Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Dossier calore: tutte le informazioni per combattere il caldo

21/07/2008: I documenti più interessanti per datori di lavoro, lavoratori e cittadinanza alle prese con i disagi e i pericoli delle alte temperature del caldo estivo. Opuscoli, guide e fact sheet disponibili on line.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità

In Italia è arrivato il caldo estivo, è arrivato spesso in modo soffocante e repentino dopo una situazione climatica che quest’anno, in certe zone del Nord, ricordava più l’autunno che l’estate.
Per questo motivo le temperature alte in tutta la penisola, con diverse province che superano ampiamente i 30 gradi, hanno creato allarme nella Protezione civile specialmente in relazione alle fasce della popolazione più colpite dalle conseguenze del caldo: gli anziani e i bambini.
Un’altra fascia di popolazione a rischio è sicuramente quella costituita dai lavoratori che lavorano all’aperto o comunque in condizioni ambientali che risentono del gran caldo.
 
---- L'articolo continua dopo la pubblicità ----





Per tutte queste persone PuntoSicuro ha scelto di raccogliere in un dossier, le decine di documenti che possono dare strumenti e consigli per difendersi ed evitare le conseguenze della canicola estiva: colpi di calore, stanchezza, esaurimento, insufficienza respiratoria,...
 
Tra i documenti più autorevoli e diffusi sicuramente ci sono quelli prodotti dai ministeri italiani all’approssimarsi del caldo. Per la campagna "Estate sicura 2008: come vincere il caldo" il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali ha pubblicato quattro opuscoli, che PuntoSicuro ha presentato nei giorni scorsi:
 
- opuscolo per la popolazione (formato PDF, 413 kB)
 
Riguardo alle ondate di calore di quest’anno ricordiamo che dal 25 giugno è attivo il numero verde 1500 che fornirà ai cittadini informazioni e consigli, dispensati da personale appositamente formato, sulle misure di prevenzione da adottare, su cosa fare in caso si verifichino problemi dovuti al caldo e sui servizi attivati da Regioni e Comuni.
 
 
Informazioni sulle ondate di calore in relazione alle attività lavorative in esterno si possono trovare in un documento dell’AUSL di Forlì – Dipartimento Sanità Pubblica. In questo documento, oltre a ricordare le manifestazioni patologiche legate all’esposizione al caldo, si indicano gli obblighi del datore di lavoro e si riporta la Carta dell’indice di calore:
 
- Ondate di calore e attività lavorative in esterno, Ausl Forlì (formato PDF, 217 kB).
 
 
Rimanendo nella regione dell’Emilia –Romagna è possibile consultare in una sezione del sito dell’ARPA, Azienda Regionale Prevenzione e Ambiente dell’Emilia-Romagna, un bollettino giornalmente aggiornato della situazione del caldo in regione e ricevere consigli su come comportarsi per limitare il disagio:
 
- Consigli pratici per combattere il caldo, pagina web del sito ARPA;
 
 
Qualche giorno fa PuntoSicuro ha presentato una check list, sul sito web di SUVA (azienda svizzera nel campo dell'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni), per individuare rischi e pericoli derivanti dalla canicola, dai raggi UV e dall’ozono:
 
- Lista di controllo: “Lavorare sui cantieri all’aperto nei giorni di canicola”, Suva (formato PDF, 561 kB).  
 
Sempre attraverso SUVA – non dimenticando che le informazioni legislative indicate fanno riferimento alle normative svizzere – si possono raggiungere molti altri documenti utili ai lavoratori e alle imprese:
 
- Pieghevole "Caldamente raccomandato nei giorni di canicola!" (formato PDF, 119 kB);
- Approfondimento sui pericoli della canicola estiva: Fact sheet calore (formato PDF, 64 kB);
- Approfondimento sui rischi dell’ozono e dello smog estivo: Fact sheet smog estivo e ozono (formato PDF, 72 kB);
- Approfondimento sulle radiazioni solari (raggi UV): Fact sheet protezione solare sul lavoro (formato PDF, 76 kB);
- Pagina web di SUVA dedicata a informazioni generali sul caldo e sull’ozono.
 
Altri enti, ad esempio l’Ispesl, hanno approfondito i rischi delle radiazioni solari elaborando una guida per datori di lavoro e lavoratori. Questo rischio deve essere, quindi, valutato dal datore di lavoro, che deve inoltre mettere in atto adeguate misure preventive:
 
- “La radiazione solare ultravioletta: un rischio per i lavoratori all'aperto”, Ispesl Dipartimento di medicina del lavoro, Associazione Italiana Dermatologi Ambulatoriali, CNR (formato PDF, 930 kB).
 
Sempre per i lavoratori, alcuni semplici consigli pratici in un breve depliant della Provincia Autonoma di Trento - Servizio Edilizia Pubblica e Logistica, Nucleo di prevenzione e protezione:
 
- Emergenza caldo estivo (formato PDF, 75 kB).
 
Altre regioni, in questo caso la Regione Lombardia, hanno pubblicato in questi anni diversi opuscoli per aiutare la cittadinanza a difendersi dal caldo.
 
Estate 2008:
 
Precedenti opuscoli:
- Difendersi dal caldo (formato PDF, 351 kB);
- Emergenza caldo (formato PDF, 457 kB);
 
Infine PuntoSicuro che, oltre a presentare documenti vari, ha contribuito in questi anni a informare i lavoratori e la popolazione sul rischio del caldo con i propri articoli:
 
- Affrontare il caldo...al lavoro: come prevenire i disagi dovuti alle alte temperature. Consigli per chi svolge la sua attività all’aperto e per chi lavora in ambiente chiuso;
- Gran caldo...attenzione anche all'ascensore: alcuni semplici consigli per affrontare i disagi della calura estiva;
- Caldo ed intossicazioni alimentari: il rischio può celarsi anche nel frigorifero. Alcuni consigli;
- I rischi del caldo: come affrontarli? Parte I, Parte II. Dal Ministero della Salute alcuni consigli per gli anziani e non solo;
- Attenzione agli occhiali da sole:troppo spesso dimenticati o scelti con poca attenzione alle caratteristiche di sicurezza. Bambini e anziani le categorie più a rischio;
 

 

Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento




Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!