LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuroNuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

18 aprile 2014 - Cat: Rifiuti
  

Prescrizioni per la sicurezza nella raccolta dei rifiuti


Una raccolta di prescrizioni tratte da una buona prassi validata dalla Commissione Consultiva. Indicazioni e rischi nella raccolta manuale, raccolta meccanizzata automatica, compattazione e ribaltamento, spazzamento e pulizia.

Pubblicità

Roma, 18 Apr – Non sono solo i dati relativi agli infortuni e alle malattie professionali che ci ricordano come l’industria dei rifiuti solidi urbani e in particolare la raccolta dei rifiuti siano ad elevato rischio per l’incolumità degli operatori. È sufficiente ragionare sui vari pericoli presenti in strada – movimentazione dei carichi, incidenti con automezzi,  cadute e scivolamenti, temperature esterne, rischi biologici e chimici, ... - per comprendere come sia importante ridurre i rischi con interventi preventivi e offrire agli operatori una formazione efficace.

Pubblicità
Modello DVRModelli di documenti - DVR Sicurezza Ecologia (Servizi Di Settore)
Categoria Istat: E - Fornitura Di Acqua Reti Fognarie, Attività Di Gestione Dei Rifiuti E Risanamento

Per aumentare la sensibilizzazione dei lavoratori sul tema della sicurezza nella raccolta rifiuti, torniamo a parlare di una buona prassi validata l’anno passato, nella seduta del 29 maggio 2013,dalla Commissione Consultiva Permanente per la salute e sicurezza sul lavoro.
La buona prassi, dal titolo “ Sicuramen… E TRA noi: formazione, non obbligatoria, in materia di sicurezza per tutti i dipendenti del settore ambiente, al fine di migliorare il SSL”, applicata dall’Azienda Energia Territorio Risorse Ambientali ( ETRA Spa), riguardava un intervento formativo relativo a lavoratori cui sono assegnate attività di spazzamento, di raccolta rifiuti, tutela e decoro del territorio con l’ausilio di strumenti, macchinari e veicoli per il trasporto e la movimentazione di rifiuti.
 
I documenti allegati alla scheda di presentazione della buona prassi contengono prescrizioni per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori e istruzioni operative inerenti la guida degli automezzi e i comportamenti da seguire nel utilizzo dei macchinari.
 
Nel documento/intervento “La Sicurezza si fa strada”, a cura della dott.ssa Lara Driutti e del dott. Giovanni Simioni, si ricorda che i lavori in strada sono “attività e operazioni necessarie a mantenere l’igiene pubblica e urbana” e riguardano:
- “raccolta periodica e continuativa dei rifiuti solidi urbani,
- spazzamento,
- pulizia meccanizzata ed il lavaggio di tutte le superfici e aree pubbliche”.
I rischi e pericoli sono molti. Ad esempio:
- “pericoli ambientali: traffico, affollamento, scarsa visibilità ed illuminazione, tortuosità, complessità degli spazi di manovra, inquinamento chimico fisico;
- rischi ambientali: incidenti stradali, colpi di calore, congelamento, contusioni, cadute, inciampi;
- pericoli traumatici da attrezzatura: manuale, meccanizzata, semovente;
- pericoli traumatici da mobilità individuale e da coordinamento operatori-mezzo: cadute dal basso all’alto, scivolamenti, inciampi, urti”.
 
Queste le prescrizioni per la raccolta manuale (svuotamento cestini e portarifiuti, svuotamento sacchi umido):
- “salire, scendere e caricare i rifiuti sul mezzo dal marciapiede o comunque dal lato più protetto rispetto alla strada;
- tenere sempre le luci accese e segnalatori lampeggianti;
- indossare i DPI: indumenti alta visibilità, calzature con suola antiscivolo e puntale anti schiacciamento, e guanti;
- prestare la massima attenzione durante gli attraversamenti;
- qualora il mezzo impedisca la visuale, sporgersi con la testa prima di uscire dall’ingombro”.
Si ricorda inoltre di “non comprimere mai i rifiuti tra le mani; non mangiare, non fumare, non toccare il viso con i guanti”.
 
Riguardo alla raccolta meccanizzata con assistenza manuale (sacchi e materiale sfuso non ingombrante, cassonetti, bidoncini) sono presentate varie prescrizioni per il conducente:
- “rispettare le norme del Codice della Strada ed i limiti di velocità;
- controllare l’efficienza dei dispositivi di sicurezza e di comando (impianto frenante, dispositivi di comando, avvisatore acustico e del lampeggiante, sensore uomo in pedana);
- evitare improvvisi cambi di direzione;
- adottare particolare precauzione nelle manovre in presenza di operatori a terra;
- controllare la pulizia ed il corretto orientamento degli specchi retrovisori;
- indossare la cintura di sicurezza in fase di trasferimento;
- divieto di guida con guanti di protezione;
- tenere le luci accese e i segnalatori lampeggianti di stazionamento;
- sostare in fase per la raccolta senza intralciare il traffico (per quanto possibile) eventualmente segnalare l’attività in maniera adeguata;
- l’autista in caso di attraversamento della sede stradale da parte del raccoglitore” deve “coadiuvare e darne preventivamente il consenso;
- rispettare i regolamenti dei siti di destinazione dei rifiuti o comunque dei luoghi di lavoro frequentati”.
Inoltre in fase di partenza e manovra:
- “evitare brusche frenate e ripartenze;
- prima di procedere con le manovre dovrà sempre verificare che i colleghi (ed ev. altre persone) si trovino in posizione di sicurezza;
- in caso di manovre difficoltose chiedere aiuto ai colleghi che devono comunque rimanere in posizione di sicurezza”.
E in caso di emergenza/malfunzionamento:
- “segnalare immediatamente al preposto eventuali malfunzionamenti o rotture del mezzo;
- in caso di guasti o malfunzionamenti non compiere interventi affrettati”.
 
