Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

AGGIORNAMENTO CONTINUO SU COVID 19
Informazioni e approfondimenti sul Nuovo Coronavirus

 

Puntosicuro non verrà pubblicato dal 10 al 24 agosto. La redazione sarà chiusa e le attività riprenderanno il 25 agosto.
Buone vacanze!

esporta articolo in PDF

Prevenire le patologie cutanee correlate al lavoro

Redazione
 Redazione
 Materiale informativo
12/05/2006: Disponibile on line un opuscolo in lingua italiana sulla protezione della pelle. Rischi sottovalutati.
Pubblicità

La protezione della pelle nelle attività lavorative non deve essere mai trascurata. Nella realtà, purtroppo, non è sempre così; le patologie cutanee occupano infatti un posto di rilievo tra le malattie professionali e per le persone che ne vengono colpite la qualità della vita si riduce drasticamente. Spesso questi lavoratori sono costretti a cambiare lavoro.


---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





Le malattie cutanee di origine professionale sono dovute principalmente all’esposizione a sostanze chimiche, ma anche a sostanze sensibilizzanti o all’umidità.
Le categorie professionali più colpite appartengono al settore principale dell’edilizia e delle imprese affini, all’industria metallurgica e chimica. Soggetti a rischio sono anche gli addetti alle pulizie e i parrucchieri.

Per far conoscere questi rischi ed aiutare datori di lavoro e lavoratori a prevenire le malattie cutanee professionali, Suva –istituto svizzero di assicurazione contro gli infortuni – ha realizzato un breve opuscolo.

La pubblicazione, pur contenendo riferimenti specifici relativi alla realtà svizzera, può essere un utile supporto informativo. La protezione della pelle sul lavoro.


 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!