esporta articolo in PDF

Visite mediche di idoneità effettuate in azienda: istruzioni d’uso

Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
 
Pubblichiamo un contributo del Dott. Cristiano Ravalli tratto damedicompetente.blogspot.it


Pubblicità
Mediscopio GD500
Software che permette di gestire visite e controlli periodici dei lavoratori
 
Guida per i Lavoratori e gli R.L.S. per le Visite Mediche di Idoneità Effettuate in Azienda
Fa specie parlare nel 2015 di decoro e di igiene dei locali ove vengono effettuate le visite mediche di idoneità di medicina del lavoro e fa specie che molti medici si prestino ad effettuarle in locali non idonei e per questo è opportuno informare i lavoratori ed i loro rappresentanti sui regolamenti e sugli elementi minimi di dignità per la visita medica effettuata nei locali aziendali. Ancora oggi ricevo proposte di eseguire, e non è uno scherzo,  le visite mediche sui divani del bar, sulle scrivanie, sulle sedie, sui letti degli hotel, negli spogliatoi aziendali, nei locali dedicati alla pausa pranzo, ecc. Al mio rifiuto la risposta è sempre la stessa: "ma il medico di prima le faceva senza fare problemi."
Pertanto, convinto che un lettino di visita non lo si neghi neppure al nostro fido, scrivo, di cuore, questa guida dedicata al decoro ed  alla dignità dell'individuo lavoratore e dell'individuo medico.
 
Chi deve effettuare le visite mediche di idoneità?
Il medico che ha ricevuto l'incarico di medico competente.
L'art. 36, comma 1 del Testo Unico prevede che " Il datore di lavoro provvede affinché ciascun lavoratore riceva una adeguata informazione:
d) sui nominativi del responsabile e degli addetti del servizio di prevenzione e protezione, e del medico
competente". Sanzione prevista in caso di inadempienza: arresto da due a quattro mesi o ammenda da 1.315,20 a 5.699,20 euro [Art. 55, co. 5, lett. c)].
Pertanto solo il medico il cui nominativo viene indicato ai lavoratori ha diritto e dovere di operare.
Il medico competente non può delegare ad altri l'effettuazione delle visite mediche come di qualsiasi altra attività prevista dal Testo Unico a suo carico.
 
Pertanto qualora ciò accadesse occorre che i Lavoratori, anche a mezzo del loro Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, provvedano a comunicare al Servizio Tutela della Salute e Sicurezza sui Luoghi di Lavoro della ASL territorialmente competente la grave violazione commessa dal medico, non priva di risvolti etici quale quello del subappalto di lavoro ad altri colleghi. Molti centri medici medici hanno introdotto la visita parere di medicina del lavoro: il medico competente fa effettuare la visita medica ad altro collega sotto la dizione di "visita parere di medicina del lavoro". Inutile dire che si tratta di schifosi escamotage per aggirare la normativa che non permette la delega della visita e che qui si vede il vero ruolo dei medici coordinatori che ai convegni sventolano principi universali e poi nei loro centri medici ne fanno di ogni sotto gli occhi di tutti.
 
