LOGO - Home Page
Dal 1999 il quotidiano sulla sicurezza sul lavoro, ambiente, security
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi ogni giorno le principali notizie sulla sicurezza nei luoghi di lavoro!
Iscriviti alla newsletter di PuntoSicuro
Accedi alla Banca Dati
Accedi alla Banca Dati di PuntoSicuroNuovo utente?
X
Condividi
questa pagina sul Social Network a cui sei già loggato!

  

Le applicazioni delle direttive ATEX: unità filtro e sili


Un documento in rete affronta alcuni aspetti applicativi della Direttiva Atex 94/9/CE con particolare riferimento a unità filtro e sili. Le definizioni, le strutture europee correlate alla direttiva, le “consideration paper” e le norme tecniche.

Pubblicità

PuntoSicuro sta presentando diversi documenti che possano favorire la prevenzione degli incidenti negli ambienti di lavoro a rischio di esplosione, con particolare riferimento alle direttive ATEX. E alla conoscenza e applicazione di queste direttive dell'Unione Europea per la regolamentazione di apparecchiature destinate all'impiego in zone a rischio di esplosione, è dedicata una sezione specifica del sito dell’ Ispesl, ricca di informazioni e contenuti costantemente aggiornati.
 
In questa sezione è stato pubblicato un documento tratto dal convegno “ Il rischio da atmosfere potenzialmente esplosive per le macchine, le direttive Atex e l’impiego di sistemi di protezione”, convegno organizzato dall’Ispesl che si è tenuto il 3 luglio 2009 a Roma.




  

Pubblicità
La valutazione del rischio esplosioneSupporti per formatori - La valutazione del rischio esplosione
Modello di corso su Slide in formato PDF per formatori sulla sicurezza

 
Il documento pubblicato - dal titolo "Unità Filtro e Sili - Applicabilità della Direttiva 94/9/CE" e relativo all’intervento di Fausto Di Tosto (Dipartimento Certificazione e Conformità di Prodotti ed Impianti  - Ispesl) - affronta alcuni aspetti applicativi della Direttiva 94/9/CE.
 
Riguardo alla Direttiva 94/9/CE (Decreto 3 febbraio 2005 - GU 17 febbraio 2005) per apparecchi e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfera potenzialmente esplosiva, il documento riporta alcune definizioni utili per la sua applicazione:
 
- apparecchi, art. 1, paragrafo 3(a): “si intendono le macchine, i materiali, i dispositivi fissi o mobili, gli organi di comando, la strumentazione e i sistemi di rilevazione e di prevenzione che, da soli o combinati, sono destinati alla produzione, al trasporto, al deposito, alla misurazione, alla regolazione e alla conversione di energia ed alla trasformazione di materiale e che, per via delle potenziali sorgenti di innesco che sono loro proprie, rischiano di provocare un' esplosione”;
- sistemi di protezione, art. 1, paragrafo 3(b): “i dispositivi, diversi dai componenti, la cui funzione è bloccare sul nascere le esplosioni e/o circoscrivere la zona colpita dalle fiamme e dalla pressione derivante dall’esplosione che sono immessi separatamente sul mercato come sistemi con funzioni autonome” (esempi: arrestatori di fiamma, barriere di soffocamento, sistemi venting, sistemi di contenimento, …);
- assiemi (…apparecchi … che da soli o combinati …): “una combinazione di due o più apparecchi e di eventuali dispositivi e/o componenti che viene immessa sul mercato da un fabbricante come singola unità funzionale”;
- impianti: “una integrazione/assemblaggio di più prodotti (come intesi dalla direttiva) forniti da uno o più fabbricanti la cui installazione in loco viene effettuata dall’utilizzatore finale”.
A questo proposito l’autore ricorda che:
- “l’impianto definito non rientra nella direttiva 94/9/CE;
- la valutazione del rischio esplosione deve essere effettuata dall’utilizzatore nell’ambito dalla direttiva sociale 99/92/CED.Lgs. 81/08 Titolo XI”.
 
