Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Falegnami a rischio infortuni

Redazione
 Redazione
 Lavorazione del legno
13/12/2006: Elevato l’indice di frequenza rilevato dall’Inail nel settore del legno. Meno infortuni mortali, più menomazioni permanenti.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità

I falegnami sono più a rischio infortuni rispetto ai muratori. Lo sostiene una recente rilevazione dell’Inail che colloca il settore del legno al terzo posto per frequenza degli infortuni con 59,4 infortuni indennizzati per 1000 addetti, preceduto dall’Industria dei metalli (65,2) e da quella della trasformazione dei minerali (63,9) e seguito dal settore delle Costruzioni (56,4).

---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----






In una analisi dell’andamento infortunistico del settore, presentata nella rivista Dati Inail, l’Istituto evidenzia che l’industria del legno si caratterizza per un ridotto numero di infortuni mortali e un elevato numero di infortuni che causano  menomazioni permanenti.
Una media effettuata sugli anni 2003-2005, mostra che su 9676 infortuni, 9067 hanno causato inabilità temporanea (93,7%), 595 menomazione permanente (6,15%) e 14 il decesso dell’infortunato. (0,14%).

Tra i rischi del settore è stata evidenziata l’esposizione alle polveri di legno duro, ritenute cancerogene.
A tale proposito l’Inail osserva che i lavoratori più esposti alle polveri di legno duro sono gli addetti alla fabbricazione dei mobili ed, in particolare, alla loro levigatura. “Proprio in questa fase – afferma l’Inail - , si registra la maggiore polverosità ambientale. A tale riguardo risulta fondamentale la messa in atto e l’osservanza delle misure di sicurezza specificamente previste, quali i sistemi di prevenzione ambientale (es. impianti di aspirazione) e i dispositivi di protezione individuale (es. apparecchi di protezione delle vie respiratorie, occhiali, copricapo e tuta da utilizzare esclusivamente negli ambienti di lavoro).”


 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!