguo alla canaletta.

 

Come prevenire

In casi come questi è necessario che il Consorzio che gestisce le acque irrigue metta in atto una serie di misure di tipo tecnico (inserimento di griglie, parapetti e protezioni), organizzative/procedurali (affissione di appositi cartelli in prossimità dei canali per l’irrigazione) e richiami ai lavoratori per l’adozione di comportamenti sicuri.

 

 

Leggi la storia

 

 

Fonte: Dors




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!