L’autore ricorda che nell’ambito della Commissione UE - 94/9/CE, esistono diverse strutture che curano lo sviluppo e la gestione della direttiva:
 
- “il Comitato Permanente ATEX (ATEX Standing Committee) istituito in base all’art.6 della direttiva 94/9/CE che ha l’obiettivo di affrontare le questioni relative alla gestione e all’interpretazione delle disposizioni della direttiva e di eventuali problemi particolari che non possono essere risolti a livello nazionale. Il Comitato è composto dai rappresentanti ufficiali degli Stati membri ed è coadiuvato dal Working Group ATEX”;
- al fine di discutere di questioni relative alla sorveglianza del mercato e di altre questioni di interesse reciproco, le autorità nazionali si incontrano nella commissione informale denominata ADCO (cooperazione amministrativa);
- per garantire la coerenza di comportamenti tra i diversi ON (organismi notificati, ndr), vi è un gruppo indipendente chiamato ExNBG (European ATEX Notified Bodies Group), che esamina e concordare specifici problematiche sull’applicazione della direttiva. I documenti emessi da questo gruppo sono inviati anche al Comitato permanente ATEX;
- infine, i due Comitati che in ambito CEN e CENELEC si occupano dello sviluppo delle norme armonizzate relative alla direttiva 94/9/CE ovvero il CEN/TC 305 e CLC/TC 31 rispettivamente”. 
 
Il documento continua presentando la “Consideration paper” sulle Unità Filtro e Sili emessa dall’ ATEX Standing Committee.
 
La Consideration Paper “How should the Directive be applied to filter units and vented silo bins?” si basa su alcune premesse:
- “molte unità filtro e sili possono avere atmosfere esplosive interne causate da polveri durante il loro esercizio;
- in genere dette aree interne vengono classificate come aree 20 o 21;
- tali apparati sono spesso alloggiati in aree esterne o in edifici che non necessitano di essere classificati come aree pericolose;
- ad eccezione di casi trattati al punto 5-a) e 7) la descrizione assume che dette unità non presentino esse stesse sorgenti di rilascio di polveri in grado di generare aree pericolose nel loro intorno;
- la descrizione considera anche che molti di detti apparati sono spesso equipaggiati con dispositivi di protezione quali pannelli di scarico, o dispositivi di soppressione”.
 
Rimandando il lettore alla lettura del documento originale per approfondire i dettagli tecnici contenuti nella “consideration paper”, riportiamo infine le norme tecniche inerenti i sistemi “costruttivi” per la protezione contro le esplosioni.
 
Scarico dell'esplosione (Explosions relief o Venting):
- EN 14491, Dust explosion venting protective systems;
- EN 14994, Gas explosion venting protective systems.
 
Soppressione dell'esplosione (Explosions suppression):
- EN 14373, Explosion supression systems. 
 
Progettazione resistente all'esplosione:
- EN 14460 – Explosion resistant products;
- EN 13445-1, General;
- EN 13445-2, Materials;
- EN 13445-3, Design;
- EN 13445-4, Fabrication;
- EN 13455-5, Inspection testing;
- EN 13445-6, Requirements….
 
Progettazione dei sistemi di isolamento dell'esplosione:
-EN 15089 – Explosion isolation systems.
    
 
ISPESL, " Unità Filtro e Sili - Applicabilità della Direttiva 94/9/CE", a cura di Fausto Di Tosto - Dipartimento Certificazione e Conformità di Prodotti ed Impianti  - Ispesl, intervento al  convegno “Il rischio da atmosfere potenzialmente esplosive per le macchine, le direttive Atex e l’impiego di sistemi di protezione”  (formato PDF, 1.60 MB).
 
 
 
 
Tiziano Menduto 
 


Creative Commons License Questo articolo è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
 

Forum PuntoSicuro

QUESITI? proponili nel FORUM

 


Commenta questo articolo!


Nessun commento è ancora presente.
FBEsegui il login a Facebook per pubblicare il commento anche sulla tua bacheca
GPEsegui il login tramite Google+!
GPEsegui il login tramite Twitter!
Nome e cognome:
(obbligatorio)
E-Mail (ricevi l'avviso di altri commenti all'articolo)
Inserisci il tuo commento: