Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Istruzioni operative per i provvedimento di sospensione dei lavori

Redazione
 Redazione
 Edilizia
03/03/2008: Dalla Regione Toscana dei chiarimenti per il personale ispettivo in relazione ai provvedimenti di sospensione delle attività. Confermata la competenza del Ministero del Lavoro nell'ambito dei cantieri edili in relazione a inosservanze sulla sicurezza.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità

 
 
Ad esempio la possibilità di disporre la sospensione di un'attività imprenditoriale in presenza di irregolarità in materia di legislazione sociale e di rapporti di lavoro o in presenza di  gravi e reiterate violazioni della disciplina in materia di tutela della salute e della sicurezza  sul lavoro.
 
Dopo l’emanazione della legge il Ministero del Lavoro ha pubblicato delle circolari, ad esempio quelle del 22 agosto 2007 (formato PDF, 1.78 MB) e del 14 novembre 2007, che chiariscono alcuni aspetti applicativi.
 
Recentemente, l’8 gennaio 2008, la Regione Toscana ha emesso specifiche istruzioni operative al personale AA.SS.LL., condivise con il Ministero del Lavoro e il Ministero della Salute, per  “uniformarne l’attività su tutto il territorio nazionale”.
 
 
 

---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





Riguardo alle competenze il documento non fa che ribadire quanto già affermato da precedenti circolari.  La competenza relativa all’adozione del provvedimento in presenza di violazioni in materia di tutela e sicurezza sul lavoro spetta al personale ispettivo delle AA.SS.LL., con riferimento a tutte le attività, e al personale ispettivo del Ministero del Lavoro e della previdenza sociale con riferimento alle sole attività nel settore delle costruzioni edili o di genio civile. Più in particolare con riferimento ai “lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione e risanamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura e in cemento armato, opere stradali, ferroviarie, idrauliche, scavi, montaggio e smontaggio di elementi prefabbricati; lavori in sotterraneo e gallerie, anche comportanti l’impiego di esplosivi”.
 
Il documento cerca anche di chiarire che si intenda per “gravi e reiterate violazioni” e come sia possibile verificare il requisito della reiterazione di una violazione.
 
Infine si occupa anche delle conseguenze di un’eventuale inosservanza del provvedimento di sospensione, dei termini per la regolarizzazione delle violazioni accertate e della revoca del provvedimento.
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!