Il medico deve effettuare effettivamente una visita medica inclusiva di esame obiettivo?
La cartella sanitaria e di rischio è conforme ad un modello previsto dalla norma che include, sempre, l'esame obiettivo. Esame obiettivo quindi non significa chiedere "sta bene?" o limitarsi alla misurazione della pressione arteriosa ma significa effettuare l'esame obiettivo generale o degli organi così come previsto dall'All. 3A del Testo Unico.
Il medico che in azienda compila la cartella ma non effettua materialmente l'esame obiettivo commette un reato grave in quanto falsifica una cartella sanitaria, riportando appunto un esame obiettivo che invece non è stato effettuato.
Si tratta di un falso che può avere risvolti penali e pertanto il medico che compila la cartella e non effettua l'esame obiettivo (visita medica) deve essere segnalato Servizio Tutela della Salute e Sicurezza sui Luoghi di Lavoro della ASL territorialmente competente ed all'Ordine dei Medici Provinciale a cui è iscritto.
Ricordo che il Lavoratore può, in ogni momento, richiedere al medico competente copia della sua cartella sanitaria e di rischio. Art. 25, comma 1, lettera h):
"il medico competente informa ogni lavoratore interessato dei risultati della sorveglianza sanitaria di cui all’articolo 41 e, a richiesta dello stesso, gli rilascia copia della documentazione sanitaria".
Sanzione prevista a carico del medico inosservante: "sanzione amministrativa pecuniaria da 657,60 a 2.192,00 euro [Art. 58, co. 1, lett. d)].
Inoltre il Lavoratore, alla cessazione del rapporto di lavoro, riceve d'ufficio copia della sua cartella senza neppure richiederla:
Articolo 25, comma 1, lettera e):
"Il medico competente:
e) consegna al lavoratore, alla cessazione del rapporto di lavoro, copia della cartella sanitaria e di rischio, e gli fornisce le informazioni necessarie relative alla conservazione della medesima; l’originale della cartella"
Sanzione in caso di inadempienza: arresto fino a un mese o ammenda da 219,20 a 876,80 euro [Art. 58, co. 1, lett. a)]
Pertanto il Lavoratore ancora in organico che dopo aver fatto richiesta di copia della propria cartella sanitaria e di rischio non la riceva o il Lavoratore che, alla cessazione del rapporto di lavoro, non riceva automaticamente la copia della propria cartella sanitaria e di rischio può, anche  a mezzo del Rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza, segnalare al Servizio Tutela della Salute e Sicurezza sui Luoghi di Lavoro le inadempienze.
 
Anche gli addetti ufficio devono essere visitati?
La cartella sanitaria e di rischio vale per tutti e quindi tutti i lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria devono essere materialmente visitati.
Art. 176, comma 1 del Testo Unico: " I lavoratori sono sottoposti alla sorveglianza sanitaria di cui all’articolo 41, con particolare riferimento:
a) ai rischi per la vista e per gli occhi;
b) ai rischi per l’apparato muscolo-scheletrico."
Il medico quindi è tenuto ad esprimersi anche sull'apparato muscolo-scheletrico che non può essere esplorato senza una visita medica.
 
Il lavoratore può rifiutarsi di spogliarsi?
No, non può. Nei limiti del decoro ovviamente. Mutande e reggiseno possono essere mantenuti in quanto non interferenti con la visita medica che risparmia esame senologico o esame dei genitali. Sarà poi il medico a cercare di rendere meno imbarazzante la visita medica soprattutto quelle di medicina del lavoro ove l'assistito è obbligato a sottoporsi ad un esame medico senza possibilità di scelta del medico competente. Anche se ciò non è del tutto vero in quanto lart. 50 del Testo Unico al comma 1, lettera c) prevede che l' "R.L.S. è consultato sulla designazione del responsabile e degli addetti al servizio di prevenzione, alla attività di prevenzione incendi, al primo soccorso, alla evacuazione dei luoghi di lavoro e del medico competente".
Sanzione in caso di inadempienza al datore di lavoro o al dirigente che ha effettuato le nomine senza la consultazione del R.L.S.: "ammenda da 2.192,00 a 4.384,00 euro" (art. 55, comma 5, lettera e).
Ci sono poi situazioni particolari come le lavoratrici di religione musulmane che sono ostili alla visita medica effettuata da soggetto di sesso opposto. Nella mia esperienza: qualora si usi il dovuto riguardo, informate sulla possibilità di essere accompagnate da un familiare o altro, non è mai stato un problema insormontabile.
 
Il lavoratore, al momento della visita medica di idoneità, può farsi accompagnare da altro soggetto?
Non c'è nessuna controindicazione a che ciò avvenga se il Lavoratore è d'accordo.
 
