Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Dispositivi di protezione delle mani e D.Lgs. 81/2008

Tiziano Menduto
 Tiziano Menduto
 DPI
12/06/2009: La normativa vigente, le indicazioni dell’allegato VIII del D.Lgs. 81/2008 relative all’uso di guanti protettivi e alcuni brevi consigli per la salute delle mani.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità

Prendendo spunto dalle “Linee Guida sui Dispositivi di Protezione Individuale”, curate del Servizio Prevenzione Sicurezza sui Luoghi di Lavoro dell’Azienda USL Roma H, PuntoSicuro continua il suo viaggio attraverso gli aspetti normativi e organizzativi dei dispositivi di protezione individuali in relazione al Decreto legislativo 81/2008.
Dopo aver parlato dei dispositivi di protezione anticaduta,  e dei dispositivi di protezione della testa, affrontiamo ora la protezione di quella che è la parte del nostro corpo più esposta: le mani.
 

---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----




Ricordando che le lesioni alle mani rappresentano circa un terzo di tutti gli infortuni sul lavoro, con l’aiuto delle linee guida indicate sopra vediamo alcune delle indicazioni contenute nell’allegato VIII del D.Lgs. 81/2008.
 
Ad esempio un elenco indicativo dei dispositivi di protezione delle mani:
- “guanti contro le aggressioni meccaniche (antitaglio, antivibrazione, ecc..);
- guanti contro le aggressioni chimiche;
- guanti per elettricisti ed antitermici;
- guanti a sacco;
- ditali;
- manicotti;
- fasce di protezione dei polsi;
- guanti a mezze dita;
- manopole”.
E un elenco indicativo e non esauriente delle lavorazioni che richiedono l’uso di guanti di protezione:
- “saldatura, manipolazione di spigoli vivi (esclusi i casi in cui sussista il rischio che il guanto rimanga impigliato nelle macchine), manipolazione a cielo aperto di prodotti acidi ed alcalini”. Mentre si utilizzeranno guanti a maglia metallica nelle operazioni di disossamento e di squartamento nei macelli, nell’attività protratta di taglio con il coltello nei reparti di produzione e macellazione, nella sostituzione di coltelli nelle taglierine. 
 
Inoltre le linee guida ricordano che i guanti devono corrispondere alle seguenti caratteristiche:
- “se usati contro tossici, devono rimontare il più alto possibile sugli avambracci e devono applicarsi ermeticamente a livello dell’apertura;
- devono essere sempre controllati prima dell’uso e non vi devono essere strappi;
- devono essere impermeabili all’aria e non perdere > 5% peso dopo esposizione protratta al calore se resistenti contro agenti chimici;
- sulla base della permeabilità agli agenti chimici vengono divisi in guanti che forniscono protezioni basse (P ), discrete (F) o buone (G) contro gli agenti chimici”;
 
In particolare, riguardo ad alcune specifiche attività e ai rischi correlati, si possono utilizzare dispositivi di protezione delle mani in:
- “gomma naturale contro tagli e punture nell’industria del vetro e in metallurgia”;
- “PVC nelle lavorazioni con oli, acidi , caustici e solventi (non chetoni)”;
-  “neoprene e gomma nitrilica ove vi sono calore, umidità , pericolo di tagli e acidi”;
- “neoprene ricoperti in lattice zigrinato dove occorre buona presa e resistenza a fattori meccanici e chimici”;
- “goretex e tessuti speciali per la difesa dalle basse temperature e da umidità”;
-  “latice nelle attività sanitarie e ove si richiede buona sensibilità tattile,resistenza ad acidi ed alcali diluiti”;
- “latex free in soggetti allergici al latice specie in attività sanitarie”.
 
Si ricorda inoltre che:
- “i solventi penetrano velocemente nel tessuto quanto più è elevata la temperatura;
- con il tempo tutti i guanti diventano permeabili: sostituzione necessaria dopo periodi di manipolazione continua si agenti chimici”;
- gli “elementi rotanti controindicano l’uso di guanti”;
- umidità e calore interni possono favorire l’assorbimento cutaneo di composti chimici;
- è possibile l’utilizzo contemporaneo di “creme barriera o di sottoguanti”.
 
Ricordando l’importanza delle nostre mani, non ci rimane a questo punto che concludere questa breve disamina raccogliendo i “Tre consigli per la salute delle mani” raccolti in un piccolo pieghevole per i lavoratori prodotto da Suva, istituto svizzero per l'assicurazione e la prevenzione degli infortuni:
 
- “proteggersi con guanti e creme idonee;
- lavarsi con detergenti delicati, prima di ogni pausa e di lasciare il posto di lavoro;
- curare la pelle quotidianamente con una crema adeguata”. 
 
 
 
Servizio Prevenzione Sicurezza sui Luoghi di Lavoro dell’Azienda USL Roma H, “Linee Guida sui Dispositivi di Protezione Individuale”, a cura del Servizio Prevenzione Sicurezza sui Luoghi di Lavoro dell’Azienda USL Roma H (formato PDF, 359 kB).
 
Suva, “Tre consigli per la salute delle mani”, pieghevole, 2009  
 
 
Tiziano Menduto


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!