Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Le immagini dell’insicurezza

Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Regione Marche,  29 Nov - Anno dopo anno – nelle attività di posizionamento delle  luminarie natalizie - siamo testimoni di ripetute violazioni in materia di sicurezza.
 
Le immagini dell’insicurezza di oggi – che ci arrivano dalla regione Marche – attestano un problema che accomuna tutta l’Italia: il mancato rispetto delle prescrizioni minime di sicurezza nell’utilizzo di PLE ( piattaforme di lavoro elevabili): più volte, e non solo a ridosso delle festività natalizie, su queste pagine abbiamo affrontato l’argomento e non ci stancheremo mai di sottolineare la pericolosità di queste situazioni.

Pubblicità
Formazione operatori per PLE con e senza stabilizzatori
Materiale didattico per formatori conforme allegato III ASR 22/2/2012

 

 

 
 
Pensiamo solo a cosa potrebbe succedere all’operatore o agli utenti in caso di collisione tra i mezzi (auto e furgoni) che transitano sulla sede stradale e la PLE, a problemi causati da cedimenti strutturali, alla caduta di materiali dall’alto o all’ esecuzione di manovre errate.
 
In particolare nelle immagini odierne vediamo una PLE posizionata a ridosso di un incrocio di una strada urbana, con un operatore a terra ed uno in quota. Non vi è traccia di alcun tipo di segnalazione/compartimentazione delle aree di lavoro o di movieri che disciplinino il traffico, vi sono mezzi che transitano sulla strada a ridosso della piattaforma e direttamente sotto il braccio mobile della stessa su cui tranquillamente sta operando l’addetto al montaggio degli addobbi.
 
Ricordiamo che le regole esistono ed i soggetti  che devono farle rispettare e prendere provvedimenti sono molteplici (a partire dal Committente che molte volte è un Ente Pubblico) ed è proprio questo che stupisce: il problema è noto, le soluzioni (anche a costi contenuti) esistono, ma pochi si muovono per far “rispettare la legge” e non sempre le segnalazioni sortiscono effetti.
 
Compartimentare le aree, far adottare i prescritti DPI quali cinture di sicurezza (1), indumenti ad alta visibilità, elmetto di protezione, ecc., disciplinare il traffico di mezzi e pedoni (magari scarso, ma comunque presente) non sono provvedimenti impossibili da adottare o far adottare.
 
Siamo a fine novembre e nelle nostre città e paesi gli addobbi natalizi sono ormai montati ed accesi. Nel gennaio 2014 sicuramente qualcuno andrà a smontarle. Speriamo che l’anno nuovo porti consiglio e che sia un consiglio di sicurezza.
 
 
 
Geom. Stefano Farina, Responsabile Nazionale Comitato Costruzioni di AiFOS
 
 
 
(1) D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - ALLEGATO VI:
4 Disposizioni concernenti l’uso delle attrezzature di lavoro che servono a sollevare persone
4.1 Sui ponti sviluppabili e simili gli operai addetti devono fare uso di idonea cintura di sicurezza.
Linea guida ISPESL per la scelta, l’uso e la manutenzione di DPI contro le cadute dall’alto:
9.1.4 Protezione dalle cadute da piattaforme mobili
… si devono usare esclusivamente dispositivi anticaduta che consentono o una caduta totalmente prevenuta o una caduta contenuta.
L'uso di dispositivi che consentono una caduta limitata o una caduta libera dovrà essere consentito soltanto in casi eccezionali dopo che sia stato attentamente valutato oltre che lo capacità di resistenza dell'ancoraggio, anche gli effetti che le sollecitazioni dinamiche inducono nella stabilità dell'intero sistema di sostegno della piattaforma e degli altri lavoratori che contemporaneamente siano presenti.
 
 
 
 
 
 
Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Rispondi Autore: tonino milone
29/11/2013 (08:18:35)
Esperienza personale: due anni fa persi un amico e collega per le luminarie. Pensi basti questo per sensibilizzare sull'argomento.

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!