E' possibile effettuare la visita medica sulle scrivanie o sulla sedia?
Sebbene questa sia una pratica diffusa essa viola i principi generali del decoro ed il medico che si presta a tali pratiche deve essere segnalato al Servizio Tutela della Salute e Sicurezza sui Luoghi di Lavoro della ASL territorialmente competente ed all'Ordine dei Medici Provinciale a cui è iscritto.
Occorre precisare che nel D.Lvo 81/08, non vengono indicati i requisiti dei locali adibiti, anche temporaneamente, alla sorveglianza sanitaria. Il comma 1 dell'art. 39 del D.Lvo 81/08 stabilisce che "l’attività di medico competente é svolta secondo i principi della medicina del lavoro e del codice etico della Commissione internazionale di salute occupazionale (ICOH)". In realtà ho cercato anche nel Codice Etico ICOH e non vi è cenno a questo aspetto. Ho cercato anche nel codice deontologico ma non vi è cenno, se non per i medici convenzionati o dipendenti. In realtà credo che non vi sia cenno in quanto si dà per scontato che il medico, in genere, operi rispettando i requisiti minimi di decoro professionale e di rispetto dell'assistito e questo c'è nel codice deontologico.
Alcuni servizi ispettivi dei servizi di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro (SPISAL Vicenza ad esempio) avevano inserito, nelle loro check-list di controllo, una verifica dei requisiti minimi dei locali adibiti alle visite mediche in azienda.
In ogni caso, quali caratteristiche deve avere la stanza utilizzata temporaneamente da parte del medico competente per rispettare un minimo di decoro e di rispetto dell'assistito?
Deve essere chiusa, priva di vetri che permettano la visione dall'esterno, dotata di lettino (anche pieghevole che l'azienda può riporre in altro luogo terminate le visite), dotata di rotolo di carta igienico, riscaldata in inverno (le persone si spogliano!), due sedie e un tavolo, sufficiente isolamento acustico per il rispetto della privacy, possibilità di accesso al bagno per le normali pratiche igieniche (lavaggio mani del sanitario). Le asl indicavano, fra i requisiti, anche la presenza del lavandino nella sala visite.
Il lettino può essere anche portato dal medico competente se è contento lui di fare lo sherpa
Ovviamente se c'è una parete divisoria che non garantisce la privacy e dall'altra parte si sente tutto: non va bene!
Ovviamente se occorre effettuare le audiometrie e fuori passano i camion: non va bene!
Ovviamente se il rumore dell'impianto impedisce al medico di auscultare i polmoni o il cuore: non va bene!
Esistono poi altre soluzioni quali effettuare le visite presso l'ambulatorio del medico o utilizzare le unità mediche mobili (camper omologati per questo tipo di attività) che sono forniti da società che esercitano la medicina del lavoro. Credo che esista anche la possibilità di noleggio del mezzo.
Pertanto le visite mediche effettuate negli spogliatoi, nei sottoscala, tra le scrivanie non rispettano minimamente i requisiti minimi di decoro e di dignità del lavoratore, del medico e dell'azienda stessa.
 
I medici competenti che operano, anche con non pochi sacrifici personali in termini di atti burocratici, ringraziano gli R.L.S. ed i lavoratori che segnalino le aberrazioni a cui siamo costretti ad assistere con la finalità del miglioramento. Noi medici competenti dobbiamo essere consapevoli che il nostro lavoro deve essere anche oggetto di attenzione e di controllo da parte dei nostri assistiti.
 
 
 
Dott. Cristiano Ravalli



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Gianni Caprioni02/07/2015 (09:01:11)
Buogiorno, nel Suo articolo Lei cita testualmente "Il medico competente non può delegare ad altri l'effettuazione delle visite mediche come di qualsiasi altra attività prevista dal Testo Unico a suo carico".
La domanda è la seguente. Come deve comportarsi un Datore di Lavoro che si trova nella condizione di dover obbligatoriamente effettuare la visita medica ad un suo lavoratore (magari perchè in rientro da un infortunio) e non ha la disponibilità immediata del Medico Competente (magari perchè malato o in ferie)? Qui, a parer mio, la delega potrebbe risultare utile o ammissibile purchè giustificata con chiara documentazione.
La saluto cordialmente.
Gianni Caprioni
Rispondi Autore: pietro ferrari02/07/2015 (10:32:05)
Ottimo contributo, questo di Ravalli. Personalmente, non mancherò di renderlo disponibile ai RLS.
Il problema posto da G.Caprioni ha natura affatto semplice, a mio avviso. Tuttavia, provvisoriamente e facendo ricorso al buon senso,la visita obbligatoria potrebbe essere svolta da un "sostituto", ad alcune condizioni:
-che la delega risulti formalizzata (dunque anche motivata);
- che la visita soddisfi tutte le condizioni della visita preventiva, di cui all'All.3A. O, in alternativa, che al lavoratore venga richiesto di portare la sua cartella sanitaria e di rischi (che perciò dovrà esser stata richiesta e consegnata in copia).
-che comunque la visita abbia specifico carattere di accuratezza.
...Troppo provvisorio??
cordialmente, ferrari
Rispondi Autore: Cristiano Ravalli02/07/2015 (10:55:21)
Non è Ravalli (che poco conta) che dice che i compiti del m.c. sono indelegabili ma sia il Testo Unico che prevede appunto una nomina diretta e non prevede deleghe, il Ministero del Lavoro con risposta d interpello 23/2/06 che ribadisce l'indelegabilità, la Procura di Milano: intervento Magistrato Dott. Poniz a Parma 23 maggio 2006. Documenti reperibili in rete e, sebbene antecedenti al T.U. e facenti riferimento al 626...nulla cambia in questo ambito. La soluzione offerta da entrambi è quella unica possibile della nomina temporanea di altro m.c.
Pertanto se il m.c. va in vacanza, il datore di lavoro che necessiti alcune attività non differibili (ad es. visite preventive) nomina un m.c. temporaneo.
Rispondi Autore: pietro ferrari02/07/2015 (16:27:15)
Colpa mia! (che pure abuso delle virgolette), per non aver virgolettato il termine "delega".
E' pacifico che la funzione non sia delegabile.
Ma da qui,appunto, ho l'impressione che comincino i problemi. Ad oggi, mi pare, lasciati irrisolti da legislazione e normazione.
cordialmente
Rispondi Autore: Mauro Matteucci03/07/2015 (00:29:55)
ottimo lavoro, ma incompleto. mi meraviglio infatti, che sia stato omesso l'argomento della visita straordinaria, intorno alla quale gravano ancora diverse questioni poco note. ad esempio entro quanto tempo deve essere dispensata. gli SPISAL sono orientati entro 10 giorni, come da regolamenti nazionali del SS, ma sul WEB spesso si danno numeri a caso, facendo purtroppo disinformazione. Cordiali saluti.
Rispondi Autore: Cristiano Ravalli03/07/2015 (11:09:35)
Non è stata omessa ma il mio post era dedicato non alle tipologie di visite ma ai requisiti di legge e di qualità della visita di idoneità a fronte di frequenti abusi segnalati. Alla visita medica su richiesta è già stato, in passato, dedicato un post facilmente reperibile in rete.
Rispondi Autore: Luigi bognolo04/07/2015 (14:30:09)
