Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!
  

I quesiti sul decreto 81: ASPP e formatore

I quesiti sul decreto 81: ASPP e formatore
07/02/2018: Sulla possibilità da parte di un addetto al servizio di prevenzione e protezione (ASPP) di formare i lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Quesito

Sono da diversi anni ASPP di una azienda appartenente a un gruppo Ateco e ho provveduto e provvedo a formare in materia di salute e sicurezza sul lavoro i lavoratori dell’azienda stessa. Posso, secondo le norme vigenti, formare anche i lavoratori di aziende appartenenti ad altri settori Ateco?

 

 

Pubblicità
ASPP - Aggiornamento 20 ore - Tutti i settori
Corso online di aggiornamento per ASPP di attività appartenenti a tutti i settori di attività ATECO 2007. Il corso costituisce credito formativo per ASPP, Docenti-formatori e Coordinatori per la sicurezza sul lavoro.
 

Risposta

Il quesito è stato formulato da un addetto al servizio di prevenzione e protezione (ASPP) che opera presso una azienda, appartenente a un settore Ateco, presso la quale provvede e ha provveduto a formare i lavoratori in materia di salute e di sicurezza sul lavoro. Lo stesso ora chiede se, in applicazione delle disposizioni di legge e regolamentari vigenti, può formare anche i lavoratori di aziende appartenenti a settori di attività diversi. Si coglie l’occasione, per rispondere al quesito, per fare il punto sulla situazione per quanto riguarda la formazione dei lavoratori e per quanto riguarda i requisiti che devono possedere i docenti-formatori che possono impartirla.

 

Come è noto il D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, contenente il Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro, con l’art. 37 comma 1 ha stabilito che il datore di lavoro deve assicurarsi che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza sul lavoro con particolare riferimento (lettera a) ai concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti e doveri dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo, assistenza e (lettera b) ai rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell'azienda.

 

(…)

 

 

La risposta completa è disponibile per gli abbonati in area riservata:

 

Ing. Gerardo Porreca – I quesiti sul decreto 81 – Sulla possibilità da parte di un addetto al servizio di prevenzione e protezione (ASPP) di formare i lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

 



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!

Ti potrebbero interessare anche


Commenti:


Rispondi Autore: Paolo Marzollo07/02/2018 (13:12:03)
Sono d'accordo sul fatto che un docente sia preparato e che abbiaconoscenza di metodologia didattica. Purtroppo penso che ci sia troppa gente che si vanta di essere un docente, ma non ci sono controlli sull'aggiornamento e sulle apacità didattiche

FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome: (obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: