Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

I quesiti sul decreto 81: PSC o DUVRI?

Pubblicità
 
Bari, 19 Ott - Sul campo di applicazione del titolo IV del d. lgs. n. 81/2008. A cura di Gerardo Porreca ( www.porreca.it).
 
Quesito
Sono RSPP di un impianto di Termovalorizzazione e ho una domanda da porre. Nel caso del rifacimento del rivestimento in refrattario del forno da parte di una ditta esterna è necessario redigere il PSC, trattandosi di lavori edili, o è sufficiente  elaborare il DUVRI?
 

Pubblicità
Progetto Sicurezza Cantieri (P.S.C.) - Versione 4.0
Software per la redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento, del fascicolo tecnico per la gestione dei compiti nei cantieri edili

Risposta
Quella della definizione delle attività alle quali applicare le disposizioni di cui al Titolo IV del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, contenente il Testo Unico in materia di salute e di sicurezza sul lavoro, è un argomento molto discusso in quanto il legislatore, allorquando ha inteso definire i cantieri temporanei o mobili, è stato un po’ lacunoso per cui la domanda del tipo di quella formulata dal lettore è molto ricorrente.
 
Nei casi in cui si tratta di fare degli interventi di manutenzione o di ristrutturazione  su impianti che possono comunque comportare anche la esecuzione di lavori di natura edile lo scrivente è solito fare delle considerazioni che qui vanno a ripetersi.
 
I primi dubbi sull’applicazione della cosiddetta Direttiva Cantieri alla installazione, ristrutturazione, trasformazione, rinnovamento, riparazione e smantellamento di impianti, sono sorti a seguito della lettura del comma 2 dell’allegato I del D. Lgs. 14/8/1996 n. 494, che per la prima volta ha recepita in Italia la Direttiva stessa, allorquando nel riportare l’elenco dei lavori edili o di genio civile che sono da considerare cantiere temporaneo o mobile, ai fini della applicazione dello stesso decreto legislativo, veniva indicato che:
 
“Sono inoltre lavori edili o di genio civile gli scavi, il montaggio e lo smontaggio di elementi prefabbricati, la ristrutturazione o equipaggiamento, la trasformazione, il rinnovamento, la riparazione, lo smantellamento, il consolidamento, il ripristino e il montaggio e smontaggio di impianti che comportano lavori di cui al comma 1 o all'allegato II”,
 
tenendo presente che il citato comma 1 dell’Allegato I del D. Lgs. n. 494/1996 era quello con il quale veniva indicato un elenco di lavori da ritenersi lavori edili o di genio civile e riguardanti quei lavori che possiamo definire edili o di genio civile veri e propri e cioè i lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione e risanamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o altri materiali, le opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche, di bonifica, di sistemazione forestale e di sterro e che l’allegato II dello stesso decreto era quello nel quale venivano indicati dei lavori comportanti rischi particolari per la salute e la sicurezza dei lavoratori.
 
Già il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale con la Circolare 18/3/1997 n. 41, contenente le prime direttive per l’applicazione del D. Lgs. n. 494/1996 e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 75 dell’1/4/1997, aveva precisato in merito alla applicazione agli impianti di tale decreto, facendo riferimento proprio al punto 2 dell’allegato I, che le lavorazioni nello stesso indicate, fra le quali venivano riportate quelle relative agli impianti, rientravano nel campo di applicazione del decreto medesimo solo nella ipotesi in cui si svolgessero all'interno di un cantiere edile o di genio civile ovvero comportassero lavori di tal genere ed aveva aggiunto, altresì, a titolo esemplificativo  che “l'attività di manutenzione di un impianto, che di norma non rientra nella ordinaria tipologia dei lavori edili o di genio civile, è assoggettata alle disposizioni del decreto legislativo n. 494/1996 solo qualora venga svolta all'interno di un cantiere edile o di genio civile”.
 
Successivamente con il D. Lgs. 19/11/1999 n. 528, che ha apportato delle modifiche al D. Lgs. n. 494/1996 si è provveduto, probabilmente proprio per chiarire tale circostanza,  ad eliminare significativamente dal punto 2 dell’allegato I sopraindicato il periodo riguardante “la ristrutturazione o equipaggiamento, la trasformazione, il rinnovamento, la riparazione, lo smantellamento, il consolidamento, il ripristino e il montaggio e smontaggio di impianti che comportano lavori di cui al comma 1 o all'allegato II” che compariva nella versione originale del decreto.
 
Con l’emanazione poi del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, che ha abrogato il D. Lgs. n. 494/1996 e s.m.i. ma che lo ha sostanzialmente recepito nel Capo I del Titolo IV, l’elenco dei lavori edili o di ingegneria civile, già riportato nell’allegato I del D. Lgs. n. 494/1996, è stato inserito nell’allegato X del nuovo decreto legislativo e dalla sua lettura emerge chiaramente che è stata confermata la eliminazione del riferimento ai lavori sugli impianti ed in più è stato precisato, anche se solo con riguardo agli impianti elettrici, che l’applicazione delle disposizioni relative ai cantieri temporanei o mobili va riferita solo ai lavori relativi alle “parti strutturali” degli impianti elettrici stessi. A tal proposito è da precisare ancora che successivamente con il D. Lgs. 3/8/2009 n. 106, che ha apportato modifiche ed integrazioni al D. Lgs. n. 81/2008, nell’art. 88 relativo al campo di applicazione nel comma 2 è stata aggiunto, rispetto alla versione originale, la lettera g-bis secondo la quale le disposizioni sui cantieri temporanei o mobili non si applicano “ai lavori relativi a impianti elettrici, reti informatiche, gas, acqua, condizionamento e riscaldamento che non comportino lavori edili o di ingegneria civile di cui all’allegato X” ed in più si fa rilevare che, quando nell’allegato X del D. Lgs. n. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. n. 106/2009, è stato fatto riferimento alle linee elettriche, per la cui costruzione erano sorti i primi dubbi, è stato precisato che l’applicazione delle disposizioni sui cantieri temporanei o mobili è da riferirsi anche essa ai lavori sulle “parti strutturali” delle linee elettriche e non sulle linee elettriche stesse.
 
Alla luce di quanto sopra detto quindi nonché sulla base delle considerazioni appena svolte lo scrivente in definitiva ritiene che ai lavori di cui al quesito non si debbano applicare le disposizioni di cui al Titolo IV del D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. Si fa comunque osservare che quello della individuazione se applicare o meno le disposizioni del Titolo IV del D. Lgs. n. 81/2008 è in verità un falso problema in quanto se pure non si ritiene che sussistano gli obblighi da parte del committente di nominare il coordinatore e di far redigere il PSC, obblighi tra l’altro che come è noto scattano solo nel caso della presenza in cantiere di più imprese esecutrici, potrebbe comunque sussistere la convenienza da parte dello stesso a volerlo fare in quanto pur non ritenendo che non siano applicabili le disposizioni di cui al Titolo IV devono comunque essere applicate quelle di cui all’art. 26 del Titolo I relative all’affidamento dei lavori in appalto secondo le quali ugualmente il committente datore di lavoro, effettuandosi i lavori appaltati nell’ambito della propria azienda, è  tenuto a coordinare e cooperare con le imprese appaltatrici, subappaltatrici ed i lavoratori autonomi che riceve all’interno della propria azienda, fosse pure un’unica impresa, nonché a fare preventivamente la verifica della idoneità tecnico professionale delle stesse, a scambiarsi con esse le informazioni in relazione ai rischi specifici, ad individuare i rischi interferenziali ed a redigere in collaborazione con ogni singolo appaltatore il documento unico di valutazione dei rischi interferenziali (DUVRI), che sostanzialmente contiene gli stessi elementi del PSC che il committente invia alla ditta appaltatrice e del POS che l’impresa esecutrice restituisce al committente stesso, ed è tenuto altresì ad effettuare, in esecuzione dei lavori, la verifica che le misure individuate nello stesso DUVRI siano state tutte realizzate.
 
Ed allora, così come ama dire lo scrivente in tali casi per quanto riguarda l’applicazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi, “se non è zuppa è pan bagnato”.
 
