Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza: le cattive abitudini son dure a morire

Le immagini dell’insicurezza: le cattive abitudini son dure a morire
25/10/2019: I lavoratori che risultano correttamente formati, informati ed a conoscenza dei rischi specifici della propria attività, ma poi l’utilizzo delle attrezzature non è corretto.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Brescia, 25 Ott - Le foto delle immagini dell’insicurezza di SICURELLO.no di oggi sono state scattate pochi mesi fa, ma sembrano riportarci molto indietro nel tempo.

 

Pubblicità
MegaItaliaMedia

 

La situazione di cantiere è quella classica: ditta che deve eseguire gli intonaci, lavoratori che risultano correttamente formati, informati ed a conoscenza dei rischi specifici della propria attività e poi iniziano a lavorare. E qui la sorpresa: anziché utilizzare i tradizionali cavalletti e relativi tavoloni di dimensioni e spessori adeguati messi a disposizione dall’impresa affidataria del cantiere, scaricano dal furgone i loro piani di lavoro.

 

 

 

Per loro sono il supporto migliore e più funzionale, collaudato da anni ed anni di lavoro ed esperienza. La perplessità del fotografo però è ben riposta: cavalletti realizzati con tavole e “murali” in legno semplicemente chiodati tra loro, piani di lavoro composti utilizzando le tavole metalliche dei ponteggi (sistema utilizzato usualmente ma non corretto in quanto questi elementi non sono compatibili con l’utilizzo su cavalletti tradizionali) e via dicendo.

 

La formazione c’è, in merito alla sua efficacia qualche perplessità però sussiste.

 

 

Geom. Stefano Farina, Consigliere Nazionale AiFOS  

 

Fonte:   SICURELLO.no : l’evidenza dei mancati infortuni 

  




Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Rispondi Autore: Paolo Emilio Battaglia
02/11/2019 (10:54:06)
Mi sorprende la vostra sorpresa! Ma, dove sono i controlli, e le sanzioni?? Qualcuno ha verificato che cosa quegli operai trasportassero nel "loro" furgone (si suppone fornito dalla ditta stessa), nel quale i "loro" piani di lavoro non conformi NON DOVEVANO ESSERCI PROPRIO!! La formazione è del tutto inutile se non è seguita dalla verifica SUL CAMPO: c'è un diluvio di Cassazioni in proposito! Ma appunto: incidente, responsabilità, condanne confermate! Non sia mai si controlli qualcosa!

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!