Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

QUANTO SIAMO AVVELENATI?

20/10/2005: Scopriamolo con un test on line. Basta rispondere a 10 domande per sapere se il nostro livello di rischio contaminazione da sostanze tossiche è così alto da preoccuparci.

Pubblicità

Il WWF lancia la Settimana di informazione contro i prodotti chimici tossici patrocinata dal Segretariato sociale RAI.

“Che tipo sei? Avvelenato o svelenato?” Basta un semplice con un test da fare in casa, da solo o con gli amici rispondendo a 10 domande basate sui comportamenti e le abitudini quotidiane.

In pochi minuti sapremo se il nostro livello di rischio - contaminazione dalle centinaia di sostanze tossiche con le quali possiamo entrare in contatto è così alto da preoccuparci.

Il test-sondaggio creato dal WWF per la Settimana di informazione contro i prodotti chimici tossici, giunta al suo secondo anno, patrocinata dal Segretariato sociale RAI, sono ironiche e divertenti e aiutano a riflettere, ma col sorriso, su un tema grave che affligge il pianeta: in tutto il mondo persone ed animali sono minacciati da agenti chimici che possono alterare lo sviluppo sessuale, neurologico e del comportamento, impedirne la riproduzione e minare il sistema immunitario (vedere PuntoSicuro n. 1336).

Il test proposto dal WWF, suggerisce anche indirettamente i comportamenti da adottare per limitare la minaccia ed è uno strumento per informare i cittadini sul problema e sulle soluzioni da adottare per difendersi dai prodotti chimici tossici che affiancherà gli approfondimenti che i principali programmi televisivi e radiofonici RAI offriranno.

Al termine della settimana si vedrà quanto sarà alta la percentuale di “avvelenati o svelenàti” di coloro che hanno partecipato.


Scienziati e ricercatori di livello internazionale stanno cominciando a preoccuparsi per le sempre maggiori evidenze degli effetti negativi degli interferenti endocrini e delle sostanze chimiche bioaccumulabili. Molti scienziati hanno firmato una dichiarazione del WWF in cui si afferma che sarebbe prudente eliminare o ridurre al minimo l’esposizione agli interferenti endocrini, e che bisognerebbe rendere obbligatorio, quando possibile, il ricorso ad alternative più sicure rispetto alle sostanze ad alta persistenza ed elevata bioaccumulabilità (vPvBs, very persistent and very bioaccumulating substances).

 

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Utente:
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!