Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
stampa articolo  esporta articolo in PDF

Rischi psicosociali sul lavoro

Redazione
 Redazione
 Materiale informativo
03/11/2006: Stress, mobbing, burn-out in una pubblicazione della Regione Veneto. Disponibile on line.
Pubblicità
google_ad_client<\/div<#\? QUI-PUBBLICITA-VISIBILE \?#>


40 domande e risposte in materia di mobbing, stress, burn-out e malessere sociale. In questo modo la Regione Veneto presenta un approfondimento sul tema dei rischi psicosociali nei luoghi di lavoro, frutto dell’impegno di un gruppo di lavoro nell’ambito del progetto Disability Management – Azione “Prevenzione dei rischi psicosociali legati all’organizzazione del lavoro”.


---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----






Cosa è lo stress? Tutte le aziende sono a rischio di mobbing? Quali possono essere le conseguenze del burn-out per le aziende? Come si valutano i rischi psicosociali in azienda?
Sono queste alcune delle domande che trovano risposta nella pubblicazione.

Riguardo alla valutazione dei rischi psicosociali, ad esempio, viene sottolineato che questa deve seguire gli stessi principi e metodi di base che si applicano per tutti gli altri rischi professionali.
“Coinvolgere i lavoratori e i loro rappresentanti in un processo di valutazione partecipata e condivisa è essenziale per il successo sia della rilevazione che delle azioni di miglioramento.
Fondamentale è la costituzione di un gruppo di lavoro aziendale che preveda la partecipazione almeno di: datore di lavoro, RSPP, RLS, medico competente, come previsto dall’art.11 del D.Lgs. 626/94.
Dopo la ricognizione sui dati relativi ad assenteismo, richieste di spostamento di settore, cambio di mansione, licenziamenti, infortuni, malattie professionali, il gruppo ha il compito di rilevare la presenza degli eventuali indici di malessere dei lavoratori.
Lo strumento deve essere scelto e testato dal gruppo e le modalità di somministrazione devono prevedere il rispetto della privacy e la garanzia di non rintracciabilità del dato.
Uno degli strumenti può essere un questionario che deve indagare tutte le variabili di contesto e contenuto del lavoro per avere un quadro reale delle condizioni di stress dei soggetti.
L’analisi dei dati, così come la pianificazione delle eventuali azioni di miglioramento è compito del gruppo di lavoro e prevede azioni riguardanti il contesto e il contenuto del lavoro”

L’opuscolo "Note sui rischi psicosociali e loro effetti sulla salute in ambiente di lavoro" (formato PDF, 370 kB).


 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!