Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Incentivi INAIL: dal SGSL alla responsabilità sociale di impresa

19/12/2013: I vantaggi e i costi della Responsabilità sociale d'impresa, il decreto 81, la norma UNI ISO 26000 e il sostegno dell’Inail alle aziende: sono i temi trattati nell’intervista di PuntoSicuro a Lucina Mercadante, Direzione Centrale Prevenzione dell’INAIL.
Incentivi INAIL: dal SGSL alla responsabilità sociale di impresa
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Bologna, 19 Dic – Un tema poco conosciuto ma importante, anche in relazione all’attenzione alla sicurezza nelle aziende, è relativo alla Responsabilità sociale d'impresa (RSI). Dove essere un’ impresa socialmente responsabile vuol dire tener conto non solo degli aspetti economici della gestione aziendale, ma anche dell'ambiente e del contesto sociale in cui l’azienda, l’impresa è inserita. E nelle imprese la responsabilità sociale può essere un importante fattore di competitività.
 
Per parlare di questi temi abbiamo intervistato, ad Ambiente Lavoro 2013 di Bologna, Lucina Mercadante della Direzione Centrale Prevenzione dell’ INAIL che interveniva come moderatrice, il giorno successivo all’intervista, al convegno Inail “Dai modelli organizzativi e di gestione ex dlgs 231/01 alla responsabilità sociale di impresa: strumenti ed applicazioni per la salute e sicurezza nelle PMI” del 18 ottobre 2013.
 
L’intervista parte dal desiderio di conoscere meglio la Responsabilità sociale d'impresa - tema di diversi convegni organizzati in questi anni dall’Inail – e vuole comprendere come l’Inail possa “aiutare le imprese a diventare imprese socialmente responsabili”.
Cosa devono fare le aziende per arrivare ai finanziamenti, al sostegno alle imprese fornito dall’Inail?
 

Pubblicità
Upgrade a Easygest 3.0 da versioni 2.x
Upgrade a versione Easygest Sicurezza e Ambiente 3.0 per i possessori di Easygest Safety 2.x
 
 
La D.ssa Mercadante non solo ci illustra i punti cardine di una RSI, ma ci indica i passi in concreto che deve fare un’azienda e i legami stretti che ci sono tra la responsabilità sociale d’impresa e il Decreto legislativo 81/2008. Quali sono i riferimenti alla RSI nel decreto 81?
 
Quale invece è la relazione o, meglio, la correlazione tra la RSI, i modelli organizzativi e i Sistemi di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro? Ad esempio “un elemento che lega il modello organizzativo 231 alla responsabilità sociale è il codice etico”...
 
L’intervista fornisce poi informazioni sulla norma UNI ISO 26000Guida alla responsabilità sociale” e si sofferma sui vantaggi, sui benefici e sui costi della responsabilità sociale...
 
Perché, come ricordato dalla D.ssa Mercadante, “il problema reale è che è difficile avvicinare l’azienda alla RSI se la immaginiamo come qualcosa di astratto”.
È invece importante sottolineare come essere socialmente responsabili in fondo voglia dire innanzitutto per un’organizzazione “lavorare bene”.
 
Buon ascolto.
 
 
 
 

 
 
 
 
Intervista a cura di Tiziano Menduto
 
 
 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!