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Rispondi Autore: Sabina Spagnolo - likes: 0
19/10/2011 (15:34:51)
egr. Ing. Porreca, vorrei una precisazione riguardo al quesito discusso sopra. Probabilmente non ho ben chiaro come sia fatto un impianto di termovalorizzazione ma quando si parla di sostituzione del rivestimento in refrattario del forno, non ci si riferisce a lavori di tipo edile?.
grazie.
Rispondi Autore: Michele La Grasta - likes: 0
20/10/2011 (09:41:50)
Egr. Ingegnere la mia perpelessità è relativa alla opportunità di definire un lavoro edile nel caso in cui si opera in condizioni di manutenzioni su parti strtturali che non vanno eprò a modificare le stesse, ma sulle quali si và ad agire, vale a dire murature su cui si fnano fori, si incassano box, si adoperano attrezzature di foratura, si creano cartongessi. In tal caso è opportuno far ricadere tali alvori in Titolo IV ? Grazie mille!
Rispondi Autore: antonio colonna - likes: 0
24/05/2012 (17:21:25)
sono un funzionario di una provincia, quindi ente locale.Devo affidare i lavori per l'installazione di alcune insegne lungo le strade di nostra competeza.Devo redigere il DUVRI o fare il pos qualora la ditta aggiudicataria dovesse fare il subappalto?grazie
Rispondi Autore: Tullio Perleonardi - likes: 0
13/07/2012 (18:13:56)
Ho una azienda commerciale e da una verifica fatta il 09/07/2012 da parte dell'ASL per il controllo delle messe a terra ci siamo accorti che nei pozzetti di nostra proprietà passano abusivamente dei cavi di altre utenze.
Il verbale ASL dice: all'interno della proprietà della Ditta si è riscontrata la presenza di cunicoli e pozzetti con il transito di cavi afferenti ad altre utenze.Si invita la Ditta ad affrontare tale problematica onde evitare che si creino situazioni di rischio (Testo unico della sicurezza del lavoro) per i dipendenti della stessa Ditta nonchè per gli operatori esterni che accedono all'interno della Ditta e che devono effettuare interventi manutentivi.
Visto che il verbale parla di rischio, e mettiamo il caso di un incendio o di un infortunio da parte di un operaio che rimane fulminato e siccome non possiamo togliere la corrente alle altre utenze chiedo quale è la norma che vieta di far passare nella nostra proprietà cavi afferenti ad altre utenze.
Cordiali saluti.

Tullio Perleonardi
Rispondi Autore: Gian Paolo Montermini - likes: 0
30/03/2016 (10:31:03)
Egr. ing. Porreca in merito al quesito dei lavori all'interno della camera di combustione di un inceneritore mi permetto di evidenziare che spesso si tratta di lavori edili che prevedono il montaggio di un ponteggio di altezza superiore anche a 20 metri, demolizioni con martello pneumatico, casserature e gettate di calcestruzzo refrattario.
Spesso in coincidenza con tali lavori edili sono effettuati lavori di controllo e manutenzione sulla strumentazione e sulla griglia metallica.
Ritengo pertanto che quasi sempre i lavori di riparazione delle pareti di refrattario all'interno della camera di combustione di un inceneritore rientrino nel titolo IV del D. Lgs 81.
Cordiali saluti
Rispondi Autore: . - likes: 0
21/10/2016 (14:38:49)
In merito al quesito PSC o DUVRI, ma se il rifacimento di rfrattario coincide con altrio lavori all'interno dello stesso forno eseguiti da altre imprese come ci si deve comportare?
Grazie
Rispondi Autore: daniele chiocca - likes: 0
28/04/2019 (01:31:12)
dipende sempre anche dai contratti che il dl committente fa alle imprese.
Saluti
Rispondi Autore: daniele chiocca - likes: 0
28/04/2019 (01:42:47)
E soprattutto dai rischi presenti in cantiere e le imprese che concorrono all'opera anche non in contemporanea. La normativa è chiara su questo aspetto quando applicare il titolo IV ...

Utente (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento (obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!