Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

AGGIORNAMENTO CONTINUO SU COVID 19
Informazioni e approfondimenti sul Nuovo Coronavirus

 

Puntosicuro non verrà pubblicato dal 10 al 24 agosto. La redazione sarà chiusa e le attività riprenderanno il 25 agosto.
Buone vacanze!

esporta articolo in PDF

Partono i test antidroga per i lavoratori che svolgono mansioni a rischio

Redazione
 Redazione
 Lavoratori
20/11/2007: Pubblicata sulla Gazzetta ufficiale l’intesa raggiunta dalla Conferenza Stato Regioni sui controlli per l’accertamento di assunzione di sostanze stupefacenti per gli addetti a mansioni che comportano rischi per la sicurezza.
Pubblicità
 
È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il Provvedimento del 30 Ottobre 2007 “Intesa, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, in materia di accertamento di assenza di tossicodipendenza”, intesa ratificata il 30 ottobre scorso dalla Conferenza Unificata Stato-Regioni, Città e Autonomie Locali.
 
L’intesa prevedere controlli periodici sull’eventuale uso di sostanze stupefacenti o psicotrope, a garanzia della salute e della sicurezza dei lavoratori con mansioni che possono comportare rischi per sé o per i cittadini.
In particolare tutte le mansioni di guida di mezzi di trasporto ma anche il personale addetto alla circolazione dei treni e alla sicurezza dell'esercizio come i controllori di volo.


---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





Il datore di lavoro, prima di adibire un lavoratore ad una delle mansioni considerate a rischio “provvede a richiedere al medico competente gli accertamenti sanitari del caso, comunicandogli il nominativo del lavoratore interessato”,
Gli accertamenti devono verificare “l'assenza di assunzione di sostanze psicotrope e stupefacenti.”
Gli accertamenti andranno poi ripetuti “con periodicità da rapportare alle condizioni personali del lavoratore in relazione alle mansioni svolte”.
 
In caso di esito positivo degli accertamenti sanitari, il medico competente emette un giudizio di inidoneità temporanea alla mansione, che potrà essere modificato positivamente ove venga esclusa dal SERT (Servizio per le tossicodipendenze dell'Azienda sanitaria locale) una condizione di tossicodipendenza o venga attestato il positivo recupero. “Il medico competente al fine di certificare l'idoneità alla mansione provvederà, in maniera individualizzata rispetto ai rischi di assunzione sporadica, a effettuare controlli ripetuti per escludere l'assunzione di droghe da parte del lavoratore”.
 


Pubblicità

Creative Commons License
Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: ivano - likes: 0
08/02/2009 (16:30)
per primi lo facciano i parlamentari il test in quanto devono fare le leggi giuste per guidare un paese intero, altrimenti il paese sbanda. e si ricordino i signori che il 10 % degli elettori si droga e un altro 10% fa uso di tranquillanti o psicofarmaci. bisogna testare tutta la popolazione.
Rispondi Autore: marco cinti - likes: 0
10/06/2011 (10:54:56)
PER FAVORE AIUTATEMI . sono un dipendente della difesa,essendo possessore di patente militare per la guida di veicoli pesanti, vengo periodicamente sottoposto al test.
nell'aprile del 2011 ho subito un'operazione chirurgica, ho quindi subito un'anestesia e in seguito ho dovoto assumere dei farmaci antidolorifici, verso la fine di maggio 2011 al rientro al lavoro ,vengo sottoposto al test, che ovviamente risulta positivo.
dopo un'analisi piu approfondita della mia urina ,risulta positiva una sostanza contenuta in alcuni farmaci antidolorifici.
il medico militare senza darmi modo e tempo di fornire una cartella clinica, e un eventuale elenco di farmaci assunti in fase post operatoria , mi ha inviato a visita psichiatrica , da effettuarsi alla fine di luglio. ora la mia domanda è questa : è una normale procedura che io venga sottoposto a visita psichiatrica senza potermi prima dare modo di dimostrare che non sono drogato , o sto subendo un abuso ? se si qualcuno può spiegarmi come far valer i miei diritti ? GRAZIE .
Rispondi Autore: beniamino - likes: 0
18/07/2011 (17:25:29)
io sto facendo corso formativo lavoro nel immondizia pero non guido rimango dietro nella pedana e raccolgo immondizia le analisi che mi hanno fatto sono per la droga risp urgente
Rispondi Autore: Gianfranco Manigrasso - likes: 0
17/03/2012 (16:58:05)
e siiiiiiii.....e dove sta scritto che ti devo dare conto quando sto a casa............fammi il tampone ,e poi ti dò ragione ......
Rispondi Autore: gaetano - likes: 0
19/03/2015 (22:03:31)
Fra pochi giorni devo essere assunto in cantiere come Elettricista/idraulico e volevo sapere se Devo fare l'esame delle urine x il drug test.
da premettere che ho gia fatto le visite mediche riguardanti l'assunzione in cantiere dal medico del lavoro ma senza fare il test delle urine o del sangue.
Mi dovrò aspettare di fare il drug test?
spero in una risposta al piu presto, grazie

Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!