Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
esporta articolo in PDF

Pubbliche amministrazioni: attenzione allo scambio dei dati personali

Pubbliche amministrazioni: attenzione allo scambio dei dati personali
Adalberto Biasiotti
 Adalberto Biasiotti
 Privacy
02/05/2017: Una sentenza della corte di giustizia europea sottolinea che le pubbliche amministrazioni devono fare molta attenzione quando acquisiscono dati personali dei cittadini, prima di comunicarli ad altre pubbliche amministrazioni.
Per visualizzare questo banner informativo è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'
Pubblicità
MegaItaliaMedia

 

Le pubbliche amministrazioni devono fare molta attenzione quando acquisiscono dati personali dei cittadini, prima di comunicarli ad altre pubbliche amministrazioni.

Questa sentenza della corte di giustizia europea ha fatto chiarezza su un argomento, che spesso le pubbliche amministrazioni sottovalutano.

 

Ad esempio, in Italia è frequente il fatto che le amministrazioni comunali chiedano agli erogatori di servizi pubblici, come ad esempio acqua ed energia elettrica, i dati personali degli interessati, che hanno stipulato un contratto di servizi.

L’obiettivo è quello di individuare eventuali abitazioni abusive o individuare abitazioni, che vengono dichiarate non occupate, mentre invece qualcuno le occupa, assorbendo energia ed acqua.

 

La sentenza ha fatto chiarezza su un punto, molto dibattuto, in quanto, almeno in Italia, molte amministrazioni comunali ritenevano che bastasse un provvedimento del sindaco perché le società erogatrici di energia od altro fossero obbligate a comunicare questi dati al comune richiedente.

 

Nessuna misura nazionale può consentire un’amministrazione pubblica di trasmettere dati personali ad un’altra amministrazione pubblica, fini di trattamento, senza che i soggetti interessati non siano stati previamente informati e non abbiano avuto chiara illustrazione delle finalità del trattamento.

 

 

Adalberto Biasiotti

 

 

Sentenza della Corte di giustizia europea (Terza Sezione) del 1° ottobre 2015



Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'

Hai qualcosa da dire su questo articolo? Aggiungi ora il tuo commento


Ad oggi, nessun commento è ancora stato inserito.
Nome e cognome: (obbligatorio)
Email (se vuoi ricevere l'avviso di altri commenti)
Inserisci il tuo commento:(obbligatorio)

Leggi anche altri articoli sullo stesso argomento:


Forum di PuntoSicuro Entra

FORUM

Quesiti? Proponili nel FORUM!