Salva chi mi può cortesemente informare se le visite mediche vanno fatte in orario di lavoro perchè nonostante la mia azienda di tpl con circa 2500 dipendenti obbliga i lavoratori a presentarsi alla visita da sorveglianza sanitaria nel giorno di riposo oppure al di fuori del turno di lavoro in straordinario in questo caso il lavoratore è costretto andare alla mattina a digiuno alla visita e poi iniziare il turno fino a notte compromettendo la sicurezza delle persone traspirate e la propria vi sembra normale
Rispondi Autore: Cristiano Ravalli06/07/2015 (21:52:20)
Tutti gli accertamenti sono parte integrante dell'orario di lavoro. In genere, nella mia esperienza nelle aziende, si chiede al lavoratore se è disponibile fuori dall'orario di lavoro. se non lo è (ed è un suo diritto) il datore di lavoro provvede a retribuire il tempo o ad effettuare il recupero.
Rispondi Autore: Gianmaria Simioni31/10/2015 (11:44:17)
Beh, l'eterna questione relativa alle visite aziendale. Mi dispiace dirlo ma queste sono completamente inutili. Io resto di un'idea: mi spoglio davanti chi ho scelto di spogliarmi, altrimenti e guai a chi me li farà togliere, continuerò sempre a far queste visite con i miei meravigliosi pantaloncini o con i miei scaldamuscoli. Mi spiegate cosa trovano questi campioni in 15 minuti di visita? Grazie a dio, essendosi resi conto che queste visite rappresentano perlopiù una grande perdita di tempo, i nostri governanti le stanno per abrogare.
Rispondi Autore: Lucio cerullo24/11/2017 (11:14:32)
E' impensabile che l'azienda disponga di un camper per dovute visite. In quanto i lavoratori stessi sono obbligati con abiti da lavoro, comprese le scarpe da lavoro entrare nel camper trascurando che la tenuta vestiaria è soggetta a germi battereologici nocivi alla salute.
Rispondi Autore: Carlo Lo Presti18/02/2018 (18:58:01)
Sono lavoratore notturno 22,30 - 5,30 può l'azienda farmi fare la visita alle ore 2,50 ossia in piena notte e dopo circa 4 ore di lavoro effettuato?
Rispondi Autore: Dipierro laura15/06/2018 (06:35:58)
Sono un'operaia di 54 anni. Ho bisogno di essere visitata dal medico della ditta, per problemi di salute, con esenzione del turno notturno del medico psichiatra, in questo momento il medico e in vacanza. E obbligo un sostituto e fa le sue mansioni? Grazie sig Laura
Rispondi Autore: Fabrizio Barison23/06/2018 (21:15:21)
Visita Medica tossicologia. Esami del sangue quindi esame invasivo .Le visite iniziano alle 8 e finiscono alle ore 12 . Orario di lavoro finisce alle ore 17 . Posso rimanere sul posto di lavoro per essere pagato otto ore ma non lavorare per esame invasivo? Attendo risposta grazie
Rispondi Autore: ioan andrei moldovan16/07/2018 (12:55:19)
salve , vorei sapere se e possibile che il dattore di lavoro ti manda a fare la visita col medico di azienda a 130km, cioe da verona a milano? grazie !
Rispondi Autore: danilo ottolia18/07/2018 (13:39:18)
Salve, volevo sapere quante volte posso richiedere la visita presso il medico competente. Se ho fatto visita a giugno e a settembre c'è un peggioramento dello stato di salute certificato, posso richiedere di nuovo una visita medica ? Grazie.
Rispondi Autore: Enza Alonzi06/10/2018 (21:37:51)
A mio figlio è stato richiesto analisi x le allergie in un'industria farmaceutica. Quali sono i valori e le analisi specifiche che dovrebbe fare!
Rispondi Autore: Rossana carlomagno07/10/2018 (10:23:20)
Buon giorno vorrei sapere se rientra nella discrezionalita' del medico aziendale porre alle dipendenti Donne tutti una serie di domande relative alla salute sessuale tipo eta' del menarca circlo sessuale eccetera tutto cio' all'atto di preparazione di una scheda Della dipendente non come indagine per Altri problems. Premesso Che non metto in dubbio la correttezza del medico non mi risulta parlando con colleghe di Altre aziende e altri Medici aziendali Che questa sia una prassi comune