Non mancano poi le prescrizioni per l’operatore a terra:
- “evitare spinte, trazioni, sollevamenti bruschi dei sacchi;
- per carichi pesanti aiutarsi con la spinta delle gambe;
- mantenersi sempre in posizione posteriore o laterale, e visibile dalla cabina di guida, rispetto al mezzo operatore: non attraversare davanti al mezzo operatore;
- qualora il mezzo impedisca la visuale, sporgersi prima con la testa;
- mantenersi sempre sul marciapiede o sul lato protetto della strada;
- indossare anche di giorno indumenti ad alta visibilità;
- mantenersi saldamente sulla piattaforma;
- non toccare mai il sollevatore o il cassonetto sollevato”.
Ed è necessario prestare massima attenzione durante gli attraversamenti.
 
Nella raccolta meccanizzata automatica è importante:
- “rispettare le norme del Codice della Strada ed i limiti di velocità;
- verificare attentamente le condizioni degli spazi di manovra e la presenza di pedoni o di altri veicoli;
- guida prudente in ragione delle dimensioni e complessità del mezzo;
 - scendere dal mezzo dopo aver verificato dal retrovisore laterale l’arrivo di nessun veicolo;
- in caso di emergenza o malfunzionamento del mezzo, attenersi a quanto stabilito nelle procedure aziendali;
- in caso di dubbio o difficoltà chiedere al proprio superiore;
- in fase di sosta azionare il freno a mano;
- tenere accese luci e segnalatori di direzione”.
 
Ricordando che l’ingombro dei cassonetti può nascondere un collega, nella fase di compattazione e ribaltamento l’operatore deve:
- “prima e durante l’azionamento del gruppo di sollevamento e di ribaltamento dei contenitori deve sempre accertarsi che non sia presente nessuna persona;
- assicurarsi sempre del corretto aggancio degli attacchi del dispositivo del voltacontenitore con i contenitori stessi;
- in caso di mancato aggancio riposizionare immediatamente il contenitore a terra e ripetere l’operazione;
- segnalare subito al preposto eventuali malfunzionamenti o rotture della macchina, nonché accidentali danneggiamenti ai dispositivi di protezione esistenti”.
Si segnala che l’operatore non deve:
- “avvicinarsi alle parti meccaniche in movimento durante le operazione di carico e scarico dei bidoni e/o dei cassonetti;
- avvicinarsi al meccanismo di compattazione costipazione;
- indossare capi d’abbigliamento svolazzanti o oggetti che possano impigliarsi nelle parti in movimento;
- rimuovere o modificare i dispositivi di protezione e di sicurezza presenti”.
 
E riguardo allo spazzamento e pulizia, queste le indicazioni per lo spazzamento manuale:
- “utilizzare i DPI;
- salire e scendere dal lato più protetto della strada;
- tenere sempre accese luci e segnalatori (attenzione di notte il rischio investimento è elevato);
- sulla sede stradale utilizzare l’eventuale segnaletica in dotazione;
- evitare gli attraversamenti pericolosi o in condizioni di scarsa visibilità”.
Nel caso di spazzamento meccanizzato con assistenza, queste le prescrizioni per il conducente del mezzo:
- “rispettare le norme del Codice della Strada;
- essere addestrati all’utilizzo del mezzo;
- salire e scendere dal mezzo dal lato protetto rispetto alla strada;
- tenere sempre accese luci e segnalatori lampeggianti;
- adottare particolare prudenza nella manovre e nella conduzione in presenza degli operatori”. L’operatore a terra deve:
- “non forzare i rifiuti sotto le spazzole rotanti, per evitare impigliamenti. Tenere lontano gli arti;
- dove possibile mantenersi sul marciapiedi;
- non attraversare la sede stradale davanti al mezzo operatore, ma mantenersi sempre in posizione laterale, in posizione visibile dalla cabina di guida del mezzo operatore;
- indossare il corpetto ad alta visibilità”.
 
Ricordando che il documento si sofferma anche su sul travaso fra mezzi e sullo svuotamento delle campane, concludiamo con alcune prescrizioni per lo spazzamento automatico:
- “rispettare le norme del Codice della Strada ed i limiti di velocità;
- essere addestrati all’utilizzo del mezzo;
- salire e scendere sempre dal lato più protetto rispetto alla strada;
- tenere sempre accese luci e segnalatori lampeggianti;
- in caso di guasto non compiere interventi affrettati o che vanno al di là delle proprie competenze”;
- “togliere le chiavi dall’interruttore generale se la spazzatrice viene lasciata incustodita;
- allontanare eventuale personale estraneo dalle lavorazioni;
- non indossare indumenti con maniche larghe, lacci o cinture;
- durante le operazioni di stallo si raccomanda di parcheggiare la macchina su di un pavimento piano ed orizzontale”.
 
 
Commissione Consultiva Permanente per la salute e sicurezza sul lavoro - Buone Prassi -Documento approvato nella seduta del 29 maggio 2013 - Sicuramen… E TRA noi: formazione, non obbligatoria, in materia di sicurezza per tutti i dipendenti del settore ambiente, al fine di migliorare il SSL– “Sicurament… E TRA noi”, percorso formativo di sensibilizzazione sul tema della sicurezza
 
 
RTM
 
 
Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Rispondi Autore: giuseppe argento18/04/2014 (09:02:46)
non ho capito , ma prima che inizio a fare l operatore ecologico anche a par-time il datore di lavoro ha l obbligo di farmi vaccinare?

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: