Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

I quesiti sul decreto 81: sull’obbligo del POS

I quesiti sul decreto 81: sull’obbligo del POS
18/02/2015: Sull’obbligo o meno da parte di un’impresa affidataria non esecutrice di redigere il POS per un appalto di lavori da svolgere in un cantiere temporaneo o mobile. A cura di G. Porreca.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Bari, 18 Feb – Un quesito sull’obbligo o meno da parte di un’impresa affidataria non esecutrice di redigere il POS per un appalto di lavori da svolgere in un cantiere temporaneo o mobile.
Il quesito è scaturito a seguito del commento fatto da un lettore all’articolo I quesiti sul decreto 81: la valutazione dei rischi in subappalto, che vi invitiamo a riprendere per una maggiore comprensione di quanto segue. Risposta a cura di Gerardo Porreca ( www.porreca.it).
 
Quesito
Dovendo un’ impresa appaltatrice effettuare dei lavori di costruzione in un cantiere edile e avendo la stessa subappaltato integralmente i lavori che gli sono stati affidati dal committente è tenuta essa comunque a redigere il POS e se sì come fa ad inserire nel documento gli elementi richiesti nell'allegato XV del D. Lgs. n. 81/08 non essendo esecutrice?
 


Pubblicità
MegaItaliaMedia
 
 
Risposta
A quanto pare rimangono ancora dei dubbi in merito agli obblighi a carico delle imprese affidatarie che nei cantieri temporanei o mobili non eseguono alcuna attività lavorativa in quanto hanno trasferito integralmente i lavori avuti in appalto dal committente e più in particolare il dubbio se un’ impresa affidataria non esecutrice debba o meno redigere il piano operativo di sicurezza (POS). Spesso i dubbi sull’applicazione del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i. sono dovuti al fatto che le disposizioni dettate da tale decreto legislativo non sempre brillano di coerenza e non sempre sono comunque ben coordinate fra di loro ed è quello che si riscontra in questa circostanza nell’esaminare il caso segnalato nel quesito al quale si dà risposta.
 
Come al solito per rispondere a un quesito occorre risalire alle fonti normative di riferimento che in questa circostanza sono costituite da alcuni articoli del D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. e più precisamente dall’art. 89 sulle definizioni, dall’art. 96 sugli obblighi del datore di lavoro, dall’art. 97 sugli obblighi in particolare del datore di lavoro dell’impresa affidataria, dall’art 101 sugli obblighi di trasmissione dei piani operativi di sicurezza nonché dall’allegato XV dello stesso D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. riportante i contenuti minimi dei POS medesimi, articoli dei quali occorre effettuare una lettura attenta e coordinata.
 
 
(...)
 
 
La risposta completa è disponibile per gli abbonati in area riservata:
 
 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Rispondi Autore: Luigi Barbera
18/02/2015 (18:26:25)
Non ho letto la risposta integrale, in quanto non abbonato,ma ,avendo un po' di esperienza, ritengo che sarebbe un vero"falso in atti" redigere un POS su attività che non si svolgono...

Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!