Grazie
Rispondi Autore: Marcello Mancini13/11/2018 (15:27:03)
Buon pomeriggio,
ho appena effettuato la visita per la sorveglianza sanitaria che l'Azienda per la quale lavoro effettua regolarmente.
Sono un videoterminalista. Il mio profilo di rischio non prevede la prova audiometrica per problemi di udito all'orecchio SX; ho provato a chiederla e il medico, pur avendo l'apparecchiatura a disposizione, mi ha detto di non poterla effettuare proprio perché non prevista dal mio profilo di rischio.
E' corretto questo comportamento?
In attesa porgo i miei più cordiali saluti.
Marcello Mancini
Rispondi Autore: Stefania Bardellotto23/12/2018 (09:01:01)
Buongiorno lavoro in un centro medico a cui si rivolgono le aziende per eseguire gli esami ematochimici e delle urine prescritte dal mc. A volte i dipenden6 vengono al nostro centro. Altre volte il personale infermieristico va nelle aziende ad eseguire i prelievi. Che requisiti devono avere i locali in cui li effettua? Grazie
Rispondi Autore: Luciano Pazzola22/01/2019 (21:32:43)
Buona sera, è possibile sapere se il M.C. si può rifiutare di visitare un lavoratore in prossimità del suo rientro ma ancora in malattia? Vi faccio un semplice esempio: il M.C. è presente in azienda il giorno 24 che è giovedì, il lavoratore ha un certificato di malattia sino al giorno successivo che è venerdì, il rientro a lavoro è previsto per il lunedì successivo ma non sarà possibile visto che la malattia ha superato i 60 giorni e visto che il M.C. ha semplicemente detto che lui non visita un lavoratore che risulta ancora in malattia.
Rispondi Autore: OCCHI DANIELE11/02/2019 (09:33:40)
Ho superato di circa quattro mesi oltre i 12 previsti la visita medica che la ditta dove lavoro mi doveva fare per dimenticanza. Che sanzioni ci sono a carico del lavoratore o della ditta?
Rispondi Autore: Michele Comer14/02/2019 (15:50:03)
Volevo sapere se per legge attuale sono obbligato a urinare con la porta socchiusa e costretto a spogliarsi del tutto prima !? Io parlo riguardo le visita per la patente ! Grazie
Rispondi Autore: Alessandro kozi21/03/2019 (20:06:17)
Sono stato assunto da una ditta campana dove li a Salerno hanno il medico nominato io mi trovo in Lombardia sono obbligato ad andare dal mediconominato dalla ditta oppure posso avere l'idoneità al lavoro da qualunque competente qui nella mia regione??
Rispondi Autore: Clementi ROSELLA05/05/2019 (14:12:03)
Buongiorno vorrei sapere se durante la visita di lavoro la vaccinazione antitetanica viene effettuata in sede come si faceva fino a qualche tempo fa o invece e vero essere invitati a farla presso nedico di famiglia
Rispondi Autore: Cerulli giovanni13/06/2019 (09:59:32)
Io lavoro nello stampaggio lamiera a freddo la mia visita medica consiste solo nelludito nei.polmoni va bene così secondo voi
Rispondi Autore: Giorgio romano21/08/2019 (16:01:41)
Buongiorno, ad un colloquio mi è stato chiesto di fare una visita dal medico del lavoro. È la prima volta che la faccio e vorrei sapere che tipo di visita è. Vorrei anche sapere anche che tipo di esame del sangue fanno. Un ringraziamento a chi mi può rispondere
Rispondi Autore: Nicali raffaella03/09/2019 (17:11:30)
Buongiorno vorrei sapere se è possibile effettuare la visita medica aziendale se si è in malattia . Qual ora la risposta fosse negativa e devo recarmi personalmente a visita la devo pagare io? Attendo risposta